Aiutaci. Grazie.

Inizio > Indice Recensioni > Scheda: L'isola del giorno prima di Umberto Eco

"L'isola del giorno prima" di Umberto Eco
Titolo:L'isola del giorno prima
Titolo originale:L'isola del giorno prima
Autore:Umberto Eco
Editore:Rizzoli
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1994
Pagine:373
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Italiano
Genere:Romanzo
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
:

967 visualizzazioni

L'autore
Umberto Eco è nato in Italia, ad Alessandria, nel 1932.

Per avere maggiori informazioni su Umberto Eco, potete consultare il sito web ufficiale dell'autore, disponibile a questa pagina:
http://www.umbertoeco.it/.

"L'isola del giorno prima" è un romanzo scritto da Umberto Eco, pubblicato per la prima volta nel 1994 in italiano.

Questa edizione in italiano è edita da Rizzoli (373 pp.).

TRAMA

Roberto de la Grive, tra il luglio e l'agosto del 1643, a seguito di un naufragio, vaga per giorni su una zattera finché trae salvezza arrampicandosi su una nave, la Daphne che si trova in una baia a circa un miglio da un'isola. La nave è apparentemente deserta. Man mano che procede nell'ispezione, osservando l'ambiente circostante, riprende le sue forze e scrive lettere ad una signora, narrando le vicende presenti e ricordando episodi passati. È sofferente agli occhi, quindi si muove ed agisce solo dopo il crepuscolo. Non sa nuotare sicché si trova nella situazione di "aver fatto naufragio su una nave deserta". A dire il vero la Daphne sembra abbandonata da poco: è ricca di viveri e ha una buona scorta d'acqua.

La Daphne si trasforma in un Teatro della Memoria e ogni tratto gli ricorda un episodio antico o recente della sua storia. Il nuovo mondo è in contrapposizione con il mondo conosciuto; in una sospensione del tempo si avvicendano i ricordi dell'assedio e della battaglia di Casale Monferrato. Questa è ambientata nella vicenda della successione al Ducato di Mantova (1630 circa) che portò molti guai al Monferrato con una contrapposizione di forze francesi e spagnole. La conquista di nuove terre, che è nello spirito dell'epoca, viene paragonata alla conquista della signora. Ne scaturisce il quesito "è amore quello che aspira alla conquista?"; questo alimenta ulteriori riflessioni. Nei ricordi di Roberto emerge la realtà della vita parigina relativa al periodo tra Richelieu e Mazarino, e nelle discussioni di salotto trapelano cognizioni, filosofia, usanze, costumi e letteratura dell'epoca.

Roberto scopre un'uccelliera con una notevole varietà di pennuti, tra cui provvidenziali galline che depongono uova. Sulla Daphne c'è anche un orto. Gradualmente riesce a sostenere la luce del giorno e ad osservare il mondo circostante.

Si rende conto anche che la nave non è deserta perché qualcuno, a sua insaputa, bagna le piante, trafuga le uova e sposta gli oggetti. In un ripostiglio trova numerosi orologi. Poiché è consapevole della strenua lotta fra stati per la ricerca del punto fijo, ovvero dell'antimeridiano di Greenwich, Roberto si fa cauto. La Daphne, come la nave su cui egli viaggiava, potrebbe essere stata inviata allo scopo di risolvere un problema tanto importante per gli stati colonizzatori, ovvero il problema delle longitudini. Seguendo i suoi ricordi, Roberto ricostruisce il viaggio fatto sulla nave Amarilli.

Tali reminiscenze sono ricche di informazioni riguardo alle tecniche, ai metodi e ai problemi della navigazione. In particolare ricorda di aver trovato un cane ferito, nascosto alla vista dei passeggeri, oggetto di grave tortura nel tentativo di misurare la longitudine utilizzando il cosiddetto Unguentum armarium: "... il cane era stato ferito in Inghilterra e Byrd poneva cura a che esso rimanesse sempre piagato. Qualcuno a Londra, ogni giorno e a un'ora fissa e convenuta, faceva qualcosa all'arma colpevole, o ad un panno imbevuto del sangue della bestia, provocandone la reazione – forse di sollievo, forse di pena anche maggiore...".

