Aiutaci. Grazie.

Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Uto di Andrea De Carlo

"Uto" di Andrea De Carlo
Titolo:Uto
Titolo originale:Uto
Autore:Andrea De Carlo
Editore:Bompiani
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1995
Pagine:334
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Italiano
Genere:Romanzo
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di:Denise Mereu
:

1363 visualizzazioni

L'autore
Andrea De Carlo è nato in Italia, a Milano, nel 1952.

Per sapere qualcosa di più su Andrea De Carlo, potete andare sul sito web ufficiale dell'autore, disponibile a questa pagina:
http://www.andreadecarlo.com/.

Esiste un luogo in cui le persone vivono per "costruire" la felicità; una comunità spirituale tagliata fuori dal mondo e dalla sua frenesia.

Esiste un luogo in cui le persone vivono per "costruire" la felicità; una comunità spirituale tagliata fuori dal mondo e dalla sua frenesia. Uto è un ragazzo di diciannove anni, che per superare un brutto trauma causato dal suicidio del patrigno viene spedito dalla madre in questa comunità, nel tentativo di ritrovare la serenità che dovrebbe avere un ragazzo così giovane e già provato dalla vita. Un ragazzo di grande talento, un pianista promettente che ha già deciso di chiudersi al mondo e alla consuetudine della vita che lo circonda. Accolto calorosamente nella casa di legno della famiglia Foletti, Uto troverà un clima e dei personaggi a dir poco singolari, che basano la loro vita sugli insegnamenti spirituali e filosofici del guru di questa cittadina, denominata appunto Peaceville. Qui tutti collaborano con tutti, si vive lontano dallo stress e dalle ansie, dai tormenti e dalle gelosie, si è sempre disponibili e non si litiga mai. Sembrerebbe un vero paradiso, ma la presenza di Uto porterà un vero sconvolgimento nella vita di questa comunità, in particolare la famiglia Foletti che si rende conto di aver trascorso tutti questi anni coltivando una vera illusione. La grande capacità di Uto sta nel descrivere alla perfezione gli stati d'animo di chi lo circonda, e intuirne le intenzioni e i pensieri pur senza doverci per forza parlare, cosa rarissima visto che il suo ruolo è quello dello scontroso e ribelle, che riesce forse proprio per questo, ad attirare l'attenzione senza dover far niente di particolare, anche se la sua presenza non passa certo inosservata, sempre vestito di pelle nera in un posto cosi spirituale in cui ci si veste di bianco e si mangiano solo cose sane. Un libro coinvolgente, dal finale che lascia senza parole.

PAGELLA
Scorrevolezza:7
Valore artistico:6
Contenuti:6
Globale:6
I libri catalogati di Andrea De Carlo:
Uto (1995)

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!