Inizio > Indice Recensioni > Scheda: L'Assommoir di Émile Zola

"L'Assommoir" di Émile Zola
Titolo:L'Assommoir
Autore:Émile Zola
Editore:Oxford University Press
Tipologia del supporto:Digitale
Lingua:Italiano
Genere:Non definito
Codice ISBN:9780199538683
DRM:Non definito
Pubblicato il:2013-03-23
:

1056 visualizzazioni

L'autore
Émile Zola è nato in Francia, a Parigi, nel 1840. È morto a Parigi, nel 1902.

Il suo nome originale è Émile François Zola.

Si è dedicato principalmente ai seguenti ambiti: naturalismo.

"L'Assommoir" è un libro scritto da Émile Zola.

Questa versione in italiano è pubblicata da Oxford University Press (ISBN: 9780199538683).

Incipit del libro L'Assommoir di Émile Zola:




L’Assommoir




PREFAZIONE

 

 

 

I Rougon-Macquart dovranno comprendere una ventina di romanzi. Il piano generale è fissato fin dal 1869, ed io lo seguo con estremo rigore. Arrivato il momento dell’Assommoir, l’ho scritto, così come scriverò gli altri, senza deviare nemmeno per un attimo dalla mia linea retta. Ecco da cosa deriva la mia forza. Ho un obiettivo cui tendere.

Quando L’Assommoir è apparso su un giornale, è stato attaccato con una violenza senza precedenti. È stato imputato di tutti i crimini. Occorre dunque ch’io spieghi qui, in poche righe, le mie intenzioni di scrittore? Quello che ho voluto dipingere è il fatale decadimento d’una famiglia operaia nell’ambiente appestato dei nostri sobborghi. Al fondo dell’ubriachezza e della poltroneria, troviamo l’allentamento dei legami familiari, gli orrori della promiscuità, il progressivo oblio d’ogni onesto sentimento; quindi, come scioglimento, la vergogna e la morte. Non è altro che morale in atto.

L’Assommoir è senza dubbio il più casto dei miei libri. Ho dovuto spesso toccare delle piaghe ben altrimenti spaventose. Soltanto la forma ha scandalizzato. Se la son presa con le parole. Il mio crimine è stato quello d’aver avuto la curiosità letteraria di raccogliere e fondere in uno stampo adeguatamente elaborato la lingua del popolo. Ah! la forma, ecco il più grande dei crimini! Eppure, di tale lingua, esistono dei dizionari. Gli eruditi la studiano e ne apprezzano il vigore, l’imprevedibilità e la forza delle immagini. È un boccone prelibato per i grammatici ficcanaso. Non conta. Nessuno si è accorto che volevo fare un lavoro puramente filologico, un lavoro che credo del più vivo interesse storico e sociale.

Ma nemmeno mi difendo. La mia opera mi difenderà. È un’opera di verità, il primo romanzo sul popolo che non menta e abbia lo stesso odore del popolo. Ma non bisogna affatto concluderne che il popolo per intero sia cattivo: i miei personaggi non sono infatti cattivi, sono soltanto ignoranti e corrotti dall’ambiente di dura fatica e di miseria in cui vivono. Si dovrebbe comunque leggere i miei romanzi, capirli, valutarli lucidamente nel loro insieme, prima d’emettere i giudizi bell’e fatti, ridicoli e odiosi che circolano sulla mia persona e sulle mie opere. Ah! se si sapesse fino a che punto i miei amici se la spassano alla sorprendente leggenda con cui la folla si diverte! Se si sapesse che l’assetato di sangue, l’implacabile romanziere, non è altro che un degno borghese, un uomo di studio e di arte, che vive sobriamente nel suo cantuccio e la cui unica ambizione è quella di lasciare un’opera il


[...]
Audiolibri di:Émile Zola
Nuove storielle a Ninetta
Raccolta di racconti
Audiolibro della raccolta di racconti "Nuove storielle a Ninetta" di Émile Zola.
I libri catalogati di Émile Zola:
Al paradiso delle signore (Au bonheur des dames) (1882)
Germinale (Germinal) (1885)
Il denaro (L'argent) (1891)
Il paradiso delle signore
Il ventre di Parigi (Le ventre de Paris) (1873)
Il ventre di Parigi
L'Assommoir
L'assommoir - L'ammazzatoio (L'Assommoir) (1877)
L'opera (L'oeuvre) (1893)
La bestia umana (La bête humaine) (1890)
La conquista di Plassans (La conquête de Plassans) (1874)
La Conquista Di Plassans
La cuccagna (La curée) (1871)
La disfatta (La Débàcle) (1892)
La fortuna dei Rougon (La Fortune des Rougon) (1871)
La fortuna dei Rougon
La Fortune des Rougon (1871)
Nanà (Nana) (1880)
Nuove storielle - A Ninetta
Nuove storielle a Ninetta (Nouveaux contes à Ninon) (1874)
Citazioni di Émile Zola:
Fino a tanto che avrete qualche cosa di...
Il compito più alto di un uomo è sottrar...
La scienza ha promesso la felicità? Non...
Un'opera d'arte è un angolo della creazi...
Ha mostrato come il mondo può essere bel...
Fra un centinaio di anni le storie della...
Ho una sola passione, quella della luce...
La civiltà non raggiungerà la perfezione...
La verità è in cammino e niente la potrà...
Le mie notti sarebbero un solo incubo al...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!