Finalmente Roberto incontra l'uomo che condivide la sua esistenza sulla Daphne: è un vecchio gesuita, padre Caspar. Riceve la conferma che la nave era partita dal Mar Mediterraneo, circumnavigando l'Africa, per raggiungere le isole Salomone. Nel suo tragitto aveva raggiunto l'Australia; infine era approdata alla baia. Poiché padre Caspar aveva subito la puntura di un insetto, riportandone una pustola e una gran febbre, l'equipaggio era fuggito sull'isola per timore di un contagio e aveva lasciato il vecchio solo sulla nave. I selvaggi dell'isola avevano successivamente sterminato i marinai ed il capitano. Padre Caspar è dunque rimasto solo.

Il suo obiettivo è raggiungere la Specola Melitense che è stata in precedenza montata sull'isola. Buon discepolo di tale maestro, Roberto scopre il mondo nuovo, con i suoi animali, la sua vegetazione, le sue caratteristiche. Capisce gradualmente che la Specola Melitense è un dispositivo completo di strumenti che fornisce un sicuro metodo per misurare la longitudine sulla terraferma. Si tratta di una sorta di Mega Orologio, un Libro Animato capace di rivelare tutti i misteri dell'Universo (la descrizione è a pag. 285/286). L'Instrumentum Arcetricum è invece un arnese solo abbozzato da Galileo Galilei e realizzato da padre Caspar, sicuro metodo per misurare la longitudine da bordo. Nei vari discorsi emergono ricche informazioni sulle scoperte di Galileo, sulla teoria copernicana e su quella tolemaica.

Seguono vari tentativi di raggiungere l'Isola, per i due naufraghi che non sanno nuotare e che inutilmente si avvalgono di oggetti e stratagemmi. L'ultimo è la Campana Acquatica: il vecchio si immerge all'interno della campana. Roberto cerca invano di vederlo riemergere; formula ansioso varie ipotesi poi si trova a pensare.

"Ma certo, padre Caspar glielo aveva ben detto, l'Isola che egli vedeva davanti a sé non era l'Isola di oggi, bensì quella di ieri. Al di là del meridiano c'era ancora il giorno prima! Poteva ora attendersi di vedere ora su quella spiaggia, che era ancora ieri, una persona che era scesa in acqua oggi? Certamente no. Il vecchio si era immerso nel primo mattino di quel lunedì, ma se sulla nave era lunedì su quell'Isola era ancora domenica, e quindi egli avrebbe potuto vedere il vecchio che vi approdava solo verso il mattino del suo domani, quando sull'Isola fosse, appena allora, lunedì..."

[...] ma sono io che debbo aspettare un giorno, lui è semplicemente rientrato nella domenica non appena ha varcato la linea del meridiano... ma allora l'Isola che vedo è quella di domenica [...]

"Siccome tutto il prodigio del meridiano antipodo si gioca tra lo ieri e il domani, non tra ieri e dopodomani, o domani e l'altro ieri", è "ormai certo che da quel mare padre Caspar non sarebbe uscito mai più".

Roberto solo e scoraggiato capisce che "l'unico modo di uscire dalla sua reclusione deve cercarlo non nello Spazio invalicabile, ma nel Tempo". Deve raggiungere l'Isola per "arrestare l'orrido incedere del proprio domani".

Ripete dunque vari tentativi per imparare a nuotare.

Ripensa ancora alle sue vicissitudini e attribuisce le cause di ogni sua sventura al fratello Ferrante; sente acuto il dolore per la separazione dall'amata.

Ritiene liberatorio scrivere un romanzo sulle sue vicende, mentre intercala le prove natatorie e in esse progredisce. Pensa Ferrante chiuso su un'isola a guardare una Daphne seconda che non avrebbe mai raggiunto, separato dalla signora così come Roberto stesso ne era separato. In un secondo momento immagina la liberazione di Ferrante e il suo ricongiungimento con la signora su una nave veloce alla volta del Pacifico alla scoperta di isole sempre nuove, con mondi possibili solo nei sogni.

Frattanto raggiunge la barriera corallina presente tra la Daphne e l'Isola. In una escursione è ferito da un pesce.

La febbre molto alta lo induce ancor più a farneticare e a sognare: immagina l'inferno, Giuda e le connessioni possibili con il paradosso del cambiamento di data. Identifica, nel delirio, Giuda e Ferrante.

