Ti diamo tanti contenuti. Senza pubblicità. Senza spiarti. Dai una mano. Grazie.

Home > Indice Recensioni > Recensione: Dona Flor e i suoi due mariti di Jorge Amado

"Dona Flor e i suoi due mariti" di Jorge Amado
Titolo: Dona Flor e i suoi due mariti
Titolo originale: Dona Flor e seus dois maridos
Autore: Jorge Amado
Editore: Garzanti
Tipologia del supporto: Cartaceo
Anno di pubblicazione: 1966
Pagine: 525
Lingua: Italiano
Lingua originale dell'opera: Portoghese
Genere: Romanzo
Licenza: Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di: Nicola Vivarelli
:

2746 visualizzazioni

L'autore
Jorge Amado nacque in Brasile, ad Itabuna, nel 1912. È morto a Salvador de Bahia, nel 2001.

Originariamente, il suo nome era Jorge Leal Amado de Faria.

È un romanzo fatto di odori, di urla nelle strade, di colori vivi e sensuali, di profumi di donna.

È un romanzo fatto di odori, di urla nelle strade, di colori vivi e sensuali, di profumi di donna, delle nere ombre delle bische illegali, di voci pettegole agli angoli delle strade, che avvolgono il lettore trasportandolo, quasi forzatamente, senza alcuna possibilità di resistenza, tra mulatte dai seni prorompenti e in mezzo a sporchi tavoli da gioco, dove una variegata umanità spende denaro, tempo e dignità affidando a due dadi la possibilità di cambiare la propria vita.
Il romanzo narra la storia di Dona Flor e dei suoi due matrimoni: il primo con Vadinho, "ferrato nel dondolo e ottimo di membro", giocatore incallito e donnaiolo irriducibile. Il secondo con l'innamoratissimo e metodico farmacista Teodoro, poco esperto nelle "faccende di letto" ma un gran romanticone e con una posizione sociale più che sicura, che fa di Dona Flor la più invidiata del quartiere. La situazione si complica verso la parte finale del romanzo, quando con una abile improvvisazione narrativa, la storia si tinge di fantasmi, macumbe e sortilegi, descritti sempre però in maniera ironica e satirica.

PAGELLA
Scorrevolezza: 9
Valore artistico: 7
Contenuti: 8
Globale: 9

Consigliato a:

Il romanzo è consigliato a chi è digiuno di letteratura sud americana, proprio per la bravura dell'autore nel descrivere situazioni, comportamenti e personaggi che rimangono a lungo impressi nella memoria. La storia poi procede in maniera veramente divertente, intrisa sempre da una sottile ironia, tanto che le 500 pagine ed oltre del romanzo non si fanno sentire per niente.

Incipit del libro Dona Flor e i suoi due mariti di Jorge Amado:

Parte I

DA MORTE DE VADINHO, PRIMEIRO MARIDO DE DONA FLOR, DO VELÓRIO E DO
ENTERRO DE SEU CORPO

(ao cavaquinho o sublime Carlinhos Mascarenhas)

ESCOLA DE CULINÁRIA SABOR E ARTE

QUANDO E O QUE SERVIR EM VELÓRIO DE DEFUNTO (Resposta de Dona Flor a
pergunta de uma aluna)
Nem por ser desordenado dia de lamentação, tristeza e choro, nem
por isso se deve deixar o velório correr em brancas nuvens. Se a Dona da
casa, em soluços e em desmaio, fora de si, envigilha em dor, ou morta no
caixão, se ela não puder, um parente ou pessoa amiga se encarrega então
de atender à sentinela pois não se vai largar no alvéu, sem de comer nem
de beber, os coitados noite adentro solidários; por vezes sendo inverno
e frio.
Para que uma sentinela se anime e realmente honre o defunto a
presidi-la e lhe faça leve a primeira e confusa noite de sua morte, é
necessário atendê-la com solicitude, cuidando-lhe da moral e do apetite.
Quando e o quê oferecer?
Pois a noite inteira, do começo ao fim. Café é indispensável e o
tempo todo, café pequeno, é claro. Café completo, com leite, pão,
manteiga, queijo, uns biscoitinhos, alguns bolos de aipim ou carimã,
fatias de cuscuz com ovos estrelados, isso, só de manhã e para quem
atravessou ali a madrugada.
O melhor é manter a água na chaleira para não faltar café; sempre
está chegando gente. Bolachas e biscoitos acompanham o cafezinho; uma
vez por outra uma bandeja com salgados, podendo ser sanduíches de
queijo, presunto, mortadela, coisas simples pois de consumição já basta
e sobra com o defunto.
Se o velório, porém, for de categoria, dessas sentinelas de dinheiro
a rodo, então se uma xícara de chocolate à meia noite, grosso e
quente, ou uma canja gorda de galinha. E, para completar, bolinhos de
bacalhau, frigideira, croquetes em geral, doces variados, frutas secas.
Para beber, em sendo casa rica, além do café, pode haver cerveja ou
vinho, um copo e tão somente para acompanhar a canja e a frigideira.
Jamais champanha, não se considera de bom-tom.
Seja velório rico, seja pobre, exige-se, porém, constante e
necessária, a boa cachacinha; tudo pode faltar, mesmo café, só ela é
indispensável; sem seu conforto não há velório que se preze. Velório sem
cachaça é desconsideração ao falecido, significa indiferença e desamor.


[...]
I libri catalogati di Jorge Amado:
Alte Uniformi E Camicie Da Notte
Cacao
Capitani della spiaggia
Dona Flor e i suoi due mariti (Dona Flor e seus dois maridos) (1966)
Due storie del porto di Bahia
Gabriella, garofano e cannella (Gabriela, cravo e canela) (1958)
Jubiabá
Romanzi
Santa Barbara dei Fulmini
Sudore
Teresa Batista stanca di guerra (Teresa Batista cansada de guerra) (1972)
Teresa Batista stanca di guerra
Terre del finimondo (Terras do sem fim) (1943)
Tocaia grande: la faccia oscura (Tocaia grande. A face obscura) (1984)
Vita e miracoli di Tieta d'Agreste
Citazioni di Jorge Amado:
La patria di un cittadino è dove lui sud... [leggi]
I lavoratori delle piantagioni recavano... [leggi]
In mezzo a quel bailamme s'udì Quincas d... [leggi]
Io dico no quando tutti, in coro, dicono... [leggi]
Voglio soltanto raccontare delle cose, a... [leggi]
Dovunque io vada porto il Brasile con me... [leggi]
Silenzio, ho detto! Arte moderna! Osceni... [leggi]
Il miglior tonico esistente è l'amore. (... [leggi]
Sensazione di sollievo, di benessere, il... [leggi]

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione
Aiutaci! Clicca qui

Donazioni BitCoin:

Aiuta ALK Libri donando Bitcoin
Sì | No