Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Resurrezione di Lev Nikolaevič Tolstoj

"Resurrezione" di Lev Nikolaevič Tolstoj
Titolo:Resurrezione
Titolo originale:Воскресение
Titoli alternativi:Risurrezione
Autore:Lev Nikolaevič Tolstoj
Editore:Gente
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1899
Pagine:254
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Russo
Genere:Romanzo
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
Scarica con Retroshare:Formato: ePub
retroshare://file?name=Resurrezione%20-%20Lev%20Tolstoj.epub
&size=534812&hash=e8230ff8d7ab6f942d080747b1a48ed0ab304cfd


Recensione vocale:Resurrezione.opus, 153947 bytes
:

2697 visualizzazioni

L'autore
Lev Nikolaevič Tolstoj è nato nella Federazione Russa, a Jàsnaja Poljana, nel 1828. È morto ad Astàpovo, nel 1910.

Originariamente, il suo nome era Лев Николаевич Толстой.

Per sapere qualcosa di più su Lev Nikolaevič Tolstoj, potete andare sul sito web ufficiale dell'autore, disponibile alla seguente pagina:
http://www.tolstoy.ru/.

Si può arrivare veramente a capire cosa è giusto e cosa è sbagliato?

Questo romanzo di Lev Nikolaevič Tolstoj spiega con profondo ardore le nuove idee e la nuova ispirazione religiosa, ma soprattutto morale che ha coinvolto l'autore nella seconda parte della sua vita. Quest'opera, pertanto, si scaglia contro la bestialità umana in ogni sua forma, contro il perbenismo morale cui fa seguito la ferocia sociale, contro la detenzione come misura punitiva che non sortisce nessun effetto e non ha neanche fondatezza etica né teologica.
Un romanzo bello comunque, che tocca il cuore nella sua altissima moralità e nel suo carattere di ricerca escatologica. Il suo maggior pregio è farci vedere con chiara visuale tutta la barbarie di un mondo che, non contento della sua ferocia, nemmeno se ne accorge, ritenendola non solo giusta, ma perfino onorevole.
Al di là delle convinzioni che animano l'autore o i lettori, non si può non rimanere colpiti dall'arditezza per l'epoca di certe conclusioni, in un periodo quasi contemporaneo a quello di "Delitto e castigo", che trova alcuni punti di contatto con la presente opera, soprattutto nella ferma condanna della reclusione come mezzo di pena.
Il valore stilistico di quest'opera passa in secondo piano rispetto alla sua valenza morale, o per alcuni, moraleggiante. Ma non può non colpire la ferma convinzione e fiducia dell'autore nelle sue idee, che espone con tale chiarezza e precisione.

PAGELLA
Scorrevolezza:7
Valore artistico:8
Contenuti:9
Globale:8

Consigliato a:

Consiglio quest'opera a tutti gli estimatori di Lev Nikolaevič Tolstoj, ma anche a chi vuole approfondire le tematiche della narrazione russa di fine Ottocento. Se vi è piaciuta quest'opera, vi devo assolutamente consigliare anche "Delitto e castigo" e "Memorie del sottosuolo", di Fëdor Michajlovič Dostoevskij. Altri libri di autori russi possono essere "Anna Karenina" e "Guerra e pace", dello stesso Tolstoj, oppure le opere di Michail Afanas'evič Bulgakov ("Cuore di cane", "Le uova fatali", "Diavoleide"), o ancora Fëdor Dostoevskij con "Il giocatore", "Il sosia" e "Un marito ideale".

Incipit del libro Resurrezione di Lev Nikolaevič Tolstoj:

Per quanto gli uomini, riuniti a centinaia di migliaia in un piccolo spazio, cercassero di deturpare la terra su cui si accalcavano, per quanto la soffocassero di pietre, perché nulla vi crescesse, per quanto estirpassero qualsiasi filo d'erba che riusciva a spuntare, per quanto esalassero fiumi di carbon fossile e petrolio, per quanto abbattessero gli alberi e scacciassero tutti gli animali e gli uccelli, – la primavera era primavera anche in città. Il sole scaldava, l'erba, riprendendo vita, cresceva e rinverdiva ovunque non fosse strappata, non solo nelle aiuole dei viali, ma anche fra le lastre di pietra, e betulle, pioppi, ciliegi selvatici schiudevano le loro foglie vischiose e profumate, i tigli gonfiavano i germogli fino a farli scoppiare; le cornacchie, i passeri e i colombi con la festosità della primavera già preparavano nidi, e le mosche ronzavano vicino ai muri, scaldate dal sole.
Allegre erano le piante, e gli uccelli, e gli insetti, e i bambini. Ma gli uomini – i grandi, gli adulti – non smettevano di ingannare e tormentare se stessi e gli altri. Gli uomini ritenevano che sacro e importante non fosse quel mattino di primavera, non quella bellezza del mondo di Dio, data per il bene di tutte le creature, la bellezza che dispone alla pace, alla concordia e all'amore, ma sacro e importante fosse quello che loro stessi avevano inventato per dominarsi l'un l'altro.


[...]
Explicit: Resurrezione di Lev Nikolaevič Tolstoj:

I vignaioli si erano immaginati che la vigna in cui erano stati mandati a lavorare per il padrone fosse loro proprietà; che tutto quanto c'era nella vigna fosse stato fatto per loro, perché potessero godersi la vita in quