Ti diamo tanti contenuti. Senza pubblicità. Senza spiarti. Dai una mano. Grazie.

Home > Indice Recensioni > Recensione: Gli Acarnesi di Aristofane

"Gli Acarnesi" di Aristofane
Titolo: Gli Acarnesi
Titolo originale: Άχαρνῆς
Autore: Aristofane
Editore: Bibliomania.it
Tipologia del supporto: Digitale
Anno di pubblicazione: 425 a.C.
Pagine: 39
Lingua: Italiano
Lingua originale dell'opera: Greco antico
Genere: Opera teatrale
DRM:
Recensione di: Christian Michelini
Recensione vocale: Gli_Acarnesi.opus, 93240 bytes
:

1633 visualizzazioni

L'autore
Aristofane è nato nell'Antica Grecia, nel 450 a.C. circa. È morto nel 388 a.C. circa.

Il suo nome originale è Ἀριστοφάνης.

Si è dedicato principalmente alle seguenti aree: teatro.

Chi si avvicinasse a quest'opera memore di ricordi di scuola di autori classici noiosi e tedianti, si sbaglierebbe di molto.

Chi si avvicinasse a quest'opera memore di ricordi di scuola di autori classici noiosi e tedianti, si sbaglierebbe di molto. Questo volume infatti è salace, umoristico, pertinace nel deridere da una parte la noia suscitata da alcuni scrittori coevi dell'autore, come Euripide, mentre dall'altra ci presenta motti di spirito, situazioni paradossali da mercato greco, umorismo sessuale esplicito, facezie, parlate dialettali e idee esuberanti.
Se volete divertirvi leggendo questo volume, dovrete abbandonare il pregiudizio verso l'estrema seriosità del tipico autore greco antico: ma sarà tutto da guadagnare per lo spirito e il divertimento.

PAGELLA
Scorrevolezza: 6
Valore artistico: 7
Contenuti: 6
Globale: 6.5

Consigliato a:

Consiglio questo volume come antesignano di una comicità leggera, a volte quasi triviale. Se volete leggere invece qualche autore di diversa impostazione, come Euripide e le sue tragedie, vi consiglio "Alcesti", "Andromaca", "Ecuba", "Elena", "Ifigenia in Aulide".
Se volete divertivi con autori a noi più vicini, vi indicherei Carlo Goldoni e Luigi Pirandello.

Incipit del libro Gli Acarnesi di Aristofane:

*'''Diceopoli''': Quante trafitte a questo [[cuore]]! [[gioia|Gioie]]
n'ebbi poche, assai poche, due o tre;
ma dispiaceri... Sí, conta le arene!


[...]
I libri catalogati di Aristofane:
Ecclesiazuse
Gli Acarnesi (Άχαρνῆς) (425 a.C.)
Gli Acarnesi
Gli uccelli (Ὄρνιθες) (414 a.C.)
Gli uccelli
I Cavalieri (Ἱππεῖς) (424 a.C.)
La Pace (Εἰρήνη) (421 a.C.)
La Pace
Le donne a parlamento (Ἐκκλησιαζοῦσαι) (391 a.C.)
Le donne alla festa di Demetra (Θεσμοφοριάζουσαι) (411 a.C.)
Le nuvole
Le rane
Le vespe (Σφῆκες) (422 a.C.)
Lisistrata (Λυσιστράτη) (411 a.C.)
Lisistrata
Pluto (Πλοῦτος) (388 a.C.)
Tesmoforiazuse
Citazioni di Aristofane:
Mai otterrai che il granchio cammini dir... [leggi]
Diceopoli: Quante trafitte a ques... [leggi]
Diceopoli: Tu che al culo focoso... [leggi]
Moglie: Bella figliuola, porta co... [leggi]
Diceopoli: Dunque i denti converr... [leggi]
Anche le buffonate sanno la verità. (vv.... [leggi]
Servo A: Poveri noi, che guai, po... [leggi]
Paflagone: I beni pubblici pria c... [leggi]
Dioniso: Né voi me: da mattina... [leggi]
L'uomo saggio impara molte cose dai suoi... [leggi]
Vedi le Città: è per i nemici, non per g... [leggi]
L'uomo saggio in breve sa esporre molti... [leggi]
Lisistrata: Di' che qualcuno le a... [leggi]
Non esistono al mondo creature più sfron... [leggi]
Chiunque è un uomo libero non può starse... [leggi]
[NDR|La donna,] non si può... [leggi]
E noi, anche bevendo, ci siamo comportat... [leggi]
Se cediamo, se gli diamo il minimo appig... [leggi]
La patria è sempre dove si prospera. (v.... [leggi]
Prassagora: Della tornita lampa o... [leggi]
Chi vi vuole bene, vi fa paura. (vv. 180... [leggi]
''Ostrichebeccalarazzeteste dipalom... [leggi]
Lo spirito comico è una mescolanza dell'... [leggi]

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione
Aiutaci! Clicca qui

Donazioni BitCoin:

Aiuta ALK Libri donando Bitcoin
Sì | No