Ti diamo tanti contenuti. Senza pubblicità. Senza spiarti. Dai una mano. Grazie.

Home > Indice Recensioni > Recensione: Rime di Cecco Angiolieri

"Rime" di Cecco Angiolieri
Titolo: Rime
Titolo originale: Rime
Autore: Cecco Angiolieri
Editore: Liber Liber
Tipologia del supporto: Digitale
Anno di pubblicazione: 1288-1304
Pagine: n.d.
Lingua: Italiano
Lingua originale dell'opera: Italiano
Genere: Raccolta di sonetti
Licenza: Pubblico dominio
DRM:
Recensione di: Christian Michelini
Acquista:
Solo 0,99 Euro! Sostieni il sito!
Formato ePub e Adobe PDF
eBook: Leggi l'eBook
Formati disponibili:
Audiolibro: Ascolta l'audiolibro
:

3615 visualizzazioni

Aggiungi ebook alla tua biblioteca
L'autore
Cecco Angiolieri nacque in Italia, a Siena, nel 1257 circa. È morto a Siena, nel 1313 circa.

Se io fossi fuoco... ma certo, brucerei il mondo!!

Questa raccolta di poesie di Cecco Angiolieri fa da secoli parte della tradizione classica della letteratura italiana. Poeta umoristico, a volte sguaiato, a volte dissacrante, cercava di creare una poetica dai toni vivaci e coloriti dell'ironia e, soprattutto, dell'autoironia. Era insomma su un piano letterario completamente opposto a quello di Dante Alighieri (cui sono dedicati alcuni sonetti) e di tutti gli stilnovisti. In particolare, vivace e satirica può esser vista la sua contrapposizione al Petrarca: l'apologia di Laura (o di Beatrice per Dante), la descrizione dell'amor platonico, la contemplativa e serafica ascesi nel candore virginale delle donne, qui, nelle "Rime", vengono completamente stravolte.
Abbiamo allora l'interlocutrice amorosa (Becchina, e già il suo nome la dice lunga) completamente sboccata, gretta, materialista, attaccata al soldo, scurrile, ingiuriosa. Una figura di donna caricaturale, nella sua essenza dissacratoria che genera il riso, con una perfetta contrapposizione di ideale sentimento (l'Amore) e triviale cortigianeria (la stessa figura di Becchina).
Altro grande tema di questi sonetti è il soldo: visto come sommo bene, in un'era di ascesi mistica e moralismo diffuso, produce un effetto comico accentuato dai toni scanzonati e propositivi di Cecco. La terza grande tematica è costituita dai rapporti umani, soprattutto filiari (verso suo padre) e di amicizia. In particolare, il rapporto con la figura paterna diviene parodisticamente problematica, un rapporto di forte contrapposizione ed incomprensione inconciliabile.
Complessivamente, queste rime sono godibili e belle, frutto di un certo senso di ribellione e protesta. Esse, tuttavia, sono state (ovviamente) scritte in un italiano arcaico, quando ancora stava compiendo i primi passi il Volgare, per opera di Pietro Bembo e del trittico Dante-Petrarca-Boccaccio. Ne consegue che la lettura, per chi vi si avvicina oggi, può risultare assai difficoltosa. Ma chi non è impaurito dal riflettere sui termini per comprendere a pieno i significati, può, se le tematiche presenti lo interessano, avvicinarsi tranquillamente a quest'opera.

PAGELLA
Scorrevolezza: 6
Valore artistico: 8
Contenuti: 8
Globale: 8

Consigliato a:

Consiglio questo libro, come ho detto, a chi ha padronanza dell'italiano antico o a chi non si spaventa di fronte a termini a volte un po' ostici. Se vi piacciono questo tipo di opere, e questo periodo storico, non posso far altro che consigliarvi i grandi nomi di tal tempo, come i già citati Dante Alighieri, Francesco Petrarca e Giovanni Boccaccio; soprattutto quest'ultimo, per alcune affinità con Cecco Angiolieri, in particolare per il marcato umorismo.

Abbiamo disponibile la versione vocale di "S'i' fosse foco".

Incipit del libro Rime di Cecco Angiolieri:

Molti anni fassi qual felice, in unabrevissima ora si lamenta e dole;o per famosa o per antica prolealtri s'inlustra, e 'n un momento imbruna.


[...]
Audiolibri di: Cecco Angiolieri
Rime
Raccolta di sonetti
Audiolibro della Raccolta poetica "Rime" di Cecco Angiolieri.
I libri catalogati di Cecco Angiolieri:
Rime (1288-1304)
Rime
Citazioni di Cecco Angiolieri:
S'i' fosse foco, ardere' il mondo; s'i'... [leggi]
– Accorri, accorri, accorri, uom, a l... [leggi]
Oimè d'Amor, che m'è duce sì reo,... [leggi]
L'Amor, che m'è guerrero ed enemico,... [leggi]
Qualunque ben si fa, naturalmente... [leggi]
E tutto 'l sangue mi sento turbato,... [leggi]
Se l'omo avesse 'n sé conoscimento,... [leggi]
Ond'i' vo' questo motto aver per dett... [leggi]
S'i' fosse foco, arderei 'l mondo;... [leggi]
S'i' fosse Cecco, com'i' sono e fui,... [leggi]
Tre cose solamente mi so 'n grado,... [leggi]
Ché la Morte paur'ha di morire;e... [leggi]
Dante Alighier, s'i' so' bon begolar... [leggi]

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione
Aiutaci! Clicca qui

Donazioni BitCoin:

Aiuta ALK Libri donando Bitcoin
Sì | No