Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Odile di Raymond Queneau

"Odile" di Raymond Queneau
Titolo:Odile
Titolo originale:Odile
Autore:Raymond Queneau
Editore:Giangiacomo Feltrinelli Editore
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1937
Pagine:139
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Francese
Genere:Romanzo
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
Recensione vocale:Odile.opus, 139027 bytes
:

2484 visualizzazioni

L'autore
Raymond Queneau è nato in Francia, a Le Havre, nel 1903. Morì a Parigi, nel 1976.

Spiccata ironia e sarcasmo cronico sono alla base di questo vivace romanzo.

Questo vivace romanzo di Raymond Queneau è una sagace protesta contro il movimento surrealista, che in quegli stessi anni l'autore frequentava, tramite alcuni suoi conoscenti. Al di là però di intenti derisori, questo libro presenta una struttura satirica, spigliata, piena di umorismo e dotato di una caratterizzazione linguistica briosa, di frattura con il passato, fatta di frasi brevi e a capo inconsueti, dialoghi serrati, cambi di situazione improvvisi.
Traspare da quest'opera una freschezza narrativa molto godibile, dove anche un tema scontato come l'amore viene descritto in modo diverso, in un contesto di non sense in cui il protagonista non capisce il proprio sentimento, e si fa trascinare da considerazioni di comodo verso un legame per tutta la vita come il matrimonio.
Le descrizioni molto ironiche degli interessi e delle idee di Anglarès, il principale esponente della nuova corrente surrealista, sono uno dei tratti salienti del romanzo, come pure la passione matematica del protagonista (il romanzo è decisamente autobiografico); una passione che diventa cardine della vita, che condiziona le scelte, anche amorose, verso un regime utilitaristico; ma anche una passione che nel tempo si ridimensiona, inducendo il protagonista a rivedere le sue decisioni in campo sociale, che prima erano decisamente isolazioniste.
Quest'opera piacerà alle persone che vogliono un fraseggiare limpido e moderno, mentre forse non sarà apprezzata da chi non cerca in particolare né brio né ironia, e non ha interesse alle contestazioni e alle prese di posizione contro il movimento surrealista.

PAGELLA
Scorrevolezza:8.5
Valore artistico:7.5
Contenuti:7
Globale:7.5

Consigliato a:

Se vi è piaciuta quest'opera, vi consiglio di leggere altre opere dello stesso autore, come "Les derniers jours", del 1936 e le poesie "Chêne et Chien" del 1937.

I libri catalogati di Raymond Queneau:
I fiori blu
La domenica della vita
Odile (1937)
Racconti e ragionamenti
Un duro inverno
Zazie nel metró
Citazioni di Raymond Queneau:
Tanto fa l’uomo che alla fine sparisce....
I popoli felici non hanno storia. La sto...
L'umorismo è un modo di scrostare i gran...
La grande storia vera è quella delle inv...
Il signore ha l'aria trasognata, disse i...
L'istruzione! Vede cos'è l'istruzione, s...
E arrivando davanti a Manila, primo pres...
Un incontro fortuito, un intervento del...
«Veniamo da tutti i paesi e andiamo vers...
Lo si può immaginare divenuto fumatore d...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!