Aiutaci. Grazie.

Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Un nemico del popolo di Henrik Ibsen

"Un nemico del popolo" di Henrik Ibsen
Titolo:Un nemico del popolo
Titolo originale:En folkefiende
Autore:Henrik Ibsen
Editore:Bibliomania.it
Tipologia del supporto:Digitale
Anno di pubblicazione:1882
Pagine:89
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Norvegese
Genere:Opera teatrale
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
:

5181 visualizzazioni

L'autore
Henrik Ibsen è nato in Norvegia, a Skien, nel 1828. Morì ad Oslo, nel 1906.

Durante la sua carriera, Henrik Ibsen ha usato anche questi soprannomi: Henryk Ibsen.

Ecco le principali aree in cui Henrik Ibsen si è impegnato: drammaturgia.

Per sapere qualcosa di più su Henrik Ibsen, potete andare sul sito web ufficiale dell'autore, disponibile alla seguente pagina:
http://www.ibsen.net/.

Questa è una delle più belle opere scritte da Henrik Ibsen.

Questa è una delle più belle opere scritte da Henrik Ibsen. Ci narra la storia di un dottore che scopre che le terme pubbliche, fiore all'occhiello della cittadina e apportatrici di innumerevoli villeggianti, sono appestate da inquinanti scarichi montani di conciatura delle pelli. Subito il dottore vuole fare un pubblico appello per denunciare la cosa e far porre rimedio a questo problema, ma da una parte suo fratello, rappresentante dei potenti azionisti di maggioranza delle terme, e dall'altra i redattori di un giornale popolare che si schiera contro i potenti della città, tutti si oppongono alla pubblicazione della relazione del dottore, e gli impongono di tacere. Il dottore non riesce più a trovare nessuno che sia disposto a dargli ascolto, perché tutti sarebbero parte lesa nella questione.
Gli appelli al potere sono inutili, quelli alla coscienza popolare anche: sia vinti che vincitori sono una schiera di opportunisti, interessati solo alla reputazione e al denaro. È in questo scenario che il dottore compie l'unica scelta possibile per lui: se prima vuole abbandonare la città, ora i accorge che la risposta migliore a questa situazione è data dalla conoscenza: vuole quindi istruire i giovani, poveri o ricchi che siano, per aiutarli a comprendere meglio la realtà, e a renderli cittadini si una società più civile di quella attuale.
È splendida quest'opera, vero segno del pensiero elevato del suo autore, e apportatrice di un messaggio di rilevanza universale: la conoscenza, il sapere come mezzo per un futuro migliore.

Consigliato a:

Consiglio questo volume a tutti gli appassionati del grande teatro moderno: questa è una delle opere più valide della letteratura teatrale. Se vi è piaciuta quest'opera, vi consiglio di leggere le altre di Ibsen, per esempio "Spettri" e "Rosmersholm". Se volete leggere opere di altri autori, vi consiglio William Shakespeare, in particolare in "Re Lear" e "Amleto", e poi Luigi Pirandello, in "Così è, se vi pare" e "Sei personaggi in cerca di autore". Da non tralasciare anche gli autori classici, come Euripide in "Alcesti", "Andromaca", "Baccanti", "Ciclope", "Ecuba", "Elena", "Ifigenia in Aulide".

Incipit del libro Un nemico del popolo di Henrik Ibsen:

PERSONAGGI

Il dottor THOMAS STOCKMANN, medico delle Terme
La signora STOCKMANN
PETRA, loro figlia, maestra
EJLIF, MORTEN, loro figli, rispettivamente di tredici e di dieci anni
PETER STOCKMANN, fratello maggiore del dottore, Borgomastro, Capo della polizia, Presidente della Società delle Terme, ecc.
MORTEN KIIL, proprietario di concerie, padre adottivo della signora Stockmann
HOVSTAD, redattore della «Voce del Popolo»
BILLING, collaboratore del medesimo giornale
HORSTER, capitano di lungo corso
ASLAKSEN, tipografo
Partecipanti all'assemblea dei cittadini, uomini di ogni ceto sociale, alcune donne e un gruppo di scolari.
L'azione si svolge in una città costiera della Norvegia meridionale.


