Aiutaci. Grazie.

Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Poesie di Emily Jane Brontë, Anne Brontë, Charlotte Brontë

"Poesie" di Emily Jane Brontë, Anne Brontë, Charlotte Brontë
Titolo:Poesie
Titolo originale:Poems
Autore:Emily Jane Brontë, Anne Brontë, Charlotte Brontë
Editore:Edizioni Ripostes
Tipologia del supporto:Cartaceo
Pagine:93
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Inglese
Genere:Raccolta di poesie scelte
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
Recensione vocale: Poesie_Brontë.opus, 194302 bytes
:

1446 visualizzazioni

L'autrice
Charlotte Brontë nacque nel Regno Unito, a Thornton, nel 1816. Morì a Haworth, nel 1855.

I principali ambiti in cui Charlotte Brontë si è impegnata sono: romanticismo.

Il romanticismo all'ennesima potenza in questa bella raccolta delle sorelle Brontë.

Questa raccolta compendia alcune poesie delle tre sorelle dello Yorkshire. In queste opere, esse riescono a raggiungere apici di accorato lirismo, di profonda e intensa armonia.
I temi sono quelli classici del romanticismo: la nostalgia, sia vissuta come profondo distacco dal luogo familiare, sia come senso di smarrimento per la perduta giovinezza; poi vi è spesso un'apologia della solitudine, in particolare della solitudine del letterato, che ripudia il contatto con gli altri, anche quello amoroso (e in questo si sentono decisamente echi leopardiani), per rivolgersi ad un'introspezione profonda, la sola possibilità per raggiungere, tramite l'anelito culturale e l'impegno dello studio, la desiderata meta letteraria.
Altro grande contenuto, spesso connesso alla solitudine e alla ricerca della quiete, anche notturna, è quello tanatologico: la morte vista sotto luci ed ombre diverse: a volte gelida compagna, a volte rinfrancante promessa; a tratti placida nemica in agguato, qualche rara volta viene vista come simulacro e spauracchio che la fede può vincere.
Sono comunque poesie molto sentite, che rendono partecipe il lettore di una filosofia artistica, quella delle sorelle Brontë, che era proclive all'isolamento come sofferta terapia esistenziale, e necessario giogo cui si deve soggiacere per ottemperare a speranze più lungimiranti.
Un cammino di distacco che può o non può essere condivisibile, ma che gratifica il lettore con mirabili ed enfatiche descrizioni, con pensieri sublimi, delicati, e soavi argomentazioni.

PAGELLA
Scorrevolezza:7
Valore artistico:8
Contenuti:8
Globale:7

Consigliato a:

Consiglio questa raccolta a tutte le persone sensibili che vogliono leggere poesie dolci, sentimentali, cristalline. Se vi è piaciuta questa raccolta, vi consiglio di leggere altri poeti. Personalmente vi indicherei John Keats, che fa della sensibilità lirica un fine vitale, oppure il sublime Leopardi, per una certa affinità elettiva con il distacco sociale manifestato dalle sorelle Brontë. Altri consigli prevedono innanzitutto l'immarcescibile Charles Baudelaire e i suoi "I Fiori del Male", che sono una decisa rottura col passato e al tempo stesso un'evoluzione nel futuro. Poi sono molto interessanti anche Arthur Rimbaud e Paul Verlaine, per rimanere nei francesi, oppure William Butler Yeats e la sua Irlanda, o ancora Hermann Hesse e le sue "Poesie romantiche" che analizzano alcune tematiche in comune con il libro qui recensito. Se invece volete spezzare con la tradizione e leggere qualcosa di molto carismatico e dotato di assonanze e armonie innovative, potete leggere "Mexico City Blues" di Jack Kerouac.

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!
Donazioni BitCoin:
132vG2BSxxG5FLGWpVRe8t9FsW2iiCSNqg
Aiuta ALK Libri donando Bitcoin

Sì | No