Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Se una notte d'inverno un viaggiatore di Italo Calvino

"Se una notte d'inverno un viaggiatore" di Italo Calvino
Titolo:Se una notte d'inverno un viaggiatore
Titolo originale:Se una notte d'inverno un viaggiatore
Autore:Italo Calvino
Editore:Arnoldo Mondadori Editore
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1979
Pagine:306
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Italiano
Genere:Romanzo
DRM:
Recensione di:Chiara Garibotto
:

2751 visualizzazioni

L'autore
Italo Calvino è nato in Italia, a Santiago de Las Vegas, nel 1923. Morì a Siena, nel 1985.

In origine, il suo nome era Italo Giovanni Calvino Mameli.

Può un romanzo essere la somma dei suoi incipit?

Sabato pomeriggio, libreria in centro. Ci facciamo spazio in una giungla di volumi che ci guardano minacciosi, alla ricerca del libro che fa per noi, e, per caso, buttiamo l'occhio su "Se una notte d'inverno un viaggiatore" di Italo Calvino. Il titolo ci incuriosisce. Lo prendiamo, lo sfogliamo, lo soppesiamo (il primo rapporto che si ha con un libro è quello fisico) e, infine, leggiamo la quarta di copertina: "È un romanzo sul piacere di leggere romanzi; protagonista è il lettore, che per dieci volte comincia a leggere un libro che per vicissitudini estranee alla sua volontà non riesce a finire". Arrivati a casa, lo tiriamo subito fuori dal sacchetto, per dargli un primo "assaggio". Un assaggio molto lungo, visto che non riusciremo a staccarci dalle sue prossime 306 pagine.
Da subito ci immedesimiamo in questo ipotetico lettore che, come noi, si accinge a leggere "Se una notte d'inverno un viaggiatore ", ma quando, come lui, iniziamo ad entrare nel vivo della storia, questa s'interrompe. Naturalmente il Lettore (questo, per noi, è il suo unico nome) va a protestare, e si ritrova con un altro libro in mano. Un altro romanzo meraviglioso che, naturalmente, s'interrompe. Così, per dieci volte e per dieci diversi motivi, capitano in mano al Lettore - e quindi a noi - dieci libri, diversi tra loro ma ugualmente bellissimi, che forse sono quelli che abbiamo sempre sognato.
Pur sapendo meglio del Lettore che non riusciremo mai a finire nessuno di questi libri, ci immedesimiamo in Lui, ci appassioniamo alla sua ricerca - che poi è anche la nostra - dei libri perduti; una ricerca che s'inizia ad infittire e finisce per muoversi parallelamente ai dieci inizi, anche se prima ci sembrava solo un pretesto per reggerli.
Scrivere un romanzo fatto d'inizi è certo una scelta strana, ma è forse giustificata, se è vero che, come dice Calvino dalla bocca di Silas Flannery, scrittore di best sellers in crisi, "la fascinazione romanzesca che si dà allo stato puro nelle prime frasi del primo capitolo di moltissimi romanzi non tarda a perdersi nel seguito della narrazione". È un romanzi di incipit, quindi, che però ha una finale ben definito. Ciò può sembrare un paradosso, ma del resto Calvino è sempre stato uno scrittore di paradossi, e quando lo leggiamo non dobbiamo stupirci troppo, perché è attraverso di essi che descrive la realtà. In "Se una notte d'inverno un viaggiatore" questo processo è forse più faticoso, perché invece di uomini tagliati a metà e ragazzi che vivono su alberi, ci troviamo davanti a luoghi e situazioni che conosciamo e che fanno parte della vita quotidiana, capaci sicuramente di rendere il libro più avvincente.

PAGELLA
Scorrevolezza:8
Valore artistico:7
Contenuti:7
Globale:7
Incipit del libro Se una notte d'inverno un viaggiatore di Italo Calvino:

Stai per cominciare a leggere il nuovo romanzo Se una notte d'inverno un viaggiatore di Italo Calvino. Rilassati. Raccogliti. Allontana da te ogni altro pensiero. Lascia che il mondo che ti circonda sfumi nell'indistinto. La porta è meglio chiuderla; di là c'è sempre la televisione accesa. Dillo subito, agli altri: «No, non voglio vedere la televisione!» Alza la voce, se no non ti sentono: «Sto leggendo! Non voglio essere disturbato!» Forse non ti hanno sentito, con tutto quel chiasso; dillo più forte, grida: «Sto cominciando a leggere il nuovo romanzo di Italo Calvino!» O se non vuoi non dirlo; speriamo che ti lascino in pace.


[...]
I libri catalogati di Italo Calvino:
Collezione Di Sabbia
Fiabe Italiane
Giornata D'uno Scrutatore
Gli amori difficili
Il barone rampante (1957)
Il barone rampante (1957)
Il barone rampante
Il Castello Dei Destini Incrociati
Il cavaliere inesistente
Il coniglio velenoso
Il Principe Che Sposò Una Rana (Il principe che sposò una rana)
Il sentiero dei nidi di ragno (1947)
Il sentiero dei nidi di ragno
Il visconte dimezzato
L'Entrata In Guerra
La giornata d'uno scrutatore (1963)
La giornata di uno scrutatore
La Speculazione Edilizia
La spirale
La Strada Di San Giovanni
Citazioni di Italo Calvino:
Io sono l’uomo che va e viene tra il bar...
A un certo punto era solo questo rapport...
Avevo un paesaggio. Ma per poterlo rappr...
Beati quelli il cui atteggiamento verso...
[NDR|Su Cristo si è fermato a E...
C'è una persona che fa collezione di sab...
Certe cose sulla vita partigiana nessuno...
Certo nella sua opera [NDR|di Henr...
Chi ha l'occhio, trova quel che cerca an...
[NDR|Sull'ispirazione] Ci...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!