Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Altezza reale di Thomas Mann

"Altezza reale" di Thomas Mann
Titolo:Altezza reale
Titolo originale:Königliche Hoheit
Autore:Thomas Mann
Editore:Ugo Mursia Editore
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1909
Pagine:280
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Tedesco
Genere:Romanzo
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
:

2702 visualizzazioni

L'autore
Thomas Mann è nato in Germania, a Lubecca, nel 1875. Morì a Zurigo, nel 1955.

Originariamente, il suo nome era Paul Thomas Mann.

Una delle caratteristiche più pregevoli di questo romanzo è la sua ricchezza simbolica, in una trama piena di allegorie, metafore, allusioni vicendevoli.

Una delle caratteristiche più pregevoli di questo romanzo è la sua ricchezza simbolica, in una trama piena di allegorie, metafore, allusioni vicendevoli.
"Altezza reale" narra la storia di un principe nato con una mano atrofizzata: fin dalla nascita il difetto fisico si mescola ad un felice presagio, che racconta della felicità a venire per il regno dominato dal re con questo difetto. Ma solo più avanti nella sua vita il secondogenito sarà destinato alla rappresentanza del potere, dopo l'abbandono delle funzioni pubbliche da parte del primogenito, di salute cagionevole. Inizia così una nuova vita mondana per il principe, e l'irreprensibile accuratezza con cui svolge il suo incarico lo rendono beneamato dal popolo. L'evento più importante della vita del principe sarà, nel suo piccolo regno, il domiciliarsi di un ricchissimo americano, un anziano signore opulento, malato e stanco, che ha nella sua figlia intellettuale il suo unico affetto. Tra il principe e la giovane universitaria nascerà l'amore, favorito anche dai potenti di corte, che vedono nel matrimonio tra i due l'unica possibilità di risanare i bilanci in rosso del regno.
A prima vista l'opera sembrerebbe quasi una romantica storia d'amore, ma il romanzo si spinge molto oltre, con richiami ad un ordine morale superiore, ad una concezione della realtà che supera le manchevolezze e i problemi per giungere al nucleo dell'esistenza. Qui, più che in altre opere, traspare la formazione culturale alto-borghese dell'autore, che costruisce, stilisticamente e dal punto di vista dei contenuti, un romanzo solidamente sontuoso, ricercato, intellettualmente evoluto. La vicinanza con le tematiche ottocentesche e la nuova concezione artistica del Novecento si amalgamano perfettamente in questo volume, dotato di personaggi molto ben caratterizzati (soprattutto, a mio avviso, la figlia del ricco americano).

PAGELLA
Scorrevolezza:8
Valore artistico:7.5
Contenuti:8
Globale:7.5

Consigliato a:

Chi vuole conoscere l'arte di Thomas Mann senza affrontare i suoi più corposi volumi, può iniziare leggendo "Altezza reale", sicuro di trovarvi molti aspetti della teoria estetica dell'autore. Se volete approfondire la conoscenza di questo premio Nobel per la letteratura, dovreste assolutamente leggere almeno "I Buddenbrook - Decadenza di una famiglia" (il suo romanzo d'esordio), "La morte a Venezia" e "La montagna incantata".
Se volete leggere altri autori tedeschi di quel periodo storico, vi consiglio, per una visione dell'arte meno intellettualizzata, Hermann Hesse, in volumi celebri come "Siddharta", "Il lupo della steppa", "Il giuoco delle perle di vetro", e, su un parallelo piano cultura, quasi antagonistico a quello di Mann, il grande Robert Musil, ne "I turbamenti del giovane Törless" e "L'uomo senza qualità".

Incipit del libro Altezza reale di Thomas Mann:

È il mezzodì di un giorno feriale, in una stagione qualunque; siamo nell'Albrechtstrasse, la maggior arteria di comunicazione della capitale, che unisce l'Albrechtsplatz e il Vecchio Castello con la caserma della guardia.


[...]
Personaggi e concetti creati da Thomas Mann:
Gustav von Aschenbach (Personaggio, dal libro La morte a Venezia)
Tazio (o Tadzio) (Personaggio, dal libro La morte a Venezia)
I libri catalogati di Thomas Mann:
Altezza reale (Königliche Hoheit) (1909)
Cane e padrone (Herr und Hund. Ein Idyll) (1918)
Confessioni del cavaliere d'industria Felix Krull (Bekenntnisse des Hochstaplers Felix Krull) (1954)
Doctor Faustus
Doctor Faustus. La vita del compositore tedesco Adrian Leverkühn narrata da un amico | La genesi del Doctor Faustus (Doctor Faustus. Das Leben des deutschen Tonsetzers Adrian Leverkühn, erzählt von einem Freunde | Die Entstehung des Doktor Faustus. Roman eines Romans) (1947)
Federico e la grande coalizione
Giuseppe il nutritore
I Buddenbrook
I Buddenbrook - Decadenza di una famiglia (Buddenbrooks. Verfall einer Familie) (1900)
L'eletto (Der Erwählte) (1951)
La montagna incantata (Der Zauberberg) (1924)
La montagna incantata
La morte a Venezia (Der Tod in Venedig) (1912)
La morte a Venezia
Le teste scambiate
Padrone e cane
Tonio Kroger
Tristano
Citazioni di Thomas Mann:
L’arte non è una forza; è soltanto una c...
Tutti quelli che conosco fanno gli stran...
Ché la Bellezza, odimi bene, Fedro, la B...
Di corpo esile e minuto, sparuto ed emac...
È certamente un bene che il mondo conosc...
Felicità dello scrittore è il pensiero c...
Fermezza di fronte al destino, grazia ne...
In quasi tutti gli artisti è innata la t...
Niente è più singolare, più imbarazzante...
Perché alla passione, come al delitto, n...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!