Inizio > Indice Recensioni > Recensione: La morte felice di Albert Camus

"La morte felice" di Albert Camus
Titolo:La morte felice
Titolo originale:La mort heureuse
Autore:Albert Camus
Editore:Rizzoli
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1971
Pagine:171
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Francese
Genere:Romanzo
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
Recensione vocale:La_morte_felice.opus, 131030 bytes
:

3070 visualizzazioni

L'autore
Albert Camus nacque in Francia, a Mondovi (Algeria), nel 1913. È morto a Villeblevin, nel 1960.

I principali ambiti in cui Albert Camus si è impegnato sono: esistenzialismo.

Questo volume non fu pubblicato durante la vita dell'autore; raccoglie un abbozzo avanzato di romanzo, da cui Albert Camus prese idee e situazioni per la realizzazione de "Lo straniero".

Questo volume non fu pubblicato durante la vita dell'autore; raccoglie un abbozzo avanzato di romanzo, da cui Albert Camus prese idee e situazioni per la realizzazione de "Lo straniero". Lo stile è frammentario, ma anche così la solidità strutturale dell'opera appare manifesta.
È un volume pieno di asperità concettuali, dove amore, bramosie e amicizia si fondono in un stile unitario di emozione e finalità oggettive.
È un libro che parla della necessità di esser felice, delle modalità (nefaste) per raggiungere l'agognata gioia; ci illustra il rimorso e l'intensa elucubrazione ad essa connessa. È un'opera densa, malinconica e soffusa di un alone di desiderio per l'irraggiungibile; questa pregnanza, unita alla sua dote melanconica, ne fanno un'opera adatta solo a chi non si lascia molto coinvolgere: il parallelo con "Lo straniero" si fa ancora più forte, perché in quello la capacità assertiva del volume stempera la mestizia delle tematiche, mentre nell'opera qui presente la sottile linea di triste realtà domina maggiormente.

PAGELLA
Scorrevolezza:7
Valore artistico:6
Contenuti:7
Globale:6.5

Consigliato a:

Complessivamente, è un'opera che consiglio solo alle persone che vogliono conoscere tutta la produzione letteraria del premio Nobel francese. Se invece l'avete letta e vi è piaciuta, dovreste leggere sicuramente altre opere di Albert Camus, in primis "Lo straniero", ma anche "La caduta" e "La peste".
Se vi interessano altri autori coevi di Albert Camus, vi consiglio Jean-Paul Sartre, in particolare ne "La nausea", ma anche in "L'età della ragione" e nelle opere teatrali "Le mosche", "Porta chiusa", "La sgualdrina timorata", "Nekrassov".

I libri catalogati di Albert Camus:
Caligola
Il mito di Sisifo
L'esilio e il regno
L'estate e altri saggi solari
L'Uomo In Rivolta
La caduta (La chute) (1956)
La caduta
La morte felice (La mort heureuse) (1971)
La peste (1947)
La peste
Le Voci Del Quartiere Povero E Altri Scritti Giovanili
Lo straniero (L'étranger) (1942)
Lo Straniero
Nozze
Riflessioni Sulla Pena Di Morte
Saggi letterari
Citazioni di Albert Camus:
L’arte contesta il reale ma non vi si so...
Mi metterei un po’ di colla sull’ombelic...
Vi è solamente un problema filosofico ve...
Cultura: grido degli uomini davanti al l...
E anche Simone Weil In rispo...
Il senso d'impotenza e di solitudine del...
In verità, è un paradosso tipico dello s...
Invece di uccidere e morire per diventar...
La nostra sola giustificazione, se ne ab...
La politica e il destino degli uomini so...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!