Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Una donna spezzata di Simone de Beauvoir

"Una donna spezzata" di Simone de Beauvoir
Titolo:Una donna spezzata
Titolo originale:La Femme rompue
Autore:Simone de Beauvoir
Editore:Giulio Einaudi Editore
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1967
Pagine:247
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Francese
Genere:3 opere
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
:

2379 visualizzazioni

L'autrice
Simone de Beauvoir è nata in Francia, a Parigi, nel 1908. È morta a Parigi, nel 1986.

Originariamente, il suo nome era Simone-Lucie-Ernestine-Marie Bertrand de Beauvoir.

Questo volume raccoglie tre opere di Simone de Beauvoir: "Una donna spezzata", "L'età della discrezione" e "Monologo".

Questo volume raccoglie tre opere dell'autrice: "Una donna spezzata", "L'età della discrezione" e "Monologo". Tutte e tre le opere analizzano la femminilità di fronte ad una grave crisi interiore. La prima opera tratta la vita di una donna di quarant'anni tradita dal marito: le ansie, la gelosia sfrenata, il senso di abbandono e di insignificanza rispetto all'esistenza, l'inesorabilità del tempo e l'incapacità di ricostruirsi una vita sono tutti temi chiave del volume. "L'età della discrezione" invece tratta il dramma di una madre ormai anziana, scrittrice affermata, che vede il figlio sul quale riponeva molte speranze tradire gli ideali di gioventù, e arrampicarsi in un sdrucciolevole arrivismo sociale, complice anche la moglie, bella e fatua. La terza opera del volume è il monologo di una donna con sé stessa, scritto quasi senza punteggiatura, di getto, a ondate: la protagonista parla degli uomini sbagliati della sua vita, del suicidio di sua figlia, dell'amore per il suo secondogenito.
Queste tre opere sono molto diverse: analizzano periodi differenti dell'esistenza, anche se tutti appartengono ad una maturità della vita; e raccontano donne diverse: l'una passiva e ossessiva, l'altra attivista e solida mentalmente, l'altra ancora introspettiva e reticente. La varietà di questo volume è apprezzabile anche nello stile, che varia da brano a brano.

Consigliato a:

Se volete esplorare la femminilità nelle sue forme più articolate, vi consiglio di leggere questo volume di Simone de Beauvoir. Se vi è piaciuta quest'opera, vi consiglio altre autrici che hanno segnato la storia letteraria mondiale: Jane Austen in "Ragione e sentimento", "Persuasione" e "Orgoglio e pregiudizio", le sorelle Brontë in "Agnes Grey", "Cime tempestose" e "Jane Eyre", George Sand in "Lo stagno del diavolo", Grazia Deledda in "Canne al vento" (anche in audiolibro), Natalia Ginzburg in "Lessico famigliare".

Elenco brani contenuti:

Una donna spezzata
La femme rompue

L'età della discrezione
L'âge de discrétion

Monologo
Monologue

I libri catalogati di Simone de Beauvoir:
I Mandarini (Les Mandarins) (1954)
Il secondo sesso
La terza età
Una donna spezzata (La Femme rompue) (1967)
Citazioni di Simone de Beauvoir:
[...] devo ammettere che la posterità ha...
Il vuoto del cielo disarma la collera....
Ma vi sono risposte che non avrei la for...
Mi è stato più facile pensare un mondo s...
Non ho mai nutrito l'illusione di trasfo...
[...] non si trasforma la propria vita s...
Profumo, pellicce, biancheria fine, gioi...
Una donna libera è il contrario di una d...
[...] un giorno un'adolescente, un'altra...
Desidero che ogni vita umana sia pura e...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!