Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Hannibal di Thomas Harris

"Hannibal" di Thomas Harris
Titolo:Hannibal
Titolo originale:Hannibal
Autore:Thomas Harris
Editore:Arnoldo Mondadori Editore
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1999
Pagine:430
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Inglese
Genere:Romanzo
Argomento:Thriller
Keywords:Hannibal,Harris,Thriller,horror,cannibale,hopkins
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di:Denise Mereu
:

1617 visualizzazioni

L'autore
Thomas Harris è nato negli Stati Uniti d'America, a Jackson, nel 1940.

Per sapere qualcosa di più su Thomas Harris, potete andare sul sito web ufficiale dell'autore, disponibile a questa pagina:
http://www.randomhouse.com/features/thomasharris/.

Dopo anni di silenzio, Thomas Harris ritorna con un libro destinato ad avere grande successo, in cui continua a narrare le vicende del cannibale più famoso di tutti i tempi: il dottor Hannibal Lecter.

Dopo anni di silenzio, Thomas Harris ritorna con un libro destinato ad avere grande successo, in cui continua a narrare le vicende del cannibale più famoso di tutti i tempi: il dottor Hannibal Lecter. Dopo la rocambolesca fuga dal carcere di massima sicurezza lo ritroviamo nella nostra patria, più precisamente a Firenze, e in questi sette lunghi anni non ha mai perso di vista le imprese della giovane Clarice Starling, con la quale aveva stretto una collaborazione, il famoso "quid pro quo" che le fece risolvere il caso del serial killer Jame Gumb dandole, almeno per un po', una certa notorietà. Sono in molti ad avere come obiettivo la cattura di Lecter, chi per i soldi, come l'ispettore italiano Pazzi, chi per vendetta personale come Mason Veirger, vittima del dottore. Stavolta il libro è incentrato più sulla figura di Clarice Starling e questi altri personaggi che non sui tormenti del suo passato, ma si intuisce da subito l'attrazione del dottore verso l'agente; Starling nega a se stessa di ricambiare questa attrazione, ma poi fa di tutto per evitargli la tortura a cui vuole sottoporlo il suo ex paziente Mason. Per la prima volta Lecter parla della sua infanzia, attraverso i ricordi, e forse ciò che lega i due è anche una sorta di solidarietà tra orfani: Starling conosce la paura che si prova nel ritrovarsi davanti una persona che ti conosce così bene, che ti dice sempre la verità, e in questo il Dottor Lecter è geniale. da questo punto di vista quindi, il finale è abbastanza prevedibile, forse anche per la diversità dell'approccio narrativo di Harris rispetto al precedente romanzo. Si dà più spazio all'azione, con minuziose descrizioni di particolari nelle scene più concitate come i blitz, vicende ambientate fra gli Stati Uniti e l'Italia, dove quest'ultima però è vista come patria di artisti, o criminali, senza vie di mezzo: Hannibal rimane in assoluto il re dei serial killer, grazie ad una narrazione geniale e ipnotica che muta continuamente i confini di una realtà che credevamo di conoscere. Naturalmente anche al cinema è stato un grande successo per il film interpretato come sempre da un magistrale Anthony Hopkins, mentre al posto di Jodie Foster nel ruolo di Clarice Starling troviamo Julianne Moore, da molti ritenuta meno brava dell'algida Foster. Nonostante la velata delusione del film, il romanzo rimane bello e coinvolgente, se è possibile ancora più macabro nella descrizione dei particolari, ma è proprio ciò che caratterizza il genio creativo, e a tratti morboso di Harris.

PAGELLA
Scorrevolezza:6
Valore artistico:7
Contenuti:6
Globale:6

Consigliato a:

Consigliato a chi, dopo "Il silenzio degli innocenti", non vuol perdere la seconda parte della saga di Harris.

Personaggi e concetti creati da Thomas Harris:
Hannibal Lecter (Personaggio, dal libro Hannibal)
Clarice Starling (Personaggio, dal libro Hannibal)
I libri catalogati di Thomas Harris:
Black sunday
Drago Rosso
Hannibal (1999)
Hannibal
Hannibal Lecter - Le origini del male
Hannibal Lecter – Le origini del male
Il delitto della terza luna
Il silenzio degli innocenti
Citazioni di Thomas Harris:
Will Graham fece sedere Crawford al tavo...
Dolarhyde sopportava gli urli di dolore...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!