Inizio > Indice Recensioni > Scheda: Paralipomeni Della Batracomiomachia di Giacomo Leopardi

"Paralipomeni Della Batracomiomachia" di Giacomo Leopardi
Titolo:Paralipomeni Della Batracomiomachia
Autore:Giacomo Leopardi
Tipologia del supporto:Digitale
Lingua:Italiano
Genere:Non definito
DRM:Non definito
Pubblicato il:2013-03-23
:

895 visualizzazioni

L'autore
Giacomo Leopardi è nato in Italia, a Recanati, nel 1798. Morì a Napoli, nel 1837.

In origine, il suo nome era Giacomo Taldegardo Francesco di Sales Saverio Pietro Leopardi.

"Paralipomeni Della Batracomiomachia" è un libro di Giacomo Leopardi.

Questa edizione in italiano è stata stampata da un editore non definito.

Incipit del libro Paralipomeni Della Batracomiomachia di Giacomo Leopardi:




Paralipomeni Della Batracomiomachia





PARALIPOMENI DELLA BATRACOMIOMACHIA CANTO PRIMO

1

5

Poi che da’ granchi a rintegrar venuti Passata era la notte, e il dì secondo Delle ranocchie le fugate squadre, Già l’aria incominciava a farsi oscura, Che non gli aveano ancor mai conosciuti, Quando un guerrier chiamato il Miratondo, Come volle colui ch’a tutti è padre, A fuggir si trovò per un’altura;

Del topo vincitor furo abbattuti

Ed o fosse ardimento, ovver ch’al mondo Gli ordini, e volte invan l’opre leggiadre, Vinta dalla stanchezza è la paura, Sparse l’aste pel campo e le berrette Fermossi; e di spiar vago per uso, E le code topesche e le basette;

Primo del gener suo rivolse il muso.

2

6

Sanguinosi fuggian per ogni villa

E ritto in su due piè con gli occhi intenti, I topi galoppando in su la sera,

Mirando quanto si potea lontano,

Tal che veduto avresti anzi la squilla Di qua, di là, da tutti quattro i venti, Tutta farsi di lor la piaggia nera: Cercò l’acqua e la terra, il monte e il piano, Quale spesso in parete, ove più brilla Spiò le selve, i laghi e le correnti, Del Sol d’autunno la dorata sfera, Le distese campagne e l’oceano;

Vedi un nugol di mosche atro, importuno, Né vide altro stranier, se non farfalle Il bel raggio del ciel velare a bruno.

E molte vespe errar giù per la valle.

3

7

Come l’oste papal cui l’alemanno

Granchi non vide già, né granchiolini, Colli il Franco a ferir guidava il volto, Né d’armi ostili indizio in alcun lato.

Da Faenza, onde pria videro il panno Soli di verso il campo i vespertini Delle insegne francesi all’aria sciolto, Fiati venian movendo i rami e il prato, Mosso il tallon, dopo infinito affanno, Soavemente susurrando, e i crini

Prima il fiato in Ancona ebbe raccolto; Fra gli orecchi molcendo al buon soldato.

Cui precedeva in fervide, volanti

Era il ciel senza nubi, e rubiconda Rote il Colli, gridando, avanti avanti; La parte occidentale, e il mar senz’onda.

4

8

O come dianzi la fiamminga gente,

Rinvigorir sentissi, ed all’aspetto Che Napoli infelice avea schernita, Di sì queta beltà l’alma riprese

Viste l’armi d’Olanda, immantinente Il Miratondo. E poi che con effetto, La via ricominciò ch’avea fornita, Quattro volte a girar per lo paese Né fermo prima il piè, che finalmente Le


[...]
Audiolibri di:Giacomo Leopardi
Canti
Raccolta di poesie
Audiolibro dei celebri "Canti" del poeta Giacomo Leopardi.
Pensieri
Raccolta di pensieri
Audiolibro dell'opera "Pensieri" di Giacomo Leopardi.
I libri catalogati di Giacomo Leopardi:
Appressamento della morte
Canti
Canti
Discorso sopra la batracomiomachia
Discorso sopra lo stato presente dei costumi degl'Italiani
Guerra De' Topi E Delle Rane
La guerra dei topi e delle rane
Operette morali (1834)
Operette morali
Paralipomeni Della Batracomiomachia
Pensieri
Poesie e prose - Prose (1988)
Storia di un'anima
Zibaldone
Zibaldone di pensieri (1817-1832)
Citazioni di Giacomo Leopardi:
Il più certo modo di celare agli altri i...
Non v’è altro bene che il non essere: no...
Quando sovviemmi di cotanta speme, un af...
Arcano è tutto fuor che il nostro dolor....
Arcani mondi, arcana felicità fingendo a...
Ed aspro, a forza, tra lo stuol dei male...
Il bello in grandissima parte non è tale...
All’apparir del vero tu, misera, cadesti...
Tanto alla morte inclina d’Amor la disci...
Virtù viva sprezziam, lodiamo estinta....

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!