Ripresosi dalla febbre, riflette sul senso della morte e asserisce: "sono entrato nella vita, sapendo che la legge è di uscirne". Si rende conto che è finito sulla Daphne per poter riflettere sulla esistenza e sull'unica domanda che ci libera dalla paura del "non essere".

Gradualmente si snoda il romanzo pensato da Roberto e numerose sono le riflessioni dell'autore sulla tipologia del romanzo.

Ormai conscio della sua imminente morte, Roberto libera gli uccelli della Daphne, getta a mare gli orologi per cancellare il tempo, dà fuoco alla nave e si getta in mare.

L'ultimo capitolo è una duplice ipotesi di Umberto Eco sulla reale fine di una storia che ha lasciato solo le carte di Roberto come unica traccia di sé:

a) Abel Tasman, lo scopritore della terra detta poi Tasmania, punta su una serie di isolette, registrandole a 17,19 gradi di latitudine sud e 201,35 gradi di longitudine. Trova le carte di Roberto e le consegna alla Compagnia Olandese delle Indie Orientali perché è presente il problema delle longitudini. Solo dopo la scoperta del cronometro marino di Harrison le carte sono rese pubbliche.

b) Nel 1789 il capitano William Blight, che gli ammutinati del Bounty hanno calato in una Scialuppa, giunge sul luogo. Scopre le carte e ne è interessato perché riguardano le isole Salomone.

Tutto il libro riporta situazioni psicologiche, teorie filosofiche, concezioni del mondo in contrasto dialettico e la conclusione di Eco, esaminate le ipotesi a) e b) è che la sua narrazione non abbia una fine degna d'essere narrata.

Incipit del libro L'isola del giorno prima di Umberto Eco:

"Eppure m'inorgoglisco della mia umiliazione, e poiché a tal privilegio son condannato, quasi godo di un'aborrita salvezza: sono, credo, a memoria d'uomo, l'unico essere della nostra specie ad aver fatto naufragio su di una nave deserta."

Così, con impenitente concettosità, Roberto de la Grive, presumibilmente tra il luglio e l'agosto del 1643.
Da quanti giorni vagava sulle onde, legato a una tavola, a faccia in giù di giorno per non essere accecato dal sole, il collo innaturalmente teso per evitare di bere, riarso dal salmastro, certamente febbricitante? Le lettere non lo dicono e lasciano pensare a una eternità, ma si dev'essere trattato di due giorni al più, altrimenti non sarebbe sopravvissuto sotto la sferza di Febo (come immaginosamente lamenta) – lui così infermiccio quale si descrive, animale nottivago per naturale difetto.


