Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Il Club dei Mestieri Stravaganti di Gilbert Keith Chesterton

"Il Club dei Mestieri Stravaganti" di Gilbert Keith Chesterton
Titolo:Il Club dei Mestieri Stravaganti
Titolo originale:The Club of Queer Trades
Autore:Gilbert Keith Chesterton
Editore:Newton Compton
Tipologia del supporto:Cartaceo
Pagine:157
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Inglese
Genere:Raccolta di racconti
Prezzo :4000
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
Recensione vocale:Il_Club_dei_Mestieri_Stravaganti.opus, 118225 bytes
:

1514 visualizzazioni

L'autore
Gilbert Keith Chesterton nacque nel Regno Unito, a Londra, nel 1874. È morto a Beaconsfield, nel 1936.

Cosa accade quando la gente si mette in testa di creare un club di lavoratori "molto originali"? E, soprattutto, che lavoro farà mai il fondatore e direttore del club?

Questa serie di racconti hanno un grande pregio: di essere svagati, divertenti, spassosi; riescono a coinvolgere il lettore in una serie di vicende strane ed insolite, esaltate dal classico lieto fine. L'autore, che è il creatore della serie di racconti su Padre Brown, riesce qui a proporci una visione della letteratura innovativa. La letteratura Occidentale è dominata da un pessimismo cronico e da una visione dell'esistenza in chiave decisamente tragica: Chesterton, al contrario, sembra essere una voce che si eleva dal coro, proponendo una poetica dai contenuti arguti quanto umoristici, dalla fine mescolanza di enigma e ironia, che a volte rasenta la comicità, in alcune situazioni. Una voce spigliata, esuberante, briosa, che conduce il lettore attraverso avventure lepide e surreali, inconsuete quanto divertenti.
Una bella raccolta per imparare a conoscere Chesterton, che, con il suo gusto per la narrazione dal sapore antico, con la sua prosa veloce e schietta, riesce ad affascinare chi si avvicina per la prima volta alla sua lettura.

PAGELLA
Scorrevolezza:8
Valore artistico:6
Contenuti:6
Globale:7

Consigliato a:

Consiglio questo volume a quanti si interessano di avventure poliziesche o misteriose, magari sulla scia delle avventure di Sherlock Holmes di Arthur Conan Doyle, da cui però questo libro si discosta, de facto, per stile, espressività e tematiche. Se vi è piaciuto questo libro, vi consiglio di leggere anche le avventure del summenzionato detective per eccellenza, ma anche, per esempio, Edgar Allan Poe, con i suoi racconti del mistero (link alla raccolta completa: volume uno e volume due) o "I delitti della Rue Morgue".

I libri catalogati di Gilbert Keith Chesterton:
Eretici
Francesco d'Assisi
I paradossi di Mr Pond
Il Club dei Mestieri Stravaganti (The Club of Queer Trades)
Il Napoleone di Notting Hill
L'osteria volante
L'uomo che fu Giovedì. Storia di un incubo
L'Uomo Eterno
L'Utopia degli usurai
La ballata del cavallo bianco
La Chiesa Viva – Perché sono cattolico
La Resurrezione di Roma
Le storie di Padre Brown
Ortodossia
San Tommaso d'Aquino
Uomovivo
Citazioni di Gilbert Keith Chesterton:
Ci sono molte persone buone e molte pers...
Siete ancora così sprofondato nella supe...
Un'avventura è solo una disavventura vis...
C'è un aspetto per il quale i matrimoni...
C'è un grande uomo che fa sentire ogni u...
Chi crede nei miracoli li accetta (a tor...
Con la benedizione del matrimonio, si ri...
Dicono che viaggiare sviluppa l'intellig...
È facile, a volte, donare il proprio san...
È l'odio che unisce gli esseri umani, me...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!