Inizio > Indice Recensioni > Recensione: IT di Stephen King

"IT" di Stephen King
Titolo:IT
Titolo originale:It
Autore:Stephen King
Editore:Sperling & Kupfer
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1986
Pagine:1239
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Inglese
Genere:Romanzo
Argomento:Orrore
Prezzo :21500
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
Recensione vocale:IT.opus, 94004 bytes
:

1838 visualizzazioni

L'autore
Stephen King è nato negli Stati Uniti d'America, a Portland, nel 1947.

Il suo nome originario è Stephen Edwin King.

Nella sua vita si è dedicato a queste aree: horror, narrativa fantastica, romanzo gotico moderno.

Per avere maggiori informazioni su Stephen King, potete consultare il sito web ufficiale dell'autore, disponibile a questa pagina:
http://www.stephenking.com/.

Chi ha detto che i clown facciano ridere? Non certo Stephen King...

Questo è un romanzo dell’orrore, ma ciò che ho apprezzato maggiormente in quest’opera è essenzialmente la descrizione discorsiva della provincia americana. Un mondo dove le vicende dell’infanzia si amalgamano con un tessuto onirico di paure e fobie, dove i piccoli eventi della quotidianità dei protagonisti assumono un ruolo principale nella struttura narrativa.
Stephen King è sempre stato assai bravo a ricreare un’atmosfera surreale, dove realtà e sogno, o meglio incubo, si contemperano per creare un humus terrorizzante. In questo libro l’impiantito narrativo e la discorsività fondano le basi per un finale intenso e inquietante.
Tuttavia, un appunto che si può muovere all’opera è l’eccessiva prolissità: è veramente un libro lungo e, se non si apprezza lo stile dell’autore, può risultare annoiante la lettura, soprattutto nella seconda parte del romanzo.

PAGELLA
Scorrevolezza:9
Valore artistico:6
Contenuti:7
Globale:7

Consigliato a:

Gli estimatori di Stephen King troveranno un libro interessante e ben realizzato. Lo consiglio principalmente a chi non si spaventa con libri di una certa mole ;-)
Se vi è piaciuto il romanzo, un altro libro di uguale spessore (in tutti i sensi) è “L'ombra dello scorpione” dello stesso autore. Oppure, sempre di Stephen King ho apprezzato “Misery”, che narra di uno scrittore alle prese con una fan non proprio ortodossa...

TRAMA

1957-58

Ottobre 1957. Il misterioso demonio muta-forma conosciuto come "It" si risveglia dal letargo trentennale trascorso nelle viscere della città di Derry, nello stato del Maine, e assume la forma del clown Pennywise. Il primo incontro avviene con il piccolo George Denbrough che sta tentando di recuperare una barchetta di carta da un tombino. Dal tombino, It avvicina il bambino a sé e lo uccide brutalmente, divorandogli un braccio.

A giugno, Ben Hanscom, un ragazzo obeso, viene attaccato dalla banda di bulli locali, capitanata da Henry Bowers (che incide sulla pancia di Ben un'"H"). Ben si salva inoltrandosi nelle lande, dove fa conoscenza con Eddie Kaspbrak e Bill Denbrough, il balbuziente fratello maggiore di Georgie. I tre ragazzi stringono amicizia con Richie Tozier, Stan Uris, Beverly Marsh, e Mike Hanlon (l'ultimo a unirsi al gruppo), con i quali formano il gruppo dei "Perdenti" (costruiranno anche una piccola diga). Presto si rendono conto che ciascuno di loro ha avuto un incontro personale con It: a Ben è apparso come un clown-mummia sulla superficie del fiume, a Eddie come un vagabondo lebbroso, a Bill nell'album di Georgie sanguinante, a Richie come un licantropo, a Beverly in un lavandino sanguinante, a Stan come i fantasmi dei bambini morti alla cisterna cittadina e a Mike come un mostruoso uccello gigante. I ragazzi scoprono che It esiste da secoli a Derry e Bill trova un antico incantesimo chiamato "Il Rito di Chüd", con il quale crede di poterlo sconfiggere, infatti, da delle ricerche scopre che It è un malia (una creatura capace di trasformarsi in ciò che più terrorizza la sua vittima). Prima di andare nelle fogne, sulla struttura della quale Bill si sta informando, i Perdenti (a cui manca ancora Mike) decidono di andare nei Barren (una zona disabitata ai confini di Derry, dove hanno impostato la loro base) per far scoppiare petardi, vengono però raggiunti da Henry e dalla sua banda (a cui si sono uniti altri due ragazzi), che stanno inseguendo Mike a cui hanno anche ucciso il cane. I Perdenti decidono di difendere Mike e ingaggiano una battaglia a colpi di sassi e petardi (di cui anche Henry è rifornito), vincendo e mettendo in fuga la banda di bulli, e trovando così il settimo e ultimo membro: Mike.