[...]
I libri catalogati di Umberto Eco:
A passo di gambero
A passo di gambero. Guerre calde e populismo mediatico
Apocalittici e integrati
Autori e Autorità
Baudolino
Cinque scritti morali
Come si fa una tesi di laurea
De Biblioteca
De Bibliotheca (1986)
Diario Minimo
Il cimitero di Praga
Il nome della rosa
Il pendolo di Foucault
Il Secondo Diario Minimo
In cosa crede chi non crede
L'isola del giorno prima (1994)
L'isola del giorno prima
La Bustina di Minerva
La Metafora Nel Medio Evo
La misteriosa fiamma della regina Loana
Segno
Segno e inferenza
Sette anni di desiderio
Stelle & stellette
Storia della bellezza
Sugli specchi e altri saggi
Trattato di semiotica generale
Citazioni di Umberto Eco:
Anzitutto, se alcuni giovani scrittori s...
Chi controlla a Wikipedia non solo i tes...
Cos'è la filosofia? Scusate il mio conse...
Cosa è il leghismo se non la storia di u...
Del resto la fotocopia è uno strumento d...
Di qualsiasi cosa i mass media si stanno...
È bello qualcosa che, se fosse nostro, c...
Emendarsi di continuo è pratica raccoman...
Ho sempre sostenuto che il progetto Eras...
Il che m'indurrebbe a riflettere su come...
Il cinema è un alto artificio che mira a...
Il computer non è una macchina intellige...
In politica l'appello alla volontà popol...
Io ho il diritto di scegliere la mia mor...
L'ambiguità delle nostre lingue, la natu...
La decadenza dei costumi non sta in ciò...
La dolorosa meraviglia che ci procura og...
La filosofia è sempre una forma di alto...
La fine della modernità coincide con la...
La paranoia della cospirazione universal...
La più grande rivoluzione politica fatta...
[...] la scienza di quelle soluzioni che...
La televisione di Stato è carismatica pe...
Le opere letterarie ci invitano alla lib...
Le preoccupazioni della stampa europea n...
L'unico modo per riconoscere se un libro...
Ma poi mi rendo conto che il problema de...
Mike Bongiorno non si vergogna di essere...
Mentre un saggio [...] tende ad arrivare...
[NDR|[[Charles Monroe Schulz|Charl...
Non credo che Benedetto XVI sia un grand...
Ora, cos'è importante nel problema dell'...
Pensa a una trasmissione come Drive in,...
Posso leggere la Bibbia, Omero o Dylan D...
Quand'anche Gesù fosse – per assurdo – u...
Quanto ci si deve fidare di Wikipedia, a...
[...] quindi Casablanca non è un film: è...
Scrivere un libro senza preoccuparsi del...
[NDR|Per le elezioni politiche del...
Un esempio deteriore di impiego gratuito...
Una dose di vittimismo è indispensabile...
Vedevo il volto di un uomo esposto alla...
Voglio [...] parlare della mia morte, e...
Wikipedia ha anche un'altra proprietà: c...
La superstizione porta sfortuna. (citato...
Parliamo dunque di lavoro intellettuale...
Gli intellettuali non risolvono le crisi...
Perché l'eredità fondamentale dell'illum...
Uno degli aspetti positivi della felix c...
Ma l'esibizionista (tale il suo dramma)...
Ma democrazia è anche accettare una dose...
Che cos'era la magia, che cosa è stata n...
La mentalità magica vede solo un process...
Appellarsi invece al popolo significa co...
Quando il terrorismo perde, non solo non...
La scuola deve insegnare ad analizzare e...
Tutti aspiriamo al meglio ma abbiamo imp...
Ogni cultura assimila elementi di cultur...
Il bello di un procedimento scientifico...
I libri si rispettano usandoli, non lasc...
Franti ride perché è cattivo – pensa Enr...
L'Ordine o lo si ride dal di dentro o lo...
Mike Bongiorno convince dunque il pubbli...
Una delle prime e più nobili funzioni de...
Anche qui, come se la cosa l'avessimo in...
L'italiano è infido, bugiardo, vile, tra...
Gli uomini non fanno mai il male così co...
Qual è stato il lievito che qualcuno, o...
[NDR|In riferimento alla Sicilia]...
Viene un momento in cui qualcosa si spez...
Ma non vi è nulla di più inedito di ciò...
Qualcuno ha detto che il patriottismo è...
Ora il senso dell'identità si fonda sull...
I buoni cristiani non credono forse che...
Chi ha detto che hanno abusato dei due g...
Così sono, e son condannato a esserlo. S...
Immaginarsi come elemento necessario nel...
Come dice Boezio, nulla è più fugace del...
Tale è la forza del vero che, come il be...
La bellezza del cosmo è data non solo da...
Se mai fossi saggio, lo sarei perché so...
Se un pastore falla deve essere isolato...
Ecco, forse l'unica vera prova della pre...
Non tutte le verità sono per tutte le or...
