Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Memorie di un Cuoco d'Astronave di Massimo Mongai

"Memorie di un Cuoco d'Astronave" di Massimo Mongai
Titolo:Memorie di un Cuoco d'Astronave
Titolo originale:Memorie di un Cuoco d'Astronave
Autore:Massimo Mongai
Editore:Liber Liber
Tipologia del supporto:Digitale
Anno di pubblicazione:1997
Pagine:n.d.
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Italiano
Genere:Romanzo
Argomento:Fantascienza
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
Recensione vocale:Memorie_di_un_Cuoco_d'Astronave.opus, 121139 bytes
:

747 visualizzazioni

L'autore
Massimo Mongai è nato in Italia, a Roma, nel 1950.

Si è dedicato principalmente ai seguenti ambiti: fantascienza.

Se pensate che fare il cuoco su una nave interstellare sia semplice, vi sbagliate di grosso!

Questo romanzo di Massimo Mongai mi ha appassionato per la sua spiccata dose di humour, e soprattutto per l'abilità dell'autore nel sapere ricreare e descrivere un mondo fantascientifico coerente, fatto di strani popoli, strane tecnologie, e, decisamente, strani cibi. Infatti questo romanzo ci racconta le avventure di un cuoco di astronave, in un mondo dove la comunità galattica è formata non solo da specie estremamente variegate e da usanze dissimili le une dalle altre, ma anche da abitudini culinarie eterogenee in modo imprevedibile.
Il libro si fa leggere con disinvoltura, mentre le pagine scorrono veloci, affrontando a volte, anche se marginalmente, problemi più profondi, che raramente si trovano nei libri di fantascienza (come la morale, il sesso, la fede).
La fantasia con cui l'autore ha ricreato un mondo, se non credibile, almeno assai intrigante e fascinoso, è encomiabile ed è la migliore prerogativa di questo romanzo. Complessivamente, mi sembra un libro disinibito, fluente, e soprattutto gradevole, per gli amanti di questo genere letterario.

PAGELLA
Scorrevolezza:8.5
Valore artistico:6.5
Contenuti:7
Globale:7.5

Consigliato a:

Se volete fare una pausa tra una epica avventura per salvare la galassia e una saga di robot, potreste leggere questo volume con spensieratezza, perché troverete in esso vero relax per ore da trascorrere in serenità.
Se vi è piaciuto questo libro, vi consiglio di leggere anche "Il Gioco Degli Immortali", sempre di Massimo Mongai.
Se invece volete leggere della fantascienza classica, non posso fare altro che consigliarvi Isaac Asimov (ma anche lo stupendo "Contact" di Carl Sagan). Per gli amanti di esperienze nuove, vi indico i libri di Philip Kindred Dick (primi fra tutti "Ubik" e "Un oscuro scrutare").

I libri catalogati di Massimo Mongai:
Il Gioco Degli Immortali (1999)
Il gioco degli Immortali
Memorie di un Cuoco d'Astronave (1997)
Memorie di un cuoco di astronave

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!