Aiutaci. Grazie.

Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Cristolu di Salvatore Niffoi

"Cristolu" di Salvatore Niffoi
Titolo:Cristolu
Titolo originale:Cristolu
Autore:Salvatore Niffoi
Editore:Il Maestrale
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:2003
Pagine:177
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Italiano
Genere:Romanzo
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di:Denise Mereu
:

1899 visualizzazioni

L'autore
Salvatore Niffoi è nato in Italia, ad Orani, nel 1950.

A Orotho vivono poche anime, un luogo in cui il tempo passa inesorabile e uno dei pochi rifugi contro il dolore è la chiesa, che accoglie la frustrazione di giovani e vecchie vestite a lutto.

“L’astore mi piaceva perché aveva ali per sognare e unghie affilate per dilaniare. L’astore è la fatica della vita, la leggerezza della morte. Un proiettile freddo che sa quando partire e dove cadere”.

A Orotho vivono poche anime, un luogo in cui il tempo passa inesorabile e uno dei pochi rifugi contro il dolore è la chiesa, che accoglie la frustrazione di giovani e vecchie vestite a lutto. Qui Don Frunza trascorre la sua esistenza immerso nelle riflessioni sulla vita e sulla morte, ma anche sulle origini leggendarie di questo piccolo paese. Un giorno il ritrovamento del diario di Barore Suvergiu darà una svolta a questa vita sempre uguale, è il diario di un uomo di fede che perde la vocazione, ma che ha vissuto esperienze di vita che saranno d’esempio per tutti. Raccolti tutti i paesani in chiesa inizia a parlare della vita di Cristolu, una storia che Don Frunza racconta dal pulpito, e che da subito pare appassionare quei paesani che sempre più spesso la domenica prendono posto per la messa, pur di sentire le vicende di quel frate fuori dal comune. Nel diario Cristolu racconta della sua vita e dei suoi familiari, in particolare del carattere pacato e sereno del nonno che non ha mai visto una volta preoccupato o dispiaciuto per qualcosa, e della gelosia della gente per questo suo vivere in pace con se stesso. Una famiglia unita che alla sera si riunisce davanti al fuoco a ridere e scherzare, Cristolu è legatissimo a quelle terre, è convinto di essere nato fra le montagne, accanto a un fiume, e non certo come nascono tutti i bambini. Infatti Cristolu ha qualcosa dentro, una sensibilità particolare che gli fa fare cose straordinarie.
Da quando Don Frunza racconta la storia di Cristolu in chiesa è cambiato il suo rapporto con i fedeli, che forse senza neanche rendersene conto migliorano la propria vita. La vita di Cristolu è intrisa di fantasia e miracoli, attorno a questa storia la curiosità è sempre più grande. Cristolu è davvero speciale, ma chissà se come tutti i miti è esistito davvero, Don Frunza fa delle ricerche ma non trova niente su di lui o la famiglia, alla fine è la leggenda che impone la voglia di credere in qualcosa di più grande di noi. Grande e piccolo allo stesso tempo, Cristolu, diventa un uomo di fede. Presto però questa viene messa a dura prova, quando arriva la notizia della morte di Paulina, la sorella, uccisa in modo vigliacco e barbaro. La voglia di giustizia terrena diventa più forte della fede in Dio. Una storia, quella di Cristolu, raccontata in chiesa per sottolineare come a Orotho ci sono sempre state le famiglie potenti e dominatrici, che impongono il divieto di andare avanti con quel racconto in chiesa, ma Don Frunza non si fa intimorire, non avrebbe avuto senso altrimenti leggere la storia di Cristolu che lui voleva portare come esempio di cristianità, e lasciare i suoi fedeli con un vuoto, dopo essere riuscito a riavvicinarli alla chiesa. Due uomini di fede con destini diversi, ma con entrambi un gran coraggio, quello necessario per affrontare la propria natura, i propri stati d’animo e la voglia innaturale di vendetta, che vista appunto la loro devozione a Dio non dovrebbe esistere, ed invece ciò che li renderà grandi sarà proprio il coraggio delle loro scelte.

PAGELLA
Scorrevolezza:7.5
Valore artistico:7
Contenuti:7.5
Globale:7.5
I libri catalogati di Salvatore Niffoi:
Cristolu (2003)
Cristolu
il Pane di Abele
Il postino di Piracherfa (2000)
Il Postino Di Piracherfa
Il viaggio degli inganni (2001)
Il Viaggio Degli Inganni
La leggenda di Redenta Tiria (2003)
La leggenda di Redenta Tiria
La sesta ora (2003)
La Sesta Ora
La vedova scalza
Citazioni di Salvatore Niffoi:
Ninè, non ti ho mai regalato niente, ver...
In quell’istante e per la prima volta ...
Oropische, paese insonne e senza tempo,...
Io aspettavo sempre la neve come un mir...
Io aprivo gli occhi e mi guardavo intor...
Vedere Bachis era un po’ come vedere i...
Caro Melampu, non c’è peggior cosa del...
Si era dimenticato che lui era nato ad...
L’astore mi piaceva perché aveva ali pe...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!
Donazioni BitCoin:
132vG2BSxxG5FLGWpVRe8t9FsW2iiCSNqg
Aiuta ALK Libri donando Bitcoin

Sì | No