ATTO PRIMO

Scena prima Soggiorno di casa Stockmann, di sera. L'ambiente è semplicissimo, ma ammobiliato con buon gusto. A destra due porte: quella posteriore conduce nell'anticamera, quella anteriore nello studio del dottor Stockmann. A sinistra, di fronte alla porta che dà sull'anticamera, una porta che introduce alle altre stanze della casa. In mezzo la stufa e poi più avanti, in primo piano, un sofà sormontato da uno specchio; davanti al sofà un tavolo ovale con la tovaglia, sul quale c'è una lampada accesa, con paralume. Sullo sfondo una porta aperta, che dà sulla sala da pranzo. Si vede la tavola, apparecchiata per la cena, illuminata da una lampada. Billing è seduto alla tavola apparecchiata, con una salvietta al collo. La signora Stockmann, in piedi accanto alla tavola, gli porge un piatto con un bel pezzo d'arrosto di manzo. Gli altri posti sono vuoti; i tovaglioli sono in disordine come alla fine di una cena.

SIGNORA STOCKMANN
Eh, caro signor Billing, se mi arrivate a cena un'ora dopo, dovrete accontentarvi di qualcosa di freddo.

BILLING (si è messo a mangiare)
Ottimo, ottimo, signora Stockmann! Davvero eccellente.

SIGNORA STOCKMANN
Mio marito ci tiene tanto alla puntualità, lo sapete, vero.

BILLING
Per me, non fa niente. Anzi, quasi quasi, gusto di più una cenetta così , da solo e tranquillo.

SIGNORA STOCKMANN
Beh, se Vi piace. (ascolta verso l'anticamera) Credo stia arrivando il signor Hovstad.


[...]
Audiolibri di:Henrik Ibsen
Poesie complete
Raccolta di poesie
Audiolibro dell'opera "Poesie complete" del celebre drammaturgo Henrik Ibsen.
I libri catalogati di Henrik Ibsen:
Casa di bambola (Et dukkehjem) (1879)
Casa di bambola
Catilina
Gli spettri
I pilastri della società
L'anitra selvatica (Vildanden) (1884)
L'Anitra Selvatica
Poesie complete (1914)
Rosmersholm (1886)
Rosmersholm
Spettri (Gengangere) (1881)
Spettri
Tutto il teatro - Ibsen - Vol. 1 (1993)
Un nemico del popolo (En folkefiende) (1882)
Un nemico del Popolo
Citazioni di Henrik Ibsen:
Poetare è giudicare noi stessi come nell...
Che cos'è la bellezza? Una convenzione,...
Gli spiriti della verità e della libertà...
Ho lanciato l'ultima felicità al vento p...
Il mio libro è poesia; e se non è, lo di...
La minoranza ha sempre ragione....
La nostra casa non è stata altro che una...
La vita di famiglia perde ogni libertà e...
Non usate la parola straniera «ideali»....
– Sognare, sognare – perché sognare? ...
Strappa all'uomo medio le illusioni di c...
Tutto ciò che ho scritto è in stretta re...
Un uccello della foresta non ha bisogno...
Gli amici sono pericolosi, non tanto per...
Il peggior nemico della verità e della l...
Il progresso non è altro che brancolare...
L'uomo più forte sulla terra è quello ch...
La storia ricorda una sola soluzione ver...
Non ci può essere libertà o bellezza nel...
O tutto o niente....
Quale è il primo dovere dell'uomo? La ri...
Un migliaio di parole non lasciano un'im...
Una donna non dovrebbe mai mettere il su...
Incipit dell'opera Catilina. P...
[NDR|Ultime parole] Al con...
Che cos'è la bellezza? Una convenzione,...
Gli spiriti della verità e della libertà...
Lona Hessel ne I pilastri della socie...
Ho lanciato l'ultima felicità al vento p...
Il mio libro è poesia; e se non è, lo di...
La minoranza ha sempre ragione. (da U...
La nostra casa non è stata altro che una...
La vita di famiglia perde ogni libertà e...
Non usate la parola straniera «ideali»....
– Sognare, sognare – perché sognare?...
Strappa all'uomo medio le illusioni di c...
Tutto ciò che ho scritto è in stretta re...
Un uccello della foresta non ha bisogno...
Hilde ne Il costruttore Solness (...
Catilina è scritto di getto, ruba...
Bisogna pensare alla vita oscura inverna...
Dopo Sofocle, è l'artista che più m'è pe...
Ibsen si è ostinato a scrivere essenzial...
Sostenitore di una morale individualista...
Sul serio, Peer Gynt è magnifico, Ibsen:...

Commenti all'articolo

Commento di Christian Michelini ( http://alklibri.com ), 2012-07-06 17:31:30
Vi ricordo che abbiamo disponibile l'audiolibro delle "Poesie complete" di Ibsen.
Voto all'articolo: 9

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione
Aiutaci! Clicca qui

Donazioni BitCoin:

Aiuta ALK Libri donando Bitcoin
Sì | No