Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Contro Vatinio di Marco Tullio Cicerone

"Contro Vatinio" di Marco Tullio Cicerone
Titolo:Contro Vatinio
Titolo originale:In P. Vatinium
Autore:Marco Tullio Cicerone
Editore:Bibliomania.it
Tipologia del supporto:Digitale
Anno di pubblicazione:56 a.C.
Pagine:8
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Latino
Genere:Orazione
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
:

1204 visualizzazioni

L'autore
Marco Tullio Cicerone è nato nell'Antica Roma, ad Arpino, nel 106 a.C.. Morì a Formia, nel 43 a.C..

Originariamente, il suo nome era Marcus Tullius Cicero.

Questo è un breve atto di accusa di Cicerone verso un personaggio pubblico di spicco, l'ex console e tribuno della plebe Vatinio.

Questo breve atto di accusa di Cicerone verso un personaggio pubblico di spicco, l'ex console e tribuno della plebe Vatinio, a mio parere nel lettore attuale non suscita vivo interesse. Certo, vengono espresse alacremente le capacità oratorie del celebre autore
latino, ma la durezza e perentorietà dell'attacco, unite al disprezzo mai celato dell'oratore verso il suo nemico e all'interesse personale, sempre presente nell'esposizione delle accuse, ci presentano un quadro di parzialità poco letteraria.
L'enfasi interessata dell'allocuzione risulta quasi fastidiosa al lettore: ma, ben inteso, è nella natura di questa orazione accusatoria essere parziale.

PAGELLA
Scorrevolezza:7
Valore artistico:7
Contenuti:5.5
Globale:6

Consigliato a:

Personalmente, mi sento di consigliare questo volume unicamente alle persone che vogliono leggere tutte le opere di Cicerone; tutte le altre, dovrebbero orientarsi ad altri lavori di questo sapiente oratore, come "L'amicizia" e "Il sonno di Scipione". Per un raffronto con una celebre accusa moderna, vi consiglio di leggere il famoso "J'accuse" di Émile Zola.

I libri catalogati di Marco Tullio Cicerone:
Contro Vatinio (In P. Vatinium) (56 a.C.)
De finibus bonorum et malorum
De natura deorum
De officiis
De oratore
De re publica
De senectute
Difesa del re Deiotaro (Pro rege Deiotaro) (45 a.C.)
Difesa dell'attore Roscio (Pro Q. Roscio Comoedo) (77 a.C. o 66 a.C.)
Difesa di Archia (Pro Archia) (62 a.C.)
Difesa di Ligario (Pro Q. Ligario) (46 a.C.)
Difesa di Marcello (Pro M. Marcello) (46 a.C.)
Difesa di Milone (Pro T. Annio Milone ) (52 a.C.)
Epistolae ad familiares
Il fato (De Fato)
Il sonno di Scipione (Somnium Scipionis)
L'amicizia (Laelius de amicitia)
La Repubblica (De re publica) (54-51 a.C.)
La vecchiaia (Cato Maior de senectute) (44 a.C.)
Laelius de amicitia
Citazioni di Marco Tullio Cicerone:
I 6 errori dell’uomo ...
Delle lettere le radici son amare, i fru...
Hai il sonno, che è l’immagine della mor...
Gli affanni passati sono dolci....
Se dici che menti e in ciò dici il vero,...
È impossibile che non sia felicissimo ch...
[NDR|Caninius Rebilus restò in car...
Approvo che ci sia qualcosa del vecchio...
Avete spesso sentito dire che Siracusa è...
[NDR|Riferendosi a Catilina]...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!