Inizio > Indice Recensioni > Recensione: La critica della scuola delle mogli di Molière

"La critica della scuola delle mogli" di Molière
Titolo:La critica della scuola delle mogli
Titolo originale:La Critique de l'école des femmes
Autore:Molière
Editore:Bibliomania.it
Tipologia del supporto:Digitale
Anno di pubblicazione:1663
Pagine:72
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Francese
Genere:Commedia teatrale
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
Recensione vocale:La_critica_della_scuola_delle_mogli.opus, 152518 bytes
:

1417 visualizzazioni

L'autore
Molière è nato in Francia, a Parigi, nel 1622. È morto a Parigi
, nel 1673.

In origine, il suo nome era Jean-Baptiste Poquelin.

Dopo "La scuola delle mogli", Molière dovette difendersi a spada tratta dalle critiche.

Questo volume non contiene solo la commedia teatrale "La critica della scuola delle mogli", ma anche molti brani estratti da commedie di altri autori, tutte accomunate dall'appartenere alla celebre "querelle" del tempo. Infatti, dopo l'uscita delle commedie "La scuola dei mariti", "La scuola delle mogli", e successivamente anche con "Il Tartuffo ovvero l'impostore", Molière biasimò con arguzia e senso critico il diffuso perbenismo di facciata, e questo gettò scandalo nella Parigi del tempo. Nonostante Molière avesse l'appoggio del Re Luigi e della regina madre, le fasce più conservatrici e meno tolleranti della società di allora si scagliarono non solo contro le opere di Molière, ma anche contro l'autore stesso, tacciandolo di diabolicità e corruzione del sesso debole.
Questa controversia durò anni, e Molière poté rappresentare "Il Tartuffo ovvero l'impostore" solo nel 1669, dopo che la commedia era stata interdetta, su richiesta dell'arcivescovo di Parigi, e comunque fu rappresentata solo dopo una parziale revisione.
L'opera qui presentata è stata scritta dall'autore per cercare di commentare e spiegare "La scuola delle mogli", e in tal modo replicare alla polemiche generate da quella commedia.
Essendo questa un'opera di protesta, ha un certo sapore di apologia (come hanno notato soprattutto i suoi detrattori), e si limita soprattutto ad esporre le idee di Molière riguardo alla sua precedente opera. È necessario quindi leggere "La scuola delle mogli" per poter capire il contesto storico e letterario in cui questa commedia va inserita. Complessivamente l'interesse che suscita nel lettore moderno è marginale, scarso soprattutto se non si è interessati ad approfondire la questione che fece scalpore nella Parigi del tempo.

Questa edizione contiene anche i brani delle opere della "querelle", il dibattito suscitato dalla pubblicazione dell'opera.

PAGELLA
Scorrevolezza:8
Valore artistico:6
Contenuti:6
Globale:6

Consigliato a:

Consiglio di leggere prima "La scuola delle mogli" per comprendere a pieno la sua "critica".
Se vi piace Molière, dovete leggere tutte le sue più celebri opere. Oltre alle summenzionate, potete dare un'occhiata anche a "Il Tartuffo ovvero l'impostore", "Sganarello o il cornuto immaginario", "Don Garcia di Navarra", "Il misantropo", "L'avaro", "Don Giovanni o il convito di pietra".
Se volete leggere altri grandissimi commediografi, potete leggere autori come William Shakespeare, Carlo Goldoni e Luigi Pirandello, Jean Racine.

I libri catalogati di Molière:
Don Giovanni o il convito di pietra (Dom Juan ou le Festin de pierre) (1665)
Giovanni Dandin Ovvero Il marito umiliato (George Dandin ou le Mari confondu) (1668)
Il borghese gentiluomo
Il malato immaginario
Il medico per forza
Il misantropo (Le misanthrope) (1666)
Il misantropo
Il Tartuffo ovvero l'impostore (Le Tartuffe) (1669)
L'avaro (L'Avare ou l'École du mensonge) (1668)
La critica della scuola delle mogli (La Critique de l'école des femmes) (1663)
La scuola dei mariti (École des maris) (1661)
La scuola delle mogli (L'École des femmes) (1662)
Le Bourgeois gentilhomme - Les Femmes savantes - le Malade imaginaire
Le donne saccenti
Citazioni di Molière:
E peccare in silenzio non è peccato affa...
Ah, che bella cosa è saper qualcosa. (da...
Certamente voi siete orefice, signor Jos...
Chiunque può essere un uomo degno di ris...
Dopo questo, compiango chi si fida di...
È il pubblico scandalo ad offendere: pec...
È morta di quattro medici e due farmacis...
Gli errori più brevi sono sempre i migli...
Il cielo proibisce in verità certi piace...
Il mondo, mia cara Agnese, è uno strano...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!