Aiutaci. Grazie.

Inizio > Indice Recensioni > Scheda: Emma di Jane Austen

"Emma" di Jane Austen
Titolo:Emma
Autore:Jane Austen
Tipologia del supporto:Digitale
Lingua:Italiano
Genere:Non definito
DRM:Non definito
Pubblicato il:2013-03-23
:

672 visualizzazioni

L'autrice
Jane Austen è nata nel Regno Unito, a Steventon, nel 1775. È morta a Winchester, nel 1817.

"Emma" è un libro di Jane Austen.

Questa versione in italiano è stata pubblicata da un editore non definito.

Incipit del libro Emma di Jane Austen:




Emma




I

 

 

 

Emma Woodhouse, avvenente, intelligente e ricca, con una casa provvista di ogni agio e un’indole felice, pareva riunire in sé alcuni dei migliori vantaggi dell’esistenza; ed era vissuta circa ventun’anni nel mondo senza quasi conoscere dispiaceri o contrarietà.

Era la minore delle due figlie d’un padre quanto mai affettuoso e indulgente, e, in seguito al matrimonio della sorella, era rimasta padrona di casa assai per tempo. Sua madre era morta da troppi anni perché ella serbasse più d’una vaga memoria delle sue carezze, e aveva fatto veci di madre un’eccellente donna in qualità di governante, che per affetto s’era dimostrata poco meno d’una madre.

Per sedici anni Miss Taylor era stata nella famiglia Woodhouse, più come amica che come governante, affezionatissima a entrambe le figlie, ma specialmente a Emma. Tra loro due c’era piuttosto un’intimità di sorelle. Anche prima che Miss Taylor avesse cessato dall’impiego nominale di governante, la mitezza della sua indole non le aveva consentito di usare modi severi; e svanita oramai da un pezzo l’ombra dell’autorità, esse eran vissute insieme come amiche molto devote l’una all’altra, ed Emma faceva quel che le piaceva: tenendo in gran conto, sì, il giudizio di Miss Taylor, ma agendo soprattutto di testa propria.

I reali guai della situazione di Emma erano invero il potere averle troppo vinte, e una tendenza a pensar troppo bene di se stessa; codesti erano gli svantaggi che minacciavano di adulterare i suoi molti godimenti. Tuttavia pel momento il pericolo era così inavvertito che quegli svantaggi non contavano affatto come sventure per lei.

Un dispiacere venne - un blando dispiacere - ma non in forma d’uno sgradevole sentimento: Miss Taylor andò sposa. Fu la perdita di Miss Taylor a causare il primo dolore. Il giorno delle nozze della sua amica diletta, Emma per la prima volta rimase qualche tempo assorta in mesti pensieri. Finita la cerimonia e partita la coppia degli sposi, Emma e il padre restarono a pranzare insieme, senza alcuna prospettiva d’una terza persona che ravvivasse una lunga sera. Il padre, come al solito, dopo pranzo fu preso dal sonno, e a lei non rimase che sedere e meditare su quel che aveva perduto.

L’avvenimento pareva promettere ogni felicità alla sua amica, Mr. Weston era un uomo di carattere irreprensibile, di fortuna agiata, d’età conveniente e di tratto piacevole; e c’era qualche soddisfazione nel considerare con quanta amicizia disinteressata, generosa, lei, Emma, aveva sempre desiderato e favorito il matrimonio; e tuttavia quello era per lei un giorno nero. La mancanza di Miss Taylor si sarebbe fatta sentire ogni ora di ciascun giorno. Emma riandava nella mente


[...]
I libri catalogati di Jane Austen:
Emma
L'abbazia Di Northanger
Mansfield Park
Orgoglio E Pregiudizio
Orgoglio e Pregiudizio e Zombie
Persuasione (Persuasion) (1815)
Persuasione
Ragione e sentimento (Sense and Sensivity) (1813)
Ragione e sentimento
Tutti i romanzi
Citazioni di Jane Austen:
Certa gente, più si fa per loro, meno fa...
Forse, come sai, gli affari portano dena...
I miei mal di gola sono sempre peggiori...
Io fui felicissima di essere stata rispa...
L'amicizia è certamente il migliore bals...
L'amicizia è certamente il migliore bals...
Nella riservatezza c'è sicurezza, ma non...
Non conversavano insieme, non si parlava...
Non voglio che la gente sia troppo simpa...
Passo il mio tempo tranquillissima e pia...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!