Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Lolita di Vladimir Vladimirovič Nabokov

"Lolita" di Vladimir Vladimirovič Nabokov
Titolo:Lolita
Titolo originale:Lolita
Autore:Vladimir Vladimirovič Nabokov
Editore:Arnoldo Mondadori Editore
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1955
Pagine:387
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Russo
Genere:Romanzo
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di:Cristina Desogus
:

1050 visualizzazioni

L'autore
Vladimir Vladimirovič Nabokov è nato nella Federazione Russa, a Pietroburgo, nel 1899. Morì a Montreux, nel 1977.

Il suo nome originario è Владимир Владимирович Набоков.

Quando ho cominciato la lettura del libro, per colpa di pregiudizi alimentati dai numerosi film tratti dalla sua trama.

Quando ho cominciato la lettura del libro, per colpa di pregiudizi alimentati dai numerosi film tratti dalla sua trama, mi aspettavo il racconto perverso di un pedofilo di mezza età che circuisce una ragazzina appena adolescente.
E invece sono rimasta piacevolmente sorpresa nel constatare che si tratta di un fine romanzo psicologico, che si inoltra nella mente malata di un uomo senza mai dare dei giudizi su nessuno dei protagonisti lasciando al lettore il compito di trarre le proprie conclusioni, con un finale dolce amaro.

PAGELLA
Scorrevolezza:9
Valore artistico:8
Contenuti:9
Globale:9

Consigliato a:

Il libro è nel complesso adatto ad un pubblico adulto. Lo consiglio a chi ami la letteratura sofisticata tipica degli autori russi da cui Nabokov non si distacca pur nella sua modernità. Tra i libri che parlano dei rapporti che possono nascere tra l'universo infantile e quello adulto consiglio "Dolce per sé" di Dacia Maraini e "La morte a Venezia" di Thomas Mann.

Incipit del libro Lolita di Vladimir Vladimirovič Nabokov:

====Oddera====Lolita, luce della mia vita, fuoco dei miei lombi. Mio peccato, anima mia. Lo-li-ta: la punta della lingua compie un breve viaggio di tre passi sul palato per andare a bussare, al terzo, contro i denti. Lo-li-ta. Era Lo, null'altro che Lo, al mattino, diritta nella sua statura di un metro e cinquantotto, con un calzino soltanto. Era Lola in pantaloni. Era Dolly a scuola. Era Dolores sulla linea punteggiata dei documenti. Ma nelle mie braccia fu sempre Lolita.


[...]
Explicit: Lolita di Vladimir Vladimirovič Nabokov:

*Penso agli uri e agli angeli, al segreto dei pigmenti duraturi, ai sonetti profetici, al rifugio dell'arte. E questa è la sola immortalità che tu ed io possiamo condividere, mia Lolita. (1993)


[...]
I libri catalogati di Vladimir Vladimirovič Nabokov:
Cose trasparenti
La vera vita di Sebastiano Knight
Lolita (1955)
Parla, ricordo
Citazioni di Vladimir Vladimirovič Nabokov:
[...] A proposito di capolavori, oggi su...
La vita è una grande sorpresa. Non vedo...
Penso come un genio, scrivo come uno scr...
Quando leggete Turgenev, sapete che stat...
Sapere che si ha qualcosa di bello da le...
Un buon lettore, un grande lettore, un l...
Quando noi ci concentriamo su un oggetto...
E questa, io credo, è la cosa: non l'ang...
D'un tratto, per qualche motivo imponder...
Ella era entrata nella sua vita senza bu...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!