Monasterium sine libris est sicut civita...
Sì, c'è una lussuria del dolore, come c'...
Quando entra in gioco il possesso delle...
Sono solo gli uomini piccoli che sembran...
Perché tre cose concorrono a creare la b...
Vedi tu questa cappa di sofismi della qu...
Anche una guerra santa è una guerra. Per...
È sempre meglio che chi ci incute paura...
Quando i veri nemici sono troppo forti,...
Tutte le eresie sono bandiera di una rea...
Pensa un fiume, denso e maestoso, che co...
Nulla infonde più coraggio al pauroso de...
Scoprii che più amara della morte è la d...
Avevo sempre creduto che la logica fosse...
Vedi, un tempo ho tentato di ribellarmi...
Vidi la pecora, che "ovis" è detta "ab o...
Ebbi l'impressione che Guglielmo non fos...
Per non apparire sciocco dopo, rinuncio...
"Ma allora," ardii commentare, "siete an...
I libri non sono fatti per crederci, ma...
Non sempre un'impronta ha la stessa form...
Se la guardi perché è bella, e ne sei tu...
Dio condusse all'uomo tutti gli animali...
Il cellario non rispose, ma il suo silen...
La giustizia non è mossa dalla fretta, c...
I folli e i bambini dicono sempre la ver...
Il bene di un libro sta nell'essere lett...
L'amore vero vuole il bene dell'amato. (...
Dell'unico amore terreno della mia vita,...
«E tu non t'incantare troppo su queste t...
A quel punto l'Abate gridò: "Traete, fil...
«Aveva un altro senso, come tutti i sogn...
«Ma ormai la sfida non è solo tra me e A...
Disse un filosofo greco (che il tuo Aris...
«Tu sei il diavolo» disse allora Gugliel...
Jorge, dico. In quel viso devastato dall...
«Dove sta tutta la mia saggezza? Mi sono...
Un romanzo [...] è una macchina per gene...
Un monaco dovrebbe certo amare i suoi li...
I semplici pagano sempre per tutti, anch...
L'eccellente riuscita de il nome del...
Bisogno di innamorarsi. Certe cose le se...
Come non cadere in ginocchio davanti l'a...
Ormai mi muovevo come un uomo braccato –...
Si nasce sempre sotto il segno sbagliato...
Più tardi Lia mi avrebbe detto: "Tu vivi...
[...] la creazione, anche se produce l'e...
Si possono dire le cose sbagliate, basta...
Popolare il mondo di figli che andranno...
Appartengo ad una generazione perduta, e...
[NDR|I Templari] E forse e...
Sa che si può essere ossessionati dal ri...
"O basta là," disse Belbo. Solo un piemo...
Così l'altra sera dovevo credere che il...
Il criterio era rigoroso, e credo sia lo...
L'umanità non sopporta il pensiero che i...
Una celebrante salì su un dolmen e soffi...
I Templari c'entrano sempre. (cap. 65)...
Aveva ragione lei. Qualsiasi dato divent...
In ogni caso, e quale fosse il ritmo, la...
Quella volta Belbo aveva perso il contro...
C'era un tale, forse Rubinstein, che qua...
Il vero è tanto più gradito quanto sia i...
L'assenza è all'amore come il vento al f...
La presenza sminuisce la fama, mentre la...
Dunque il geloso (che pure vuole o vorre...
La verità è una giovinetta tanto bella q...
Siamo animali tra gli animali, figli ent...
La prima qualità di un onest'uomo è il d...
Dovrete imparare a fare con la parola ar...
Si può essere colti sia avendo letto die...
Perché Cesare prima di morire ebbe tempo...
Perché san Paolo non era sposato? Perché...
Perché Dio è l'essere perfettissimo? Per...
Perché Napoleone è nato in Corsica? Perc...
Perché Cristoforo Colombo ha navigato ve...
Perché un angolo retto misura novanta gr...
Clonare esseri umani sarà un pessimo inv...
Questo è il bello dell'anarchia di Inter...
Una volta un tale che doveva fare una ri...
«Scrivevo?»«Niente di tuo. Sono un...
Talora uno scrittore, per dire troppo, d...
Era molto popolare, nel XIX secolo, Caro...
Alfred Kazin racconta che una volta Thom...
L'Italia è uno di quei paesi in cui non...
Imponendo un contegno esteriore, gli abi...
L'America ha un'incredibile capacità di...
L'eroe vero è sempre eroe per sbaglio, i...
Talora la barzelletta oscena (come d'alt...
La saggezza non sta nel distruggere gli...
Mentre il comico è la percezione dell'op...
Il teatro è anche finzione solo perché è...
In fondo quando si mente con eleganza e...
La fantascienza è, in altri termini, nar...
La semiotica ha a che fare con qualsiasi...
Non ci sono regole oggettive di trasform...
È chiaro professor Eco, è chiaro che lei...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione
Aiutaci! Clicca qui

Donazioni BitCoin:

Aiuta ALK Libri donando Bitcoin
Sì | No