Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Le città invisibili di Italo Calvino

"Le città invisibili" di Italo Calvino
Titolo:Le città invisibili
Titolo originale:Le città invisibili
Autore:Italo Calvino
Editore:Giulio Einaudi Editore
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1972
Pagine:170
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Italiano
Genere:Romanzo
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
:

2986 visualizzazioni

L'autore
Italo Calvino è nato in Italia, a Santiago de Las Vegas, nel 1923. Morì a Siena, nel 1985.

In origine, il suo nome era Italo Giovanni Calvino Mameli.

La struttura di quest'opera è stata attentamente studiata dall'autore per suggerire la complessità ricorsiva delle moderne teorie scientifiche del caos.

La struttura di quest'opera è stata attentamente studiata dall'autore per suggerire la complessità ricorsiva delle moderne teorie scientifiche del caos. La sua struttura quasi frattale si associa mirabilmente coi temi presentati da Italo Calvino nelle pagine. Protagonisti di questo volume sono Marco Polo e il Gran Khan, il primo impegnato a raccontare a sua altezza le città che ha attraversato durante i suoi interminabili viaggi, il secondo dedito all'ascolto: pensieroso, curioso di conoscere meglio la vita nel suo vastissimo impero.
La ricchezza espositiva e la ricercatezza del linguaggio usato sono encomiabili, mentre i temi dell'opera sono vari, e comprendono la morte, la povertà, l'amore, ma soprattutto rendono meravigliosamente bene la ricchezza e la varietà dell'esistenza.
Questo libro può essere gustato con calma, poiché la sua natura, fatta di brevissimi affreschi a soggetto, si presta bene anche ad una lettura frammentaria. L'idea di fondo dell'opera, che sottende la ricorsività mutevole dell'esistenza, è pregevolmente esposta lungo un cammino di autocoscienza che il lettore intraprende attraverso le pagine. Questa è una delle opere più pregne di significato scritte da Italo Calvino, dove il gioco multicolore dei pensieri si fonde inscindibilmente con una prosa ricca e brillante.

PAGELLA
Scorrevolezza:7.5
Valore artistico:8
Contenuti:8
Globale:8

Consigliato a:

Chi non ha ancora letto nulla di Italo Calvino dovrebbe, prima di affrontare questo volume, leggere altre sue opere più agevoli, come "Il barone rampante", "Se una notte d'inverno un viaggiatore" e anche "Palomar".
Se volete leggere altri grandi rappresentanti italiani della letteratura contemporanea, dovreste leggere le opere di Natalia Ginzburg, come "Lessico famigliare" e "Le piccole virtù".
Chi vuole esplorare la narrativa di autori del passato, potrebbe orientarsi verso Luigi Pirandello, ad esempio in "Uno, nessuno e centomila" e "Il fu Mattia Pascal", oppure verso Giovanni Verga, in "I Malavoglia" e "Mastro Don Gesualdo".

I libri catalogati di Italo Calvino:
Collezione Di Sabbia
Fiabe Italiane
Giornata D'uno Scrutatore
Gli amori difficili
Il barone rampante (1957)
Il barone rampante (1957)
Il barone rampante
Il Castello Dei Destini Incrociati
Il cavaliere inesistente
Il coniglio velenoso
Il Principe Che Sposò Una Rana (Il principe che sposò una rana)
Il sentiero dei nidi di ragno (1947)
Il sentiero dei nidi di ragno
Il visconte dimezzato
L'Entrata In Guerra
La giornata d'uno scrutatore (1963)
La giornata di uno scrutatore
La Speculazione Edilizia
La spirale
La Strada Di San Giovanni
Citazioni di Italo Calvino:
Io sono l’uomo che va e viene tra il bar...
A un certo punto era solo questo rapport...
Avevo un paesaggio. Ma per poterlo rappr...
Beati quelli il cui atteggiamento verso...
[NDR|Su Cristo si è fermato a E...
C'è una persona che fa collezione di sab...
Certe cose sulla vita partigiana nessuno...
Certo nella sua opera [NDR|di Henr...
Chi ha l'occhio, trova quel che cerca an...
[NDR|Sull'ispirazione] Ci...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!