Aiutaci. Grazie.

Inizio > Indice Recensioni > Scheda: La fortuna dei Rougon di Émile Zola

"La fortuna dei Rougon" di Émile Zola
Titolo:La fortuna dei Rougon
Autore:Émile Zola
Tipologia del supporto:Digitale
Lingua:Italiano
Genere:Non definito
DRM:Non definito
Pubblicato il:2013-03-23
:

951 visualizzazioni

L'autore
Émile Zola è nato in Francia, a Parigi, nel 1840. È morto a Parigi, nel 1902.

Il suo nome originale è Émile François Zola.

Si è dedicato principalmente ai seguenti ambiti: naturalismo.

"La fortuna dei Rougon" è un libro di Émile Zola.

Questa edizione in italiano è pubblicata da un editore non definito.

Incipit del libro La fortuna dei Rougon di Émile Zola:




La fortuna dei Rougon





CAPITOLO I

Quando si esce da Plassans per la Porta di Roma, situata a sud della città, si trova, a destra della strada per Nizza, oltrepassate appena le prime case del sobborgo, un terreno incolto che la gente del luogo chiama «aia di Saint-Mittre».

L’ala di Saint-Mittre è uno spazio rettangolare di una certa estensione, che costeggia il marciapiede della strada: ne è separato soltanto da una striscia d’erba avvizzita. Da un lato, a destra, un vicolo cieco fiancheggia l’aia con una fila di catapecchie; a sinistra e in fondo, l’aia è chiusa da due lembi di muraglie corrosi dal muschio, al di sopra dei quali si scorgono i rami più alti dei gelsi del Jas-Meiffren, una grande proprietà che ha il suo ingresso più giù nel sobborgo. Così, chiusa da tre lati, l’aia è come una piazza che non serve di transito verso alcun altro luogo e che è attraversata solo da chi ha voglia di passeggiare.

In tempi remoti, c’era là un cimitero, posto sotto la protezione di San Mittre, un santo provenzale molto venerato in quei luoghi. Nel 1851, i vecchi di Plassans si ricordavano di aver visto non ancora abbattute le mura di questo cimitero, che era rimasto chiuso per anni e anni. Dal terreno, che da più d’un secolo era satollato di cadaveri, trasudava la morte, e si era dovuto aprire un nuovo cimitero, all’altra estremità della cittadina. Abbandonato, il vecchio cimitero si era purificato ad ogni primavera, coprendosi d’una vegetazione scura e folta. Quella terra grassa, nella quale i becchini non potevano più affondare la vanga senza tirarne su un brandello di cadavere in putrefazione, rivelò una fertilità formidabile. Dalla strada, dopo le piogge di maggio e i soli di giugno, si scorgevano le cime delle erbe che svettavano al di sopra delle mura; dietro, tutto un mare d’un verde cupo, profondo, cosparso di fiori larghi, dal colore straordinariamente luminoso. Sotto, nell’ombra degli steli folti, si sentiva l’odore del terriccio umido che fermentava e alimentava la linfa.

Una delle stranezze di quel campo, in quell’epoca, era costituita da certi peri dai rami contorti, dalle nodosità mostruose; nessuna massaia di Plassans avrebbe accettato di coglierne gli enormi frutti. In città si parlava di quei frutti con smorfie di disgusto; ma i monelli del sobborgo non avevano schifiltosità di questo genere: scalavano la muraglia a frotte, la sera, al calar del sole, per rubare le pere, anche prima che fossero mature.

Ben presto la vita ardente delle erbe e degli alberi finì per divorare tutta la morte del vecchio cimitero di Saint-Mittre; la putredine umana fu mangiata avidamente dai fiori e dai frutti; alla fine, passando lungo quella cloàca, non si sentì più nient’altro che l’odore penetrante delle violacciocche selvatiche. Bastarono


[...]
Audiolibri di:Émile Zola
Nuove storielle a Ninetta
Raccolta di racconti
Audiolibro della raccolta di racconti "Nuove storielle a Ninetta" di Émile Zola.
I libri catalogati di Émile Zola:
Al paradiso delle signore (Au bonheur des dames) (1882)
Germinale (Germinal) (1885)
Il denaro (L'argent) (1891)
Il paradiso delle signore
Il ventre di Parigi (Le ventre de Paris) (1873)
Il ventre di Parigi
L'Assommoir
L'assommoir - L'ammazzatoio (L'Assommoir) (1877)
L'opera (L'oeuvre) (1893)
La bestia umana (La bête humaine) (1890)
La conquista di Plassans (La conquête de Plassans) (1874)
La Conquista Di Plassans
La cuccagna (La curée) (1871)
La disfatta (La Débàcle) (1892)
La fortuna dei Rougon (La Fortune des Rougon) (1871)
La fortuna dei Rougon
La Fortune des Rougon (1871)
Nanà (Nana) (1880)
Nuove storielle - A Ninetta
Nuove storielle a Ninetta (Nouveaux contes à Ninon) (1874)
Roma
Son Excellence Eugène Rougon (1876)
Teresa Raquin
Thérèse Raquin (1867)
Citazioni di Émile Zola:
Fino a tanto che avrete qualche cosa di...
Il compito più alto di un uomo è sottrar...
La scienza ha promesso la felicità? Non...
Un'opera d'arte è un angolo della creazi...
Ha mostrato come il mondo può essere bel...
Fra un centinaio di anni le storie della...
Ho una sola passione, quella della luce...
La civiltà non raggiungerà la perfezione...
La verità è in cammino e niente la potrà...
Le mie notti sarebbero un solo incubo al...
Questa verità, questa giustizia che abbi...
La verginità è sorella degli angeli, è i...
La morte è più potente dell'amore. È una...
Il mondo è pieno di brava gente. Quando...
Quando non si lavora, gli arnesi se ne s...
È così bello vivere, e la vita è così do...
La felicità per noi poveretti sta solo n...
Incipit di "...
Incipit de "...
Incipit de "...
Fino a tanto che avrete qualche cosa di...
Il compito più alto di un uomo è sottrar...
Io accuso. Titolo di una let...
La scienza ha promesso la felicità? Non...
La verità è in cammino e niente la potrà...
Un'opera d'arte è un angolo della creazi...
[NDR|Su Johann Strauss jr]...
[NDR|A Maheu] Quando non s...
Aumentare il salario, che forse si può?...
I soli piaceri che restavano [NDR|...
– Pane! pane! pane! – Pane! come se bast...
La folla: una forza cieca che continuame...
La verginità è sorella degli angeli, è i...
La morte è più potente dell'amore. È una...
Il mondo è pieno di brava gente. Quando...
La morte è più forte dell'amore, è una s...
Quando non si lavora, gli arnesi se ne s...
Il mondo è pieno di brave persone! Quand...
È così bello vivere, e la vita è così do...
La felicità per noi poveretti sta solo n...
La mente è un prodotto di predisposizion...
Zola con la sua audacia ha destato il fa...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione
Aiutaci! Clicca qui

Donazioni BitCoin:

Aiuta ALK Libri donando Bitcoin
Sì | No