Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Il colonnello Chabert di Honoré de Balzac

"Il colonnello Chabert" di Honoré de Balzac
Titolo:Il colonnello Chabert
Titolo originale:Le colonel Chabert
Autore:Honoré de Balzac
Editore:Newton Compton
Collana editoriale:100 pagine 1000 lire
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1832
Pagine:94
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Francese
Genere:Romanzo breve
Keywords:colonnello,Chabert,colonel,Balzac,Honoré
Prezzo :1000
Codice ISBN:88-7983-725-7
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
Recensione vocale:Il_colonnello_Chabert_rece_Roberta.opus, 115911 bytes
:

4438 visualizzazioni

L'autore
Honoré de Balzac nacque in Francia, a Tours, nel 1799. È morto a Parigi, nel 1850.

Si è dedicato principalmente a questi ambiti: realismo.

Cosa succede quando un ufficiale considerato morto in battaglia ritorna alla sua casa, alla sua città?

“Il colonnello Chabert” è un romanzo breve caratterizzato dall'accorato richiamo alla nostra coscienza. In un mondo fatto di cupidigia e opportunismo, si muove un ufficiale dato per morto in battaglia.
Questo volume è stato inserito nella commedia umana di Honoré de Balzac, ed è una delle sue vette di lirismo espressivo e dai forti e intensi contenuti. Pregnante, coerente, questo quadro realizzato dall'autore riesce a commuovere per la sua forte carica emozionale e per il contenuto morale e umano.
Piacevole lettura, si colloca bene in un contesto pre-naturalista in cui la narrazione si richiama all'etica dell'uomo, del lettore, prima che si affermassero i grandi affreschi mondani e sociali di autori come Gustave Flaubert e, successivamente, quelli realisti e precisi di Émile Zola.

PAGELLA
Scorrevolezza:8
Valore artistico:8
Contenuti:9
Globale:9

Consigliato a:

Consiglio questo libretto sia agli appassionati di letteratura francese dell'Ottocento, e in particolare di Honoré de Balzac, sia a quanti ancora non conoscono l'autore di "Papà Goriot". Se vi è piaciuto questo volume, vi consiglio di leggere gli altri di Honoré de Balzac, come "Le illusioni perdute" e "Splendori e miserie delle cortigiane". Per chi vuole approfondire la letteratura del periodo, consiglio di leggere Victor Hugo ("Notre-Dame de Paris"), Alexandre Dumas padre ("Il conte di Montecristo"), ma soprattutto Gustave Flaubert ("Madame Bovary") e Émile Zola ("Germinale", "L'assommoir - L'ammazzatoio").

TRAMA

Nel 1817, dieci anni dopo la battaglia di Eylau, che vedeva contrapposte la fazione francese e quella prussiana, il colonnello Hyacinthe Chabert, soldato della Grande Armata creduto morto ma in realtà rimasto sepolto vivo sotto i cadaveri, deve affrontare i disagi di un ritorno a casa nella Parigi della Restaurazione.

Lì trova la moglie sposata con un altro uomo, il conte Ferraud, e i suoi beni usurpati. Racconta la sua storia all'avvocato Derville, il quale prende a cuore la sua causa e si adopera per aiutarlo a riprendere il proprio posto nella società. La nuova contessa Ferraud non è disposta però a cedere i soldi al marito e decide quindi di portarlo nella sua villa di campagna. Lì tenta di sedurlo e di fargli firmare un documento in cui dichiari di non essere Chabert ma un impostore. L'intento naufraga ma la contessa otterrà comunque dal colonnello quello che vuole.

Incipit del libro Il colonnello Chabert di Honoré de Balzac:

Toh! ancora la nostra vecchia palandrana! L'esclamazione era sfuggita a uno scrivano, del genere di quelli che negli studi vengon chiamati galoppini e che in quel momento affondava i denti mangiando con grande appetito, un pezzo di pane. Lo scrivano ne staccò un po' di mollica per farne una pallottola che lanciò attraverso lo sportello d'una finestra alla quale si appoggiava. Ben diretta, la pallottola rimbalzò quasi all'altezza della finestra, dopo aver colpito il cappello d'uno sconosciuto che attraversava la corte d'una casa posta in via Vivienne, ove dimorava il signor Derville, procuratore legale.


[...]
I libri catalogati di Honoré de Balzac:
Addio
Addio - Il figlio maledetto - El Verdugo
All'insegna del gatto che gioca alla palla
Eugenia Grandet (Eugénie Grandet) (1833)
Eugénie Grandet
Farragus, capo dei Divoranti
Il ballo di Sceaux
Il colonnello Chabert (Le colonel Chabert) (1832)
Il colonnello Chabert (Le colonel Chabert) (1832)
Il Figlio Maledetto
Il giglio della valle
Il medico di campagna (Le médecin de campagne) (1833)
Il parroco del villaggio
L'ultima incarnazione di Vautrin
L'unica dote
La borsa
La commedia umana
La cugina Betta
La cugina Bette (La cousine Bette) (1846)
La cugina Bette
Citazioni di Honoré de Balzac:
(pag. 45-46) Se perseguiva tenac...
(pag. 48) Le sofferenze morali,...
Una notte d’amore è un libro letto in me...
O mia adorata..., sono impaziente come u...
Il male possiede una voce poderosa che d...
È noioso desiderare sempre e non soddisf...
Che cosa c'è di più bello del contemplar...
È proprio nella natura femminile provare...
L'insuccesso ci fa sentire sempre il pot...
(pag. 93) Esistono nella nostra...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!