Inizio > Indice Recensioni > Recensione: La luna di Einstein di David Lindley

"La luna di Einstein" di David Lindley
Titolo:La luna di Einstein
Titolo originale:Where Does the Weirdness Go: Why Quantum Mechanics is Strange, But not as Strange as You Think
Autore:David Lindley
Editore:TEA
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1996
Pagine:272
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Inglese
Genere:Saggio
Argomento:Fisica e meccanica quantistica
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
Recensione vocale:La_luna_di_Einstein.opus, 170933 bytes
:

1450 visualizzazioni

L'autore
David Lindley è nato negli Stati Uniti d'America, nel 1956.

Esplorate i principi fondamentali della meccanica quantistica in modo semplice e chiaro.

Questo saggio di David Lindley parla in modo chiaro e prettamente discorsivo di meccanica quantistica. Affronta le tematiche principali di questa teoria così affascinante e precisa; si pone domande sulla natura della realtà e sulla oggettività o meno di quanto osserviamo (e soprattutto di quanto non riusciamo ad osservare).
Il linguaggio è semplice, privo di formule, e riesce a rendere con immediata chiarezza i concetti espressi. Il titolo fa riferimento al concetto di oggettività scientifica che l'uomo ha maturato nei secoli, e al labile significato che l'oggettività ha assunto alla luce delle moderne teorie, prendendo ad esempio un celebre aneddoto sulla realtà del nostro satellite.
Nel volume vengono narrati i primi passi dell'osservazione a livello atomico, gli esperimenti chiave sulla natura delle interazioni e delle proprietà della materia subatomica, le teorie che si sono avvicendate e sovrapposte nel tempo (l'oggettività del reale secondo Einstein, l'imperscrutabilità quantistica di Bohr, la teoria degli infiniti universi e quella fondata su un'astringente realismo di Bohm). Sono proposti e spiegati i paradossi che sono osservabili o teorizzabili in ambito quantomeccanico: il paradosso EPR, il gatto di Schrödinger, gli algoritmi di Bell e altri.
Nel complesso è un volume che si fa apprezzare per l'immediatezza, la scorrevole analisi dei diversi casi esposti, la proposta di più soluzioni e teorie alternative ad ogni quesito analizzato. Un libro che, pur nella sua brevità, permette di avere una panoramica d'insieme di alcune delle moderne acquisizione della scienza delle particelle.

PAGELLA
Scorrevolezza:8
Valore artistico:4
Contenuti:9
Globale:8

Consigliato a:

Consiglio questo volume a tutte le persone che vogliono conoscere alcuni temi della meccanica quantistica in modo semplice e diretto.
Se vi è piaciuto questo libro, vi consiglio di leggere "La mente nuova dell'imperatore" di Roger Penrose, che affronta anche problemi algoritmici e computazionali (è però un saggio più complesso e articolato rispetto al qui presente), oppure l'interessantissimo "Dal Big Bang ai buchi neri" di Stephen Hawking, che analizza la nostra conoscenza del cosmo e del reale alla luce delle nuove teorie e ipotesi scientifiche.

I libri catalogati di David Lindley:
La luna di Einstein (Where Does the Weirdness Go: Why Quantum Mechanics is Strange, But not as Strange as You Think) (1996)

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!