Aiutaci. Grazie.

Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Contact di Carl Sagan

"Contact" di Carl Sagan
Titolo:Contact
Titolo originale:Contact
Autore:Carl Sagan
Editore:Bompiani
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1985
Pagine:396
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Inglese
Genere:Romanzo
Argomento:Fantascienza
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
Recensione vocale: Contact_rece_Luca.opus, 62650 bytes
:

4055 visualizzazioni

L'autore
Carl Sagan è nato negli Stati Uniti d'America, a New York, nel 1934. Morì a Seattle, nel 1996.

Si è dedicato principalmente a questi ambiti: fantascienza.

Potete visitare il sito ufficiale di Carl Sagan a questa pagina:
http://www.carlsagan.com/.

Se avete visto il film... scordatelo! Qui tutto è diverso, tutto così preciso, puntuale... una grande scoperta!

Contact è innanzitutto un grandissimo libro di fantascienza. L'autore, un famoso scienziato, oggi purtroppo scomparso, ha saputo creare una fantascienza "scientifica", a noi decisamente vicina per tematiche e concezione. È la storia del primo incontro con gli alieni, finalmente però in chiave positiva. La solidità narrativa, la lungimiranza delle tematiche, l'organizzazione e l'intreccio della trama sono di grandissimo valore. Questo libro riesce ad affascinare il lettore per la sua precisione scientifica, e soprattutto per l'amore, destinato alla vita, agli esseri viventi, al sapere, che è una delle poche emozioni che riescono ad accomunare gli uomini.

PAGELLA
Scorrevolezza:8
Valore artistico:8
Contenuti:9
Globale:9

Consigliato a:

Ogni appassionato di fantascienza dovrebbe assolutamente leggerlo. Per tutti gli altri rimane un libro memorabile, di forte impatto emotivo, carico di suggestione, solide basi culturali e acutezza critica.
È senz'altro una pietra miliare nel suo genere.
Se vi è piaciuto questo libro, potrebbe interessarvi leggere la fantascienza positiva e tecnologica di Isaac Asimov, ad esempio nella quadrilogia della Fondazione, oppure in "L'uomo positronico" e "Io, robot".

Incipit del libro Contact di Carl Sagan:

Secondo il punto di vista umano, non poteva assolutamente trattarsi di qualcosa di artificiale, visto che aveva le dimensioni di un mondo. Ma era conformato in maniera così strana e complicata, progettato in maniera così palese per un fine complesso che avrebbe potuto essere soltanto l'espressione di un 'idea. Percorrendo un'orbita polare attorno alla grande stella azzurrina, somigliava a un immenso, imperfetto poliedro, incrostato di milioni di antenne paraboliche. Ogni paraboloide era puntato in direzione di un particolare settore del cielo. Veniva tenuta sotto controllo ogni costellazione. Il mondo poliedriforme stava compiendo la sua enigmatica funzione da eoni. Era assai paziente. Poteva permettersi di attendere per l'eternità.


[...]
Explicit: Contact di Carl Sagan:

''L'universo era stato creato intenzionalmente, diceva il cerchio. In qualunque galassia ci si trovi, si prende la circonferenza di un cerchio, la si divide per il suo diametro, si fa un calcolo abbastanza accurato e si scopre un miracolo: un altro cerchio, disegnato chilometri più in giù della virgola decimale. Proseguendo, ci sarebbero stati messaggi più ricchi. Non importa l'aspetto che si ha, o di che cosa si è fatti o da dove si proviene. Finché si vive in questo universo, e si possiede un modesto talento per la matematica, prima o poi la si troverà. È già qui. È all'interno di tutto. Non si è obbligati a lasciare il proprio pianeta per trovarla. Nella struttura dello spazio e nella natura della materia, come in una grande opera d'arte, c'è, scritta in piccolo, la firma dell'artista. Sopravanzando gli uomini, gli dei e i demoni, includendo i Guardiani e i Costruttori dei tunnel, c'è un'intelligenza che precede l'universo.
Il cerchio si era chiuso.
Ellie aveva trovato ciò che era andata cercando.''


[...]
I libri catalogati di Carl Sagan:
Contact (1985)
Il mondo infestato dai demoni
Citazioni di Carl Sagan:
Affermazioni straordinarie richiedono pr...
Guardate ancora quel puntino. È qui. È c...
In molte culture la risposta consueta è...
L’assenza di una prova non è la prova di...
L’enormità del progetto di una residenza...
Noi siamo l'incarnazione locale di un Co...
Un ateo deve sapere molto di più di quel...
Risero di Colombo, risero di Fulton, ris...
Era segno di una terribile ristrettezza...
"Vediamo se ho capito bene," ripeteva a...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!