Aiutaci. Grazie.

Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Il giardino dei ciliegi di Anton Pavlovič Čechov

"Il giardino dei ciliegi" di Anton Pavlovič Čechov
Titolo:Il giardino dei ciliegi
Titolo originale:Вишнёвый сад
Autore:Anton Pavlovič Čechov
Editore:Bibliomania.it
Tipologia del supporto:Digitale
Anno di pubblicazione:1903
Pagine:46
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Russo
Genere:Opera teatrale
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
:

3661 visualizzazioni

L'autore
Anton Pavlovič Čechov nacque nella Federazione Russa, a Taganrog, nel 1860. Morì a Badenweiler, nel 1904.

Il suo nome originale è Антон Павлович Чехов.

Ecco i principali ambiti in cui Anton Pavlovič Čechov si è impegnato: realismo russo.

Quest'opera teatrale ci presenta la storia di una famiglia nobile e ricca che, col passare del tempo, sperpera la maggior parte dei suoi beni, riducendosi a dover abbandonare anche la bellissima dimora avita.

Quest'opera teatrale ci presenta la storia di una famiglia nobile e ricca che, col passare del tempo, sperpera la maggior parte dei suoi beni, riducendosi a dover abbandonare anche la bellissima dimora avita. La madre di famiglia è una scialacquatrice di denaro per un misto di magnanimità verso gli altri e incomprensione totale del valore dei soldi. Il fratello, invece, si contenta di continuare la sua vita, appassionato fino alla fissazione del biliardo, amante della mondanità, inetto al lavoro, più per leggerezza di pensiero che per reali inibizioni. Sarà un amico di famiglia che, prima muzik, cioè una specie di servo della gleba al loro servizio, e poi, via via arricchendosi, florido proprietario, cercherà di convincere la matrona a vendere un vasto appezzamento coltivato a ciliegi per pagare i debiti: non ci riuscirà, per la sventatezza di quei nobili, e sarà proprio egli a comprare la loro antica abitazione, messa all'asta.
Due sistemi di vita a confronto in questo volume: i "vecchi" nobili, tronfi (anche se tolleranti) del loro sangue blu, privi di senso per gli affari, ma anche di senso comune, che, all'alba dell'approvazione della legge che libera i servi dalla loro schiavitù, non riescono ad adattarsi a questo troppo repentino cambiamento; dall'altra parte i "vecchi" muziki, ora proprietari, che conservano però assieme ad uno spiccato senso pratico anche una forte grossolanità di modi.
Di fronte a questi due schieramenti del vivere, si trovano persone che stanno a cavallo tra i due modi di pensare: chi, come il vecchio maggiordomo, ultraottantenne, non vuole abbandonare le sue consuetudini servili; oppure le figlie della matrona, lontane dalla vita vissuta e da problemi che stentano a comprendere; o ancora il giovane servo arrampicatore sociale, o l'insegnante totalmente votato alle ragioni del pensiero (e che preannuncia il profondo sommovimento del tessuto sociale russo).

PAGELLA
Scorrevolezza:8
Valore artistico:7.5
Contenuti:7
Globale:7.5

Consigliato a:

Insomma, è un'opera che ha il suo netto significato, godibile assai, a patto di essere interessati alle tematiche esposte. Se vi è piaciuto questo volume, vi consiglio di leggere le altre opere teatrali di Anton Pavlovič Čechov, come "L'orso", "Il gabbiano" e "Tragico suo malgrado". Bellissimi sono anche i racconti di questo autore.
Se volete approfondire le tematiche sociali espresse in quest'opera, vi consiglio di leggere Ivan Sergeevič Turgenev, in splendidi romanzi come "Memorie di un cacciatore", "Rudin", "Nido di Nobili", "Padri e figli"; e anche il celeberrimo Lev Nikolaevič Tolstoj, ad esempio in "Resurrezione".

Audiolibri di:Anton Pavlovič Čechov
Racconti
Raccolta di racconti
Audiolibro dei racconti di Anton Pavlovič Čechov
I libri catalogati di Anton Pavlovič Čechov:
Il canto del cigno (Лебединая песня) (1887)
Il gabbiano (Чайка) (1896)
Il giardino dei ciliegi (Вишнёвый сад) (1903)
Il Giardino dei Ciliegi
Ivanov (Иванов, Драма в четырех действиях) (1887)
L'anniversario (Юбилей) (1891)
L'orso (Медведь) (1888)
La notte prima del processo (1895)
La proposta di matrimonio (Предложение) (1888)
La Steppa
Le nozze (Свадьба) (1889)
Racconti
Racconti
Sul danno del tabacco (О вреде табака) (1886)
Sulla strada maestra (1885)
Tatjana Repina (o Tat'jana Répina) (Татьяна Репина) (1899)
Tragico suo malgrado (1889)
Tre sorelle (Три сестры) (1900)
Tre Sorelle
Zio Vania
Zio Vanja (Дядя Ваня) (1896)
Citazioni di Anton Pavlovič Čechov:
I solitari leggono molto, ma parlano poc...
La morte non vuole gli stupidi....
Mi aggiro come ombra tra gli uomini e no...
Quando non c’è vera vita, si vive di mir...
Varja: «Misha, non scappare di fronte al...

Commenti all'articolo

Commento di attilio saletta ( http://wwwgwenkalon-incursioni.blogspot.com ), 2012-07-06 17:32:34
Opera amara molto attuale rispetto alle follie dell'oggi dove il maggior spreco non è in denaro; le risorse umane ed il valore armonico, interire e spirituale dell'uomo ed allora chi come me ha doti di sensibilità critiche alte le privazioni più forti non sono quelle monetarie ma la guerra psicoolgica contro la libera ricerca.
Voto all'articolo: 8

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione
Aiutaci! Clicca qui

Donazioni BitCoin:

Aiuta ALK Libri donando Bitcoin
Sì | No