Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Pulp di Charles Bukowski

"Pulp" di Charles Bukowski
Titolo:Pulp
Titolo originale:Pulp
Autore:Charles Bukowski
Editore:Giangiacomo Feltrinelli Editore
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1964
Pagine:182
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Inglese
Genere:Romanzo
Argomento:Thriller
Keywords:pulp,Bukowsky,bukowski,thriller
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di:Denise Mereu
Recensione vocale:Pulp_rece_Denise.opus, 69645 bytes
:

1762 visualizzazioni

L'autore
Charles Bukowski è nato negli Stati Uniti d'America, ad Andernach, nel 1920. Morì a San Pedro, nel 1994.

Il suo nome originario è Henry Charles Bukowski.

Nick Belane è il detective "più dritto di Los Angeles", che nonostante la depressione e le considerazioni sul suo cupo destino ha una vita che non gli dà tregua.

Nick Belane è il detective "più dritto di Los Angeles", che nonostante la depressione e le considerazioni sul suo cupo destino ha una vita che non gli dà tregua, assunto da clienti che lo fanno stare continuamente in guardia, intento a risolvere i loro casi. È un libro ironico con qualcosa di autobiografico: Charles Bukowski osserva questo mondo surreale fatto di squallidi bar dove ogni incontro è un pretesto per litigare, e dove non esita a farsi coinvolgere dal degrado di questa società. Un marito tradito vuole le prove dell'infedeltà della moglie; un alieno vuole colonizzare la terra e considera Belane l'eletto per la causa Zaros; una donna ossessionata dal grande scrittore francese Celine, che crede ancora vivo. Personaggi e situazioni al limite dell'assurdo fanno da contorno alla sua vita, fra creditori e matrimoni falliti, un intreccio surreale con un misterioso finale tutto da interpretare.

PAGELLA
Scorrevolezza:6
Valore artistico:5
Contenuti:5
Globale:6

Consigliato a:

Consiglio questo libro a chi apprezza lo stile di uno scrittore fuori dagli schemi come Charles Bukowski.

Incipit del libro Pulp di Charles Bukowski:

Stavo in ufficio, il contratto d'affitto era scaduto e McKelvey voleva ricorrere al tribunale per sfrattarmi. Era una giornata infernale e il condizionatore d'aria era rotto. Sul piano della scrivania stava camminando lentamente una mosca. Allungai un braccio, abbattei il palmo aperto della mano e la spedii all'altro mondo. Mentre mi pulivo la mano sulla gamba destra dei pantaloni squillò il telefono.


[...]
I libri catalogati di Charles Bukowski:
A sud di nessun nord
Compagno di sbronze
Confessioni di un codardo
Donne
Factotum
Hollywood, Hollywood!
Il Capitano è fuori a pranzo
Il Capitano è fuori a pranzo e i marinai prendono il comando
L'amore è un cane che viene dall'inferno
Musica per organi caldi
Post Office
Pulp (1964)
Pulp. Una storia del XX secolo
Quello che importa è grattarmi sotto le ascelle
Shakespeare non l'ha mai fatto
Sotto un sole di sigarette e cetrioli
Storie di ordinaria follia
Storie di ordinaria follia - Erezioni Eiaculazioni Esibizioni (Erections, Ejaculations, Exhibitions and General Tales of Ordinary Madness) (1967)
Svastica
Taccuino di un vecchio sporcaccione
Citazioni di Charles Bukowski:
Va bene essere uno scrittore morto di fa...
La vita è una canzone triste: abbiamo as...
I cani dell’inferno pregano per me mentr...
Forse vivere questi giorni mediocri ci p...
La scrittura è stata la mia fonte della...
Il cibo fa bene ai nervi e allo spirito....
Qualunque stronzo è capace di trovarsi u...
«Ti ho visto con quella puttana un po’ d...
Non era come prima, non è mai come prima...
Naturalmente ci sarebbero state le liti....

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!