Inizio > Indice Recensioni > Scheda: L'isola del tesoro di Robert Louis Stevenson

"L'isola del tesoro" di Robert Louis Stevenson
Titolo:L'isola del tesoro
Titolo originale:Treasure Island
Autore:Robert Louis Stevenson
Editore:Bibliomania.it
Tipologia del supporto:Digitale
Anno di pubblicazione:1883
Pagine:71
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Inglese
Genere:Romanzo
DRM:
:

1040 visualizzazioni

L'autore
Robert Louis Stevenson nacque in Scozia, ad Edimburgo, nel 1850. Morì a Vailima, nel 1894.

Il suo nome originale è Robert Louis Balfour Stevenson.

Si è dedicato principalmente ai seguenti ambiti: romanzi d'avventura, narrativa per ragazzi.

Per sapere qualcosa di più su Robert Louis Stevenson, potete andare sul sito web ufficiale dell'autore, disponibile alla seguente pagina:
http://www.robert-louis-stevenson.org.

"L'isola del tesoro" (col titolo originale: Treasure Island) è un romanzo di Robert Louis Stevenson, pubblicato originariamente in lingua inglese nel 1883.

Questa edizione in italiano è stata pubblicata da Bibliomania.it (71 pagine).

TRAMA

Il romanzo narra di una vecchia mappa del tesoro ritrovata da un ragazzo, Jim Hawkins, nella valigia del capitano Bones, ospite alla locanda gestita da Jim e da sua madre. Il protagonista e voce narrante del romanzo, Jim Hawkins, è un ragazzo che vive con i genitori nella locanda "Ammiraglio Benbow", sul mare vicino a Bristol. Billy Bones, un capitano di nave dall'aspetto minaccioso, prende alloggio nella locanda, e, dopo la morte del padre di Jim, muore anch'egli d'infarto. Jim e sua madre aprono il baule lasciato da Bones, e trovano al suo interno una mappa. La madre è colta da svenimento, per cui Jim rimane il solo custode della mappa.

Jim mostra la mappa al suo amico, il Dottor Livesey, che comprende che si tratta della mappa che conduce alla scoperta del luogo in cui è nascosto il leggendario tesoro del Capitano Flint. Decidono, così, di rivolgersi all'armatore Trelawney per avere una nave e salpare alla volta del tesoro. Billy Bones, infatti, era rimasto in possesso della mappa poiché era stato uno dei membri dell'equipaggio di Flint. Nel formare la ciurma per il viaggio, senza saperlo, scelgono alcuni vecchi soci di Flint, fra cui Long John Silver, che, arruolato come cuoco di bordo ma in realtà pirata anch'egli e vecchio compare di Flint, è intenzionato ad impadronirsi della nave e poi del tesoro, ma durante il viaggio il ragazzo scopre i loro loschi piani nascosto nella botte delle mele dove era accidentalmente caduto, e racconta tutto ai suoi compagni. Scoperto ciò il capitano della nave, Smollett, decide di liberarsi di Silver e dei suoi soci concedendo loro di sbarcare sull'isola del tesoro per riposarsi, con la recondita intenzione di abbandonarli. Senza dirlo a nessuno però Jim scende a terra con i pirati, dai quali però poi fugge. Addentrandosi nell'isola, Jim incontra uno strano individuo, Ben Gunn, un ex marinaio di Flint, che aveva rivelato ad alcuni marinai che sull'isola c'era un tesoro che però non fu trovato, e per questo fu abbandonato lì tre anni prima.
Nel frattempo anche Smollett e gli altri membri dell'"equipaggio fedele" sono sbarcati e si sono insediati nel vecchio fortino di Flint. Jim li raggiunge e racconta loro dell'incontro con Gunn. Di seguito inizia una battaglia in cui gli ammutinati assaltano il fortino. Ansioso di partecipare all'azione, Jim esce dal rifugio e con la canoa arriva all'Hispaniola, ne taglia le corde dell'ancora e la porta ad arenarsi in un luogo sicuro sfuggendo a Israel Hands, un nostromo cattivo che, durante un tentativo di uccidere il ragazzo, viene poi sconfitto da lui. Tornato al rifugio dei suoi, Jim scopre che è occupato dai pirati e che i suoi compagni hanno ceduto loro i viveri, le armi e la mappa del tesoro visto che loro non ne avevano più bisogno perché il tesoro era stato trovato da Ben Gunn, e viene fatto prigioniero.

Mentre Jim è prigioniero, Silver viene deposto dai suoi stessi uomini, e si trova in pericolo di vita; riesce però a farsi riaccettare come capo e, in questa operazione, salva anche la vita a Jim. Così quest'ultimo è costretto a restituire il favore a Silver giurando di difenderlo davanti al tribunale per salvarlo dalla forca. Ripreso il controllo della ciurma, Silver ordina di incamminarsi verso il punto in cui è nascosto il tesoro, ma all'arrivo scoprono che il tesoro era già stato ritrovato e a quel punto solo l'intervento della compagnia di Jim li salva da una fine certa. Allora vanno nella grotta di Ben Gunn,caricano il tesoro sull'Hispaniola e salpano lasciando i tre pirati di Flint rimasti ribelli sull'isola insieme a un po di provviste e di polvere da sparo. Durante il viaggio di ritorno si fermano in un golfo per riposare, ma al momento di ripartire il quartiermastro Silver scappa a bordo di un canotto per paura che all'arrivo fosse messo in prigione.

I libri catalogati di Robert Louis Stevenson:
Elogio dell'Ozio
I Weir Di Hermiston
Il club dei suicidi (The New Arabian Nights: The Suicide Club) (1878)
Il Club dei Suicidi
Il diavolo della bottiglia
Il ragazzo rapito (Kidnapped) (1886)
Il Ragazzo Rapito
Janet la Storta
L'isola del tesoro (Treasure Island) (1883)
L'Isola Del Tesoro
La freccia nera
Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde
Lo strano caso del Dr. Jekyll e del Sig. Hyde (The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde) (1885)
Rapito (Kidnapped) (1886)
Strano Caso Del Dottor Jekyll E Del Signor Hyde
Virginibus puerisque
Weir di Hermiston (Weir of Hermiston) (1896)
Citazioni di Robert Louis Stevenson:
Esiste una specie di morti viventi, di g...
Essere ciò che siamo, diventare ciò che...
Il primo dovere di un uomo è parlare; è...
In fin dei conti i luoghi comuni sono le...
La politica è forse l'unica professione...
...nell'ottobre del 18..., tutta Londra...
Odio il cinismo più del diavolo; a meno...
Ognuno vive vendendo qualcosa....
Per ogni cosa ci sono due parole, una ch...
E ora concludiamo. Volete essere saggio?...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!