Aiutaci. Grazie.

Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Lettere di Franz Kafka

"Lettere" di Franz Kafka
Titolo:Lettere
Titolo originale:Lettere
Autore:Franz Kafka
Editore:Arnoldo Mondadori Editore
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1988
Pagine:1221
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Tedesco
Genere:Raccolta di lettere
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
Recensione vocale: Lettere_Kafka.opus, 192913 bytes
:

1808 visualizzazioni

L'autore
Franz Kafka è nato nella Repubblica Ceca, a Praga, nel 1883. È morto a Kierling, nel 1924.

Chi vuole avvicinarsi maggiormente al pensiero e alle riflessioni di Franz Kafka deve necessariamente misurarsi con il suo vasto epistolario.

Chi vuole avvicinarsi maggiormente al pensiero e alle riflessioni di Franz Kafka deve necessariamente misurarsi con il suo vasto epistolario. Anche se l'autore assume spesso un ruolo specifico attraverso le sue lettere e recita a volte una parte, rivela spesso aspetti a noi ignoti della sua personalità, del suo modo di vivere, delle sue emozioni. La delicatezza e l'immensa sensibilità di questo grande intellettuale traspaiono immancabilmente dalle sue missive: il suo carattere dolce, il suo amore sconfinato verso gli esseri viventi, siano uomini o animali, la sua sincera essenza. Kafka è un uomo capace di vera amicizia, di vero amore, di passioni fortissime e irresistibili: un uomo di cultura elevatissima e di splendida saggezza, una saggezza tuttavia dotata di chiaroscuri.
La sua forte necessità di indipendenza, che condiziona le sue decisioni anche in campo amoroso, impedendogli il matrimonio; la problematicità dell'ambito lavorativo e il suo imponente odio per la burocrazia; l'influsso paterno, incoercibile e affossante; l'amicizia, sempre vivida e altruistica in Kafka; la malattia, quella tubercolosi che l'autore considera un'afflizione della mente più che del corpo (a questo proposito è di grande interesse la spiegazione, tra metafora e mito, che ne dà Kafka stesso: il suo cervello che non riesce più a sopportare la drammaticità del suo essere e che, stipulando un accordo con i polmoni, decide di dividere queste sofferenze); il rapporto con la sorella diletta, l'unica persona ad essere vicina al grande artista nelle varie fasi della vita; la scrittura, unica vera fonte di conforto, purtuttavia capace di generare gravi dubbi sulla propria capacità narrativa: questi aspetti della vita dell'autore vengono evidenziati e celati al contempo nelle sue missive, fornendoci una visione suggestiva ma solida della sua vita e della sua arte.

PAGELLA
Scorrevolezza:7.5
Valore artistico:7
Contenuti:9
Globale:7.5

Consigliato a:

Consiglio questo volume a tutte le persone interessate alla vita di Franz Kafka: potranno trovare nelle sue lettere molti spunti di riflessione sull'autore.
Chi ancora non lo ha fatto, dovrebbe leggere i suoi splendidi romanzi: "La metamorfosi", "Il processo", "America", "Il castello". Stupendi anche i suoi racconti, vividi bozzetti di vita.
Kafka è uno degli autori più rappresentativi del Novecento, insieme a Marcel Proust ("Alla ricerca del tempo perduto"), James Joyce "Gente di Dublino", "Ritratto dell'artista da giovane", "Ulisse"), Robert Musil ("I turbamenti del giovane Törless", "L'uomo senza qualità") e Thomas Mann ("La morte a Venezia", "La montagna incantata").

Incipit del libro Lettere di Franz Kafka:

A [[Ernest Falconnet]]
Mio caro Ernest,
dovrei dirvi che le vostre due lettere mi hanno fatto molto [[piacere]]? No, sarebbe una espressione troppo debole per descrivere il [[sentimento]] che prova un [[uomo]] quando il proprio [[amico]] gli apre il [[cuore]] e gli consente di leggervi dentro. La nostra [[amicizia]] non è mai stata in difficoltà. Le nostre [[Anima|anime]] sono come due giovani [[Stella|stelle]] che si levano insieme e si guardano l'una di fronte all'altra sull'orizzonte: un leggero vapore può passare tra esse e offuscarle per qualche ora, ma presto l'illusione si dissolve e riappaiono pure, intatte, brillanti l'una per l'altra e si riscoprono sorelle. Riconosco che ho avuto [[torto]] di pensare ciò che ho pensato e di scrivere ciò che ho scritto. Ma ascoltate, amico mio, l'amicizia è anche una vergine timida e [[Gelosia|gelosa]].


[...]
Personaggi e concetti creati da Franz Kafka:
Gregor Samsa (Personaggio, dal libro La metamorfosi)
Josef K. (Personaggio, dal libro Il processo)
I libri catalogati di Franz Kafka:
America (Amerika) (1927)
Colloqui con Kafka
Diari
Il castello (Das Schloss) (1926)
Il castello
Il messaggio dell'Imperatore
Il processo (Der Prozess) (1925)
Il processo
Il silenzio delle sirene
La metamorfosi (Die Verwandlung) (1915)
La Metamorfosi E Altri Racconti
Lettera Al Padre
Lettera al padre - Quaderni in ottavo (Hochzeitsvorbereitungen auf dem Lande) (1919,2004)
Lettere (1988)
Lettere a Milena
Quaderni in ottavo
Racconti (1970)
Racconti
Undici figli
Citazioni di Franz Kafka:
Per l’artista, l’arte è una sofferenza d...
Non posso dormire. Soltanto sogni, nient...
Perché la mia sfortuna è una sfortuna in...
Il bisogno di metafisica è solo bisogno...
La disgrazia di ...
Abbiamo tra noi un nuovo avvocato, il do...
C'è molta speranza, ma nessuna per noi....
È difficile dire la verità, perché ne es...
Io l'amo eppure non le posso parlare, st...
Il poeta è sempre più piccolo e più debo...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!