Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Poesie di Salvatore Quasimodo

"Poesie" di Salvatore Quasimodo
Titolo:Poesie
Titolo originale:Poesie
Autore:Salvatore Quasimodo
Editore:Newton Compton
Tipologia del supporto:Cartaceo
Pagine:185
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Italiano
Genere:Raccolta di poesie
Argomento:Ermetismo
Prezzo :4900
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
Recensione vocale:Poesie_Quasimodo.opus, 165645 bytes
:

2508 visualizzazioni

L'autore
Salvatore Quasimodo è nato in Italia, a Modica, nel 1901. Morì a Napoli, nel 1968.

Scoprite con noi perché l'ermetismo di Salvatore Quasimodo raggiunge alte vette di lirismo.

Questa raccolta compendia la maggior parte delle poesie scritte dall'autore siciliano, e fra di esse tutte le più famose, come "Ed è subito sera" e "Alle fronde dei salici". Sono da distinguere, nella produzione lirica dell'autore, due fasi, con un periodo di transizione che abbraccia la Seconda Guerra Mondiale, e che lo porterà, dalla prima sua poetica, caratterizzata da un forte contenuto tanatologico, alla seconda parte del suo percorso umano, verso poesie che colpiscono vivamente per la loro denuncia contro la barbarie della guerra.
Il Quasimodo degli inizi parla di concetti come la vita, la morte, la caducità dell'esistenza, con uno spiccato lirismo e stilemi espressivi caratterizzati da un forte riferimento alla natura, soprattutto agli alberi e al vento, i primi statuari, il secondo in eterno divenire. Il secondo Quasimodo invece parlerà degli scontri bellici, dei turpi quanto efferati conflitti; esalterà l'amor patrio, la resistenza, il dolore di un popolo. Questa seconda poetica è creata sulla base di un'istanza ermetica meno spiccata rispetto al precedente, con contenuti decisamente più comprensibili, anche per il lettore profano.
Il tema del trascorrere inesorabile del tempo è molto sentito, come quello della giovinezza perduta. Sono tutte poesie dal forte richiamo alla sensibilità, intense, a volte bucoliche, sempre soffuse di un'amara malinconia.
La lettura è interessante per tutti: scoprirete un autore che travalica i suoi confini nazionali, per giungere ad una poetica fatta di messaggi che hanno una valenza universale.

PAGELLA
Scorrevolezza:6
Valore artistico:9
Contenuti:8
Globale:9

Consigliato a:

Consiglio quest'opera agli amanti di poesia, soprattutto se non sono alle prime armi: questi potranno scoprire, al di là delle letture scolastiche, un autore maturo a tratti, beatamente puerile in altri. Se vi è piaciuta quest'opera, leggete anche altri grandi della poesia, come Giacomo Leopardi ("Canti"), i francesi come Arthur Rimbaud ("Tutte le poesie"), Charles Baudelaire ("I Fiori del Male"), Paul Verlaine ("Romanze senza parole"). Consigliatissimi anche John Keats (Poesie) e William Butler Yeats (Quaranta poesie).
Se vi piace la poesia romantica, un consiglio meno canonico riguarda Hermann Hesse e le sue "Poesie romantiche".

I libri catalogati di Salvatore Quasimodo:
Acque e terre
Dalla Grecia
Domande e risposte
Due epigrafi
Ed è subito sera
Erato e Apòllion
Giorno dopo giorno
Il falso e vero verde
La terra impareggiabile
La vita non è sogno
Oboe sommerso
Poesie
Visibile, invisibile
Citazioni di Salvatore Quasimodo:
S’indovinava la stagione occulta dall’an...
Ognuno sta sul cuor della terra trafitto...
So che non stai bene, che vivi come tutt...
I filosofi, i nemici naturali dei poeti,...
La rassegnazione alla solitudine, oppost...
Ma c'è in Esenin, evocatore di ritmi, lu...
Ogni incontro, discorso, paesaggio si tr...
Avidamente allargo la mia mano:d...
Desiderio delle tue mani chiaren...
Dolore di cose che ignoromi nasc...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!