Inizio > Indice Recensioni > Scheda: I viaggi di Gulliver di Jonathan Swift

"I viaggi di Gulliver" di Jonathan Swift
Titolo:I viaggi di Gulliver
Titolo originale:Gulliver's Travels
Autore:Jonathan Swift
Editore:Bibliomania.it
Tipologia del supporto:Digitale
Anno di pubblicazione:1726
Pagine:91
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Inglese
Genere:Romanzo
DRM:
:

1177 visualizzazioni

L'autore
Jonathan Swift nacque in Irlanda, a Dublino, nel 1667. Morì a Dublino, nel 1745.

"I viaggi di Gulliver" (titolo originale: Gulliver's Travels) è un romanzo scritto da Jonathan Swift, originariamente pubblicato nel 1726 in inglese.

Questa edizione in italiano è pubblicata da Bibliomania.it (91 pp.).

Incipit del libro I viaggi di Gulliver di Jonathan Swift:

PARTE PRIMA

UN VIAGGIO A LILLIPUT



CAPITOLO I.


L'autore parla in succinto della propria nascita, della propria famiglia e dei motivi che primieramente lo indussero a viaggiare, e come, avendo fatto naufragio, si salvasse a nuoto arrivando al paese di Lilliput, dove venne fatto prigioniero e trasportato nell'interno.

Mio padre era un piccolo possidente della contea di Nottingham, ed io ero il terzo dei suoi cinque figli. Avevo quattordici anni quando fui mandato a Cambridge, nel Collegio Emmanuele, ove studiai con molta diligenza. Ma dopo qualche tempo la mia famiglia non poté sostenere la spesa, tuttoché modesta, della mia pensione, sicché dovetti lasciare il collegio e sistemarmi a Londra presso il celebre chirurgo Giacomo Bates, dal quale rimasi quattro anni come apprendista.
Ma io sentivo che il mio destino m'avrebbe portato a viaggiare per mare, sì che ogni piccola somma che mio padre buon'anima ogni tanto mi mandava, io l'impiegavo nello studio delle matematiche e della navigazione. Infine riuscii a cavar di sotto a mio padre, a mio zio e a qualche altro parente una quarantina di sterline, oltre alla promessa d'una pensione di trenta sterline all'anno, e con questi mezzi mi recai a Leida per laurearmi in medicina; ciò che feci dopo due anni e mezzo, ripromettendomene gran profitto nei miei futuri viaggi di lungo corso.


[...]
Explicit: I viaggi di Gulliver di Jonathan Swift:

Per contro gli Houyhnmhnm, che vivono sotto il governo della Ragione, non si gonfiano d'orgoglio per le loro buone qualità più di quanto potrei farlo io per non esser privo d'un braccio o d'una gamba: cose di cui a nessun uomo assennato verrebbe in mente di vantarsi, ancorché la loro mancanza lo renderebbe un povero disgraziato. Mi dilungo su questo argomento poiché nutro l'ambizione di rendere la compagnia d'uno Yahoo d'Inghilterra non del tutto intollerabile: supplico pertanto coloro che siano macchiati pur lievemente da quell'assurdo vizio di non osare presentarsi alla mia vista.
{{NDR|Jonathan Swift, ''I viaggi di Gulliver'' (''Travel into several remote nations of the world. In four parts. By Lemuel Gulliver''), traduzione di Gianni Celati, Universale Economica Feltrinelli, 1997. ISBN 8807821397}}


[...]
I libri catalogati di Jonathan Swift:
I viaggi di Gulliver (Gulliver's Travels) (1726)
Il leone non mangia la vera vergine
Istruzioni ai domestici (Directions to Servants) (1731)
Citazioni di Jonathan Swift:
Chissà cosa avrebbe scoperto Colombo se...
C'era un Architetto molto ingegnoso che...
E lui diede questa opinione: che chiunqu...
La ragione per cui sono così pochi i mat...
La satira è una sorta di specchio dove c...
La gelosia come il fuoco può accorciare...
Qui giace il corpo di Jonathan Swift, o...
Se un uomo mi tiene a distanza, la mia c...
Si accusano tanto gli uomini di ignorare...
Un uomo non dovrebbe mai vergognarsi di...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!