Aiutaci. Grazie.

Inizio > Indice Recensioni > Scheda: Persuasione di Jane Austen

"Persuasione" di Jane Austen
Titolo:Persuasione
Autore:Jane Austen
Tipologia del supporto:Digitale
Lingua:Italiano
Genere:Non definito
DRM:Non definito
Pubblicato il:2013-03-23
:

638 visualizzazioni

L'autrice
Jane Austen è nata nel Regno Unito, a Steventon, nel 1775. È morta a Winchester, nel 1817.

"Persuasione" è un libro scritto da Jane Austen.

Questa edizione in italiano è stata pubblicata da un editore non definito.

Incipit del libro Persuasione di Jane Austen:




Persuasione




I

 

 

 

Sir Walter Elliot, di Kellynch-hall nel Somersetshire, era un uomo che mai, per suo proprio svago, apriva altro libro all’infuori del Baronetage; lì trovava occupazione per un’ora d’ozio e conforto in una d’afflizione; lì il suo spirito si esaltava, colmo di ammirazione e di rispetto, nel contemplare le non numerose reliquie delle patenti più antiche; lì ogni sgradevole sensazione prodotta dalle cure domestiche si mutava naturalmente in disprezzo e pietà. Quando poi scorreva le pressoché infinite nomine dell’ultimo secolo, s’imbatteva nella pagina più di ogni altra appassionante, in cui poteva leggere, con interesse che mai veniva meno, la sua propria storia: era questa la pagina alla quale il volume prediletto sempre si apriva:

 

ELLIOT OF KELLYNCH-HALL

 

Walter Elliot, nato il 1° marzo 1760, sposò il 15 luglio 1784 Elizabeth, figlia di James Stevenson, Esq., di South Park, nella contea di Gloucester; da tale unione nacquero: Elizabeth, il 1° giugno 1785; Anne, il 9 agosto 1787; un figlio maschio, nato morto, il 5 novembre 1789; Mary, il 20 novembre 1791.

 

Questo il paragrafo così com’era uscito in origine dalle mani del tipografo; ma Sir Walter l’aveva arricchito aggiungendo, per informazione sua e della famiglia, queste parole dopo la data di nascita di Mary: «Sposata, il 16 dicembre 1810, a Charles, figlio ed erede di Charles Musgrove, Esq., di Uppercross, nella contea di Somerset», e inserendo con la dovuta precisione il giorno e il mese in cui aveva perduto sua moglie.

Seguiva poi, nei termini consueti, la storia e l’ascesa dell’antica e rispettabile famiglia: come dapprima si fosse stabilita nel Cheshire, come i suoi membri fossero menzionati da Dugdale per aver ricoperto la carica di high sheriff, rappresentato un borgo in tre successivi parlamenti, nonché per le dimostrazioni di lealtà e il titolo di baronetto, nel primo anno di regno di Carlo II; più tutte le Mary ed Elizabeth che avevano sposato. In complesso, due belle pagine in dodicesimo terminanti con lo stemma e il motto: «Residenza principale, Kellynch-hall, nella contea di Somerset», e, di nuovo vergata da Sir Walter, questa aggiunta finale:

«Erede presuntivo, William Walter Elliot, Esq., pronipote del secondo Sir Walter».

La vanità era tutto nel carattere di Sir Walter Elliot, il principio e la fine; e la vanità


[...]
I libri catalogati di Jane Austen:
Emma
L'abbazia Di Northanger
Mansfield Park
Orgoglio E Pregiudizio
Orgoglio e Pregiudizio e Zombie
Persuasione (Persuasion) (1815)
Persuasione
Ragione e sentimento (Sense and Sensivity) (1813)
Ragione e sentimento
Tutti i romanzi
Citazioni di Jane Austen:
Certa gente, più si fa per loro, meno fa...
Forse, come sai, gli affari portano dena...
I miei mal di gola sono sempre peggiori...
Io fui felicissima di essere stata rispa...
L'amicizia è certamente il migliore bals...
L'amicizia è certamente il migliore bals...
Nella riservatezza c'è sicurezza, ma non...
Non conversavano insieme, non si parlava...
Non voglio che la gente sia troppo simpa...
Passo il mio tempo tranquillissima e pia...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!