Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Don Giovanni o il convito di pietra di Molière

"Don Giovanni o il convito di pietra" di Molière
Titolo:Don Giovanni o il convito di pietra
Titolo originale:Dom Juan ou le Festin de pierre
Autore:Molière
Editore:Bibliomania.it
Tipologia del supporto:Digitale
Anno di pubblicazione:1665
Pagine:53
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Francese
Genere:Commedia teatrale
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
Recensione vocale:Don_Giovanni.opus, 164263 bytes
:

1518 visualizzazioni

L'autore
Molière è nato in Francia, a Parigi, nel 1622. È morto a Parigi
, nel 1673.

In origine, il suo nome era Jean-Baptiste Poquelin.

Un comportamento licenzioso e una gravissima punizione: tutto questo presente in quest'opera del celebre Molière.

Quest'opera teatrale di Molière è interessante, anche se al lettore moderno può parere a tratti intrisa di un senso moraleggiante troppo pronunciato.
Narra la storia di un giovane senza religione e senza regole, che passa la vita a far innamorare splendide giovinette, non rammaricandosi mai per la propria condotta immorale, neanche in seguito ai bonari rimbrotti del suo servo.
Molière è stato accusato in quest'opera, al tempo della pubblicazione, di mostrare un protagonista senza principi né valori, che poteva diseducare le masse; il drammatico finale ad effetto dell'opera, nonostante sia una condanna, senza appello, di una condotta di vita dissoluta, non poteva risollevare, a detta dei detrattori dell'opera, le sorti di una commedia così perversa.
Ma all'occhio moderno queste accuse perdono la loro efficacia, e il lettore di oggi ha una visione in genere differente di questa rappresentazione teatrale. Ciò che colpisce maggiormente è l'istanza burlesca di tutta la vicenda, il tono scanzonato e mai opprimente con cui viene narrata, mentre la figura del servo riesce, a suo modo, ad imporre l'attenzione per la sua parvenza a metà fra il biasimevole e l'auto-ironico. Il finale così perentorio, folgorante (in tutti i sensi), invece, lascia il lettore moderno un po' interdetto, e solo la conoscenza delle premesse storiche dell'opera può permetterne una interpretazione corretta.

Questa edizione contiene anche una lettera di accusa contro l'opera e la conseguente risposta di Molière.

PAGELLA
Scorrevolezza:7
Valore artistico:6
Contenuti:6.5
Globale:6.5

Consigliato a:

Consiglio questo volume a tutti gli appassionati di Molière, in particolare a coloro i quali vogliono approfondire le tematiche e l'arte espressa da questo grande commediografo francese. Se invece non avete mai letto nulla di Molière, ma volete comunque conoscere questo autore, vi consiglio di leggere prima altre sue opere di capitale importanza, soprattutto "Il Tartuffo ovvero l'impostore", "Il misantropo" e "L'avaro".
Se vi interessa la commedia francese, vi consiglio di leggere anche il "Cyrano di Bergerac" di Edmond Rostand. Per altre grandi opere mondiali del teatro, vi potreste orientare su Shakespeare, in capolavori come "Sogno di una notte di mezza estate", "Le allegre comari di Windsor", "Come vi piace"; altro autore vivamente consigliato è Luigi Pirandello, in opere umoristiche come "Così è se vi pare", oppure in capolavori di drammaturgia come "Sei personaggi in cerca di autore".

I libri catalogati di Molière:
Don Giovanni o il convito di pietra (Dom Juan ou le Festin de pierre) (1665)
Giovanni Dandin Ovvero Il marito umiliato (George Dandin ou le Mari confondu) (1668)
Il borghese gentiluomo
Il malato immaginario
Il medico per forza
Il misantropo (Le misanthrope) (1666)
Il misantropo
Il Tartuffo ovvero l'impostore (Le Tartuffe) (1669)
L'avaro (L'Avare ou l'École du mensonge) (1668)
La critica della scuola delle mogli (La Critique de l'école des femmes) (1663)
La scuola dei mariti (École des maris) (1661)
La scuola delle mogli (L'École des femmes) (1662)
Le Bourgeois gentilhomme - Les Femmes savantes - le Malade imaginaire
Le donne saccenti
Citazioni di Molière:
E peccare in silenzio non è peccato affa...
Ah, che bella cosa è saper qualcosa. (da...
Certamente voi siete orefice, signor Jos...
Chiunque può essere un uomo degno di ris...
Dopo questo, compiango chi si fida di...
È il pubblico scandalo ad offendere: pec...
È morta di quattro medici e due farmacis...
Gli errori più brevi sono sempre i migli...
Il cielo proibisce in verità certi piace...
Il mondo, mia cara Agnese, è uno strano...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!