It minaccia di morte i Perdenti se proveranno a fermarlo, prendendo la forma delle loro paure in una foto di un album del padre di Mike, consultato dai Perdenti nei Barren mentre costruiscono il loro complesso rifugio sotterraneo. I Perdenti, sotto consiglio di Ben, si sottopongono a un'antica prova indiana, la prova del fumo, al termine della quale Riche e Mike scoprono che It esiste da milioni di anni ed è giunto sulla terra grazie a un meteorite.

Quattro giorni dopo, Eddie (dopo aver saputo da un farmacista che la medicina del suo asma non è altro che acqua e canfora) viene attaccato e pestato a sangue da Henry e dalla sua banda, composta da Victor, Belch e Patrick, un ragazzo sociopatico (si scopre che da piccolo ha ucciso il fratellino neonato). Eddie si romperà il braccio scatenando le eccessive preoccupazioni della madre che lo mette in imbarazzo di fronte ai suoi amici. Eddie riesce a contrastare per la prima volta la madre ed è libero di vedere i suoi amici (che gli firmeranno anche il gesso).

Il giorno dopo, mentre Beverly cammina per la discarica, scorge la gang di Henry e si nasconde. Dopo che Victor e Belch se ne sono andati, Patrick offre a Henry di praticargli del sesso orale, ma Henry rifiuta, minacciando di rivelare il segreto di Patrick: egli rinchiude degli animaletti in un piccolo frigorifero per soffocarli. Henry si allontana e Patrick decide di dare un'occhiata al suo frigorifero, ma quando lo apre viene brutalmente ucciso da It che ha preso la forma di sanguisughe alate. I Perdenti tornano nella discarica e scoprono all'interno del frigorifero un messaggio di It, scritto con il sangue di Patrick, che intima loro di fermarsi. I Perdenti forgiano dei proiettili di argento usando delle monete di Ben: secondo Bill lanciando uno di questi proiettili contro It usando la fionda Alta Precisione di Riche ucciderebbero il mostro. I Perdenti si incontrano nella casa abbandonata dove Eddie ha incontrato It: l'interno magicamente si ingrandisce e It li attacca sotto forma di Lupo Mannaro puntando su Bill. Ma i Perdenti riescono a salvarsi e costringono It alla fuga; infatti Bev usa la fionda e colpisce It con il proiettile d'argento, il mostro è ferito e si ritira ma Bill capisce che i proiettili d'argento non saranno più utili.

In agosto, It fornisce a Henry un coltellino, con il quale egli uccide il padre adottivo (Henry ha raggiunto la follia, le sue condizioni mentali sono sempre peggiorate perché It ne ha preso il controllo). Henry richiama Victor e Belch e insieme inseguono Bev (fuggita da casa), che si nasconde nella base dei Perdenti e poi fugge con il gruppo intero. Henry insegue i Perdenti costringendoli ad inoltrarsi nelle fogne di Derry (Bill ha capito che It usa Henry perché ha paura che i Perdenti lo uccidano in caso si mostri personalmente). Qui It uccide brutalmente Victor e Belch prendendo le sembianze del Mostro di Frankenstein, mentre Henry riesce a fuggire. Tornato a casa, Henry trova la polizia pronta ad arrestarlo, credendolo colpevole degli omicidi per colpa delle macchinazioni di It (che nasconde gli indumenti delle vittime nella camera di Henry). Intanto i Perdenti si scontrano con It, sotto forma di un gigantesco occhio con tentacoli e di enorme ragno. Bill, praticando il Rito di Chüd, riesce a entrare nella mente di It; il mostro tenta di trascinarlo nella sua vera forma, "i Pozzi Neri", per ucciderlo, ma, con l'aiuto di un'entità benefica chiamata La Tartaruga, Bill lo sconfigge, battendo la paura e la balbuzie e costringendolo a ritirarsi nelle profondità del mondo.

