Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Fidanzata in coma di Douglas Coupland

"Fidanzata in coma" di Douglas Coupland
Titolo:Fidanzata in coma
Titolo originale:Girlfriend in a Coma
Autore:Douglas Coupland
Editore:Giangiacomo Feltrinelli Editore
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1998
Pagine:280
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Inglese
Genere:Romanzo
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di:Chiara Garibotto
:

1541 visualizzazioni

L'autore
Douglas Coupland è nato in Canada, nel 1961.

Per sapere qualcosa di più su Douglas Coupland, potete consultare il sito web ufficiale dell'autore, disponibile alla seguente pagina:
http://www.coupland.com/.

Dopo "Generazione X" e i seguiti, Douglas Coupland saprà rinnovarsi?

Se qualcuno ha ascoltato, un giovedì di qualche mese fa, "Dispenser" su Radio Due, una vera chicca di programma preserale, che parla di musica, cinema, spettacolo, nelle loro peculiarità e aspetti interessanti, conoscerà fin d'ora questo libro. Chi invece conosce Douglas Coupland, l'autore, per il celeberrimo "Generazione X", bibbia sui ragazzi nati fra il '58 e il '70, e per i libri-copia successivi ("Generazione shampoo", "La vita dopo Dio"…), sarà sorpreso di trovare in questo libro un tale cambiamento nello stile e nelle tematiche dello scrittore.
La storia inizialmente è banale: alle soglie degli anni '80, in un gruppo di ragazzi diciassettenni (Karen, Linus, Richard, Pam, Hamilton e Wendy), una ragazza entra in coma senza nessuna ragione apparente. Poche ore prima aveva dato una lettera al suo ragazzo, Richard, con l'istruzione di non aprirla e di riconsegnarla il giorno seguente. Naturalmente Richard, dopo ciò che è successo, la apre, scoprendo non solo che era indirizzata a lui, ma che, stando al contenuto, l'apertura della missiva significava che era successo qualcosa di tragico; d'altro canto, già le strane visioni e i sogni inquietanti che aveva da qualche tempo erano di cattivo auspicio.
Gli amici crescono, anche senza Karen: ognuno va per la sua strada, e lei è sempre in coma. Ma un giorno Karen si risveglia, dopo ben diciassette anni, quasi fosse un miracolo. Esiste tuttavia una ragione: Karen deve annunciare la fine del mondo. Il resto lo lascio scoprire a voi.
Forse all'inizio quest'opera sembra rappresentare una sorta di critica alla stessa generazione dei precedenti libri di Douglas Coupland: uomini e donne immaturi, logore copie dei ragazzi che erano in passato, essenzialmente insoddisfatti, decisamente falliti. Ma il risveglio di Karen dà una seconda possibilità ai nostri amici e al mondo intero, forse il vero protagonista di questa storia.
"Fidanzata in coma" è un libro che colpisce, intrattiene e fa pensare, raccontando una storia affascinate con originalità, anche solo per il cambio del narratore: dapprima il fantasma Jared, poi la palla passa a Richard per poi tornare nuovamente a Jared. Sicuramente è un'opera inattesa da parte di uno scrittore in cui pochi ormai confidavano, almeno per quanto riguarda l'originalità.
Per finire, chiudo con questa straordinaria frase, che potrete trovare a pagina nove (edizione economica Feltrinelli): "Il destino è quello a cui lavoriamo. Il futuro non esiste ancora. La fatalità è solo per gli sfigati".

I libri catalogati di Douglas Coupland:
Fidanzata in coma (Girlfriend in a Coma) (1998)
Generazione A
Generazione X
Citazioni di Douglas Coupland:
Il destino è quello a cui lavoriamo. Il...
Un'esposizione prolungata a qualunque li...
OSCURISMO: L'abitudine di scandire i mom...
SUCCESSOFOBIA: Il terrore che, una volta...
TABÙ PERSONALE: Qualsiasi regola di vita...
EMIGRAZIONE DALL'UFFICIO MALSANO: Tenden...
PERDENTISMO: La tendenza a schierarsi in...
IPODOSE STORICA: Trovarsi a vivere in un...
OVERDOSE STORICA: Trovarsi a vivere in u...
BASSIFONDISMO STORICO: Visitare tavole c...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!