Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Il piacere dell'ozio di Hermann Hesse

"Il piacere dell'ozio" di Hermann Hesse
Titolo:Il piacere dell'ozio
Autore:Hermann Hesse
Editore:Newton Compton
Collana editoriale:100 pagine 1000 lire
Tipologia del supporto:Cartaceo
Pagine:89
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Tedesco
Genere:Raccolta di estratti
Prezzo :1000
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
Recensione vocale:Il_piacere_dell'ozio.opus, 100194 bytes
:

3222 visualizzazioni

L'autore
Hermann Hesse nacque in Germania, a Calw, nel 1877. È morto a Montagnola, nel 1962.

Il suo nome originario è Hermann Karl Hesse. Nella sua carriera, Hermann Hesse ha usato anche questi soprannomi: Emil Sinclair.

Si è dedicato principalmente a queste aree: romanticismo.

E chi ha detto che l'ozio è il padre dei vizi?

Questa raccolta di saggi, poesie, racconti ed estratti cerca di riabilitare il concetto che la società occidentale si è fatta dell’ozio. Ozio che nella frenesia quotidiana, nella ricerca di business, emolumenti, fama, viene considerato come un male che affligge le menti deboli e inoperose. E tuttavia già i romani consideravano l’otium come periodo di ricerca interiore, di edificazione dello spirito, di fissaggio delle esperienze.
Passare una notte insonne, come dice Hermann Hesse, concede molti spunti di riflessione, molte idee su cui ragionare. L’ozio non dovrebbe essere visto come un qualcosa di meramente negativo, e in questo la civiltà orientale ha molto da insegnarci, senza bisogno di arrivare ad eccessi ascetici dominio solo di anacoreti e mistici.
Se gli impegni quotidiani ci assalgono, cerchiamo almeno ogni tanto di lasciarci un attimo di libertà intellettuale, sembra suggerirci . Perderemo magari un affare, ma almeno il nostro cervello guadagnerà in saggezza.

PAGELLA
Scorrevolezza:7
Valore artistico:7
Contenuti:7
Globale:7

Consigliato a:

Data la brevità e la fondatezza delle asserzioni, direi che questo libro può essere consigliato a tutti. In particolare, se vi sentite oppressi da una logica di produttività opprimente, potete trovare in questo testo conforto all’inoperosità, presunta o reale.
Dallo
stesso autore, potrebbe interessarvi anche “Pellegrinaggio d'autunno” e “La cura”.

Opere contenute:

1. Notti insonni
2. Notte di Giugno
3. Notturno
4. da "Hermann Lauscher"
5. da "Il Novalis"
6. L'arte dell'ozio
7. Sera domenicale
8. da "Al vecchio sole"
9. da "Dall'infanzia"
10. Piacere puro
11. da "La segheria del marmo"
12. da "Lettera di un giovane"
13. Amo le donne
14. Nuvole
15. Bianche nuvole
16. A Natale
17. da "Taedium vitae"
18. Musica
19. Il concerto
20. da "La casa dei sogni"
21. La ricchezza interiore
22. Racconto della poltrona di vimini
23. Gioia del pittore
24. Alberi
25. Pausa meridiana

I libri catalogati di Hermann Hesse:
Animo infantile
Dall'India - Annotazioni, diari, poesie, considerazioni e racconti (Aus Indien) (1980)
Demian (1919)
Demian
Fantasma di mezzogiorno e altri racconti (1900-1909)
Farfalle
Gertrud (1910)
Giorni di Luglio (Heumond) (1905)
Il Coraggio Di Ogni Giorno
Il giuoco delle perle di vetro (Das Glasperlenspiel) (1943)
Il Giuoco Delle Perle Di Vetro
Il lupo della steppa (Der Steppenwolf) (1927)
Il lupo della steppa (Der Steppenwolf) (1927)
Il lupo della steppa
Il miglioratore del mondo e Emil Kolb (1928)
Il pellegrinaggio in oriente
Il piacere dell'ozio
Il vagabondo
Klein e Wagner (Klein und Wagner) (1919)
Knulp - Klein e Wagner - L'ultima estate di Klingsor
Citazioni di Hermann Hesse:
Perciò mi sembra che si debba coltivare...
"Si sopravvaluta il sensibile, se si pen...
Il buon umore è sempre allegria da impic...
Come la pazzia, in un certo senso elevat...
Anche un orologio fermo segna l'ora gius...
Arte significa: dentro a ogni cosa mostr...
Chi ha un forte senso individualistico d...
Della sua vita non c'è altro da racconta...
Destino e carattere sono due nomi del me...
[Riguardo a "...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!