I Perdenti si convincono che It è morto, ma per rafforzare il legame mistico che li unisce Beverly decide di avere un rapporto sessuale con ciascuno di loro. I Perdenti finalmente escono dalle fogne e suggellano un patto col sangue, giurando di tornare a Derry ad affrontare It nel caso fosse ritornato.



1984-85

Giugno 1984. Una coppia di gay, Adrian Mellon e Don Hagarty, viene attaccata da tre teppisti che scaraventano Adrian dal ponte. I tre giovani vengono più tardi arrestati per omicidio quando viene trovato il cadavere orribilmente mutilato di Adrian, nonostante uno dei tre giovani affermi di aver visto un pagliaccio uccidere Adrian sotto il ponte. Nei tempi seguenti, quando un massiccio numero di omicidi di bambini affligge Derry, Mike (l'unico dei Perdenti rimasto in città e che lavora come bibliotecario) chiama gli altri componenti del gruppo per tener fede alla promessa fatta trent'anni prima.

Bill adesso è uno scrittore di libri horror, vive in Inghilterra ed è sposato con l'attrice Audra Phillips. Beverly, che vive a Chicago, è una nota designer di moda, sposata con Tom Rogan. Eddie, ipocondriaco, si è trasferito a New York dove dirige un'azienda di noleggio Limousine ed è sposato con una donna chiamata Myra. Richie vive a Los Angeles dove conduce un proprio talk show comico alla radio. Ben è dimagrito, è divenuto un famoso architetto e vive nel Nebraska. Stan è un ragioniere ad Atlanta ed è sposato con una donna di nome Patty. I Perdenti si riuniscono, ma all'appello manca Stan, che si è suicidato nella vasca da bagno per paura di dover riaffrontare le proprie paure infantili, e ha scritto sul muro "IT" con il proprio sangue.

I Perdenti scoprono che It si risveglia ogni 30 anni circa, per un periodo di 16-17 mesi, per nutrirsi di bambini e tornare poi a dormire nelle fogne di Derry. Ogni volta che It torna in letargo, a Derry accade sempre un incidente tragico. Nonostante i nuovi incontri con la creatura (a Ben appare come un vampiro in biblioteca, a Eddie come i bambini morti nei Barren, a Beverly come una strega e poi come suo padre, Richie incontra Pennywise con il corpo di una statua di parco, Bill non lo incontra ma ritrova le sue paure nello scioglilingua Stanno stretti sette spettri sotto i letti a denti stretti, Mike lo vede come Stan uccisosi, It usa anche dei biscotti magici con dentro sangue e insetti alla cena di ritrovo dei Perdenti, inoltre scoprono che le ferite che It gli aveva procurato trent'anni prima sono riapparse), i Perdenti decidono di affrontare di nuovo It ed eliminarlo per sempre. Purtroppo altre tre persone vengono coinvolte negli avvenimenti surreali di Derry: Audra, la preoccupata moglie di Bill; Tom, l'abusivo marito di Beverly (che la rintraccia picchiando una ragazza dove lei si era rifugiata quando era scappata) e pure Henry Bowers, che fugge dalla sua prigionia nel manicomio di Juniper Hill grazie all'aiuto di It. It convince Henry che può vendicarsi dei Perdenti aiutandolo ad ucciderli. Henry penetra nella casa di Mike e lo pugnala, ma questi reagisce e lo ferisce gravemente con un tagliacarte, constringendolo alla fuga. Mike riesce a chiamare soccorso, nonostante It tenti di ostacolarlo. Intanto Bill tradisce sua moglie avendo un rapporto sessuale con Beverly. Henry, guidato da It, viene trasportato all'hotel dove si trovano i Perdenti a bordo della macchina stregata Christine. Dopo un'estenuante corpo a corpo con Eddie (Pennywise ha dato a Henry i numeri di camera dei Perdenti), Henry viene ucciso, mentre Eddie si rompe nuovamente il braccio che però si fa semplicemente immobilizzare con una stecca senza ricorrere a cure mediche.

