Aiutaci. Grazie.

Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Il misantropo di Molière

"Il misantropo" di Molière
Titolo:Il misantropo
Titolo originale:Le misanthrope
Autore:Molière
Editore:Rizzoli
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1666
Pagine:209
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Francese
Genere:Commedia teatrale
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
Recensione vocale: Il_misantropo.opus, 196271 bytes
:

3836 visualizzazioni

L'autore
Molière è nato in Francia, a Parigi, nel 1622. È morto a Parigi
, nel 1673.

In origine, il suo nome era Jean-Baptiste Poquelin.

Quando perdiamo la pazienza con qualcuno, arriviamo anche ad disprezzarlo... cosa accade quando una persona disprezza chiunque? Nasce il misantropo.

Questa commedia di Molière è una delle più riuscite di questo grande autore francese. Essenzialmente, ci viene proposta la storia di un uomo che ripudia qualunque tipo di ipocrisia sociale, qualunque insincerità, qualunque falsa convinzione preconcetta. È una persona che, sempre, dice la verità, in qualunque occasione, incapace di mediare le sue ragioni di coscienza con la moderazione d'eloquio in campo mondano. Giunge così a dire in faccia ai conoscenti che loro sono incapaci, subdoli, adulatori, diremmo oggi insomma ad avere una tremenda faccia di bronzo: dice in qualunque occasione le cose come stanno, fino ad applicare questa filosofia di vita anche nelle relazioni amorose. Il suo amico, al contrario, risulta molto più equo e conciliante, cercando sempre di contemperare le proprie idee con il bon ton sociale.
La critica si è sempre posta due domande principali rispetto a quest'opera: chi ha ragione, il protagonista o l'amico? E chi è Molière dei due? Ma sono entrambi quesiti di difficile risoluzione, per come è posta la storia, per le contraddizioni e antinomie intrinseche alle vicende.
Quello che è certo è che sono presenti due filosofie di vita contrapposte, che si concretizzano ciascuna a suo modo nella realtà quotidiana, e che hanno una comune caratteristica (frutto anche probabilmente delle concezioni scientifiche del tempo): è statuario. I due protagonisti sono infatti immobili rispetto al tempo, fermi come se fosse stata fatta un'istantanea delle loro personalità, e questa istantanea non potesse essere modificata in nessun modo. Questa atemporalità quasi metafisica, e l'inconciliabilità dei due caratteri e delle due concezioni, sono forse il merito più grande de "Il misantropo": rendere il dualismo fra i due personaggi ai limiti dell'antitesi, non proporre soluzioni né interpretazioni, ma unicamente contrapposizioni, che il lettore, lui solo, potrà vagliare secondo il suo gusto, le sue idee, la sua coscienza.

PAGELLA
Scorrevolezza:8
Valore artistico:8.5
Contenuti:9
Globale:9

Consigliato a:

Consiglio questo volume a tutti gli appassionati di opere teatrali. In particolare, se vi piacciono i drammaturghi francesi, vi consiglio di continuare a leggere altre opere di Molière, come "L'avaro", e soprattutto "Il Tartuffo ovvero l'impostore"; oppure potete rivolgervi rivolgervi a Racine (per le sue tragedie come "Fedra") e Corneille. Andando in tempi più recenti, potete leggere "Cyrano di Bergerac" di Edmond Rostand. Per il teatro di altre nazioni, vi consiglio autori italiani come Carlo Goldoni ("La Locandiera") e Luigi Pirandello ("Sei personaggi in cerca di autore", "Così è se vi pare"). Immancabile, chiaramente, il consiglio di leggere le opere di William Shakespeare.

I libri catalogati di Molière:
Don Giovanni o il convito di pietra (Dom Juan ou le Festin de pierre) (1665)
Giovanni Dandin Ovvero Il marito umiliato (George Dandin ou le Mari confondu) (1668)
Il borghese gentiluomo
Il malato immaginario
Il medico per forza
Il misantropo (Le misanthrope) (1666)
Il misantropo
Il Tartuffo ovvero l'impostore (Le Tartuffe) (1669)
L'avaro (L'Avare ou l'École du mensonge) (1668)
La critica della scuola delle mogli (La Critique de l'école des femmes) (1663)
La scuola dei mariti (École des maris) (1661)
La scuola delle mogli (L'École des femmes) (1662)
Le Bourgeois gentilhomme - Les Femmes savantes - le Malade imaginaire
Le donne saccenti
Citazioni di Molière:
E peccare in silenzio non è peccato affa...
Ah, che bella cosa è saper qualcosa. (da...
Certamente voi siete orefice, signor Jos...
Chiunque può essere un uomo degno di ris...
Dopo questo, compiango chi si fida di...
È il pubblico scandalo ad offendere: pec...
È morta di quattro medici e due farmacis...
Gli errori più brevi sono sempre i migli...
Il cielo proibisce in verità certi piace...
Il mondo, mia cara Agnese, è uno strano...
Io riprendo la roba mia dovunque la trov...
L'avete voluto, l'avete voluto, Giorgio...
Le bestie non sono così bestie come si p...
Niente è uguale al tabacco; è la passion...
Piglialo su,Signor monsù,Pi...
Se non essere cornuti vi sembra un gran...
Si muore una sola volta, ma per tanto te...
Stimare tutti è lo stesso che non stimar...
Tutti i vizi, quando sono di moda, passa...
Uno stolto che non dice verbo non si dis...
Deve aver ammazzato molta gente per esse...
La grande prova d'amore è obbedire alla...
Ahi, non ci sono più fanciulli! (II, 8)...
Quando la lasciamo fare, la natura si ti...
È degno, è degno di entrare nel nostro d...
E chi è quello scemo che non vuole che s...
I' ho sempre sentito a di' che nel matri...
La morte non ha sempre le orecchie apert...
Noi abbiamo cambiato tutto ciò. (II, 4 o...
Non c'è niente che valga quel che si ha;...
Oh che fatica aver moglie! e come ha rag...
Tenete a memoria che Cicerone dice che f...
[NDR|fare il medico] Trovo...
E vi garantisco che uno sciocco colto è...
La grammatica, che può governare perfino...
Nessuno avrà dello spirito, tranne noi e...
Quando ci si vuol regolare su una person...
A lui solo, tra i grandi scrittori franc...
Il don Giovanni di Molière è senza dubbi...
La grande fortuna di Molière fu di avere...
La vita di Molière, uno dei più famosi c...
Molière, ragazzi miei, ha avuto l'onestà...
Nulla mancò alla sua gloria, Egli mancò...
Passata l'ora dell'ingiustizia, il tempo...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione
Aiutaci! Clicca qui

Donazioni BitCoin:

Aiuta ALK Libri donando Bitcoin
Sì | No