Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Nel cuore della cometa di Glen David Brin, Gregory Albert Benford

"Nel cuore della cometa" di Glen David Brin, Gregory Albert Benford
Titolo:Nel cuore della cometa
Titolo originale:Heart of the comet
Autore:Glen David Brin, Gregory Albert Benford
Editore:Editrice Nord
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1986
Pagine:573
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Inglese
Genere:Romanzo
Argomento:Fantascienza
Prezzo :12000
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
Recensione vocale:Nel_cuore_della_cometa.opus, 109432 bytes
:

82924 visualizzazioni

L'autore
Gregory Albert Benford è nato negli Stati Uniti d'America, a Mobile, nel 1941.

Per sapere qualcosa di più su Gregory Albert Benford, potete consultare il sito web ufficiale dell'autore, disponibile a questa pagina:
http://www.gregorybenford.com/.

La cometa di Halley... non solo bellezza, ma anche vita!

Questo buon romanzo di fantascienza, che lessi alcuni anni fa, mi è rimasto nel ricordo come un buon affresco di colonizzazione spaziale, dove tecnologia e biologia si fondono per riprodurre un ambiente in cui l'uomo cerca di adattarsi, tra incessanti e perniciose difficoltà. Ma questo è anche un libro di azione, con descrizioni serrate di eventi e una presa diretta sul coinvolgimento del lettore.
Questo romanzo fu scritto proprio a cavallo del passaggio della cometa di Halley vicino alla Terra: in quel periodo era massima l'attenzione della popolazione mondiale per questo fenomeno, ma anche a distanza di anni, il fascino di questo romanzo risulta nelle immagini e nelle idee che riesce a trasmettere.

PAGELLA
Scorrevolezza:8
Valore artistico:8
Contenuti:9
Globale:8

Consigliato a:

Questo volume è dedicato a tutti gli appassionati di fantascienza esplorativa e tecnologica: se non vi piace il genere, è inutile leggere questo libro, a meno che non vogliate conoscere un mondo letterario nuovo e dalle tematiche innovative.
Se vi è piaciuto questo volume, vi consiglio anche la fantascienza ipertecnologica di Isaac Asimov: "L'uomo positronico (Robot NDR-113)", i racconti sui robot, "Fondazione - la quadrilogia completa (1953-1983)" sono opere che rimangono nel cuore degli appassionati di Science Fiction. Se volete invece cambiare genere di fantascienza, vi consiglio i capolavori di Philip K. Dick, in particolare "Ubik", "Blade Runner" e "Un oscuro scrutare". Ultimo, ma non in ordine di importanza, il bell'affresco futuro di Arthur C. Clarke, "2001 odissea nello spazio".

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!