Inizio > Indice Recensioni > Scheda: 10^16 di 1 di James Patrick Kelly

"10^16 di 1" di James Patrick Kelly
Titolo:10^16 di 1
Autore:James Patrick Kelly
Tipologia del supporto:Digitale
Lingua:Italiano
Genere:Non definito
DRM:Non definito
Pubblicato il:2013-03-23
:

217 visualizzazioni

L'autore
James Patrick Kelly è nato negli Stati Uniti d'America, a Mineola, New York, nel 1951.

Si è dedicato principalmente ai seguenti ambiti: fantascienza.

Consultate il sito ufficiale di James Patrick Kelly, per avere maggiori informazioni su questo autore. Il link è a questa pagina:
http://www.jimkelly.net/.

"10^16 di 1" è un libro di James Patrick Kelly.

Questa edizione in italiano è edita da un editore non definito.

INFORMAZIONI EDITORIALI

Premio Hugo 2000 per la categoria Racconto

Incipit del libro 10^16 di 1 di James Patrick Kelly:









 



1016 di 1



di James Patrick Kelly



Premio Hugo 2000 per la categoria Racconto



 



Ma la prova migliore che abbiamo che il viaggio nel tempo non è possibile, e che non lo sarà mai, è che non siamo stati invasi da orde di turisti provenienti dal futuro.



 




Stephen Hawking, "The Future of the Universe"

 



Ricordo quanto fossi solo quando incontrai Cross. Non l'ho mai detto a nessuno, perché sentirmi solo all'epoca non mi rendeva poi così infelice. Inoltre ero soltanto un ragazzo: pensavo fosse colpa mia.



Sembrava che avessi degli amici... nel 1962 facevo parte della squadra di nuoto e venni eletto Vicecaposquadriglia dei Lupi del Reparto 7 dei Boy Scout. Quando venivano formate le squadre per il kickball durante la ricreazione, di solito io ero il quarto o quinto a essere scelto. Non ero lo studente migliore della sesta classe della scuola elementare John Jay: lo era Betty Garolli. Ma ero intelligente, e gli altri ragazzi mi facevano sentire a disagio per questo. Così smisi di alzare la mano quando sapevo la risposta e cominciai a stare attento ai vocaboli che usavo. Ricordo che una volta dissi "quantunque" in classe e mi presero in giro per settimane. Gruppetti di ragazze mi si avvicinavano nell'area di ricreazione. — Oh, Ray — mi chiamavano, ma quando mi giravo urlavano: — Scappate tutti! — e fuggivano via, quasi soffocando dal ridere.



Non volevo essere popolare: volevo solo avere un amico, un solo amico, a cui non dovere nascondere niente. Poi arrivò Cross, e fu la fine di tutto.



Uno dei problemi era che vivevo molto lontano da tutto. Al tempo Westchester County non era una zona periferica. La nostra casa si trovava in mezzo al bosco nella piccola Willoughby, vicino a New York, in fondo al vicolo cieco di Cobb's Hill Road. In inverno potevamo vedere Long Island Sound, un ago color argento all'orizzonte che indicava verso la città. Ma la scuola si trovava a mezz'ora di macchina e il ragazzo più vicino viveva a Ward's Hollow, che si trovava a cinque chilometri lungo la strada, ed era uno stupido della quarta classe.



Quindi non avevo nessun vero amico. Avevo però la fantascienza... Mamma si lamentava che ne ero ossessionato. Guardavo tutti i giorni le repliche di Superman dopo la scuola. I venerdì sera papà mi permetteva di restare alzato per Ai confini della realtà, ma quell'autunno la CBS aveva temporaneamente cancellato il telefilm. Tornò a gennaio, dopo che era accaduto tutto, ma non fu mai più come prima. Il sabato guardavo vecchi film di fantascienza su Adventure Theater; i miei preferiti erano II pianeta proibito e Ultimatum alla Terra, probabilmente a causa dei robot. Decisi che da grande, nel futuro, ne avrei comprato uno, così non sarei più


[...]
I libri catalogati di James Patrick Kelly:
10^16 di 1
Altri sogni (Freedom Beach) (1985)
Pensare come un dinosauro

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!