It si allea con Tom (che è alla ricerca di Beverly) e gli ordina di rapire Audra (perseguitata dagli incubi inviategli da It). Tom esegue l'ordine e porta la donna nella tana di It. Alla vista del vero aspetto di It, Audra rimane in stato catatonico mentre Tom muore d'infarto dall'orrore. Dopo aver soccorso Mike, Bill, Ben, Beverly, Richie ed Eddie decidono di scendere nelle fogne alla ricerca di It, lasciando Mike in ospedale (mentre si avviano alle fogne Bill trova la borsetta di Audra e capisce che la moglie è bloccata nelle fogne). Raggiunta finalmente la tana di It (nel frattempo Bill è riuscito a sconfiggere mentalmente la creatura vincendo la sua paura e il senso di colpa, anche datogli dai genitori, riguardo la morte del fratellino George), Bill e Richie lo affrontano praticando il Rito di Chüd. It, che ha nuovamente preso le sembianze di un ragno gigante, ferisce mortalmente Eddie quando questi aiuta Bill e Richie in un momento di difficoltà. Mentre Beverly rimane con il morente Eddie e la traumatizzata Audra, Ben, Richie e Bill inseguono It (intanto Mike deve resistere a un infermiere che, sotto controllo di It, vuole ucciderlo). I tre scoprono che il mostro ha deposto delle uova che sono sul punto di schiudersi. Ben si incarica di distruggere le uova, mentre Bill e Richie terminano il Rito di Chüd: Bill finalmente uccide It strappandogli il cuore a mani nude. Bill, Beverly, Ben, Richie e Audra riescono a fuggire dalle fogne lasciando lì il cadavere di Eddie.

Alla morte di It però, si scatena una furiosa tempesta che distrugge tutta la città di Derry. Mike conclude che It e Derry siano un solo organismo. I sopravvissuti del gruppo dei Perdenti tornano infine ciascuno alla propria vita (Ben si fidanza con Bev, Bill, che non balbetta più, porta Audra su Silver, la bicicletta che possedeva da bambino e che aveva ricomprato appena giunto nuovamente a Derry per farla guarire dallo stato catatonico), cominciando a dimenticare nuovamente tutto non appena si allontanano da Derry e dai loro vecchi incubi per l'ultima volta.

Incipit del libro IT di Stephen King:

Il terrore che sarebbe durato per ventotto anni, ma forse anche di più, ebbe inizio, per quel che mi è dato sapere e narrare, con una barchetta di carta di giornale che scendeva lungo un marciapiede in un rivolo gonfio di pioggia. La barchetta beccheggiò, s'inclinò, si raddrizzò, affrontò con coraggio i gorghi infidi e proseguì per la sua rotta giù per Witcham Street, verso il semaforo che segnava l'incrocio con la Jackson. Le tre lampade disposte in verticale su tutti i lati del semaforo erano spente, in quel pomeriggio d'autunno del 1957, e spente erano anche le finestre di tutte le case. Pioveva ininterrottamente ormai da una settimana e da due giorni si erano alzati i venti.


[...]
I libri catalogati di Stephen King:
1408
22/11/'63
22/11/63
A volte ritornano
Al Crepuscolo
Angel
Blaze
Buick 8
Carrie
Cell
Christine
Colorado Kid
Cose preziose (Needful Things) (1991)
Cujo
Cuori in Atlantide
Danse Macabre
Desperation
Dolores Claiborne
Duma Key (2008)
Gli occhi del drago
Citazioni di Stephen King:
Di grande in ...
H.P. Lovecraf...
Tra le storie di ...
Uno dei miei compiti in quanto scrittore...
L'essere che, sotto il letto, aspetta di...
Ci sono tante storie. Non riuscirei nemm...
E piangere senza sapere perché aveva l'o...
Forse è solo lo spirito della massa. Dar...
Stiamo volando! aveva gridato Mike, alza...
[NDR|A proposito del film [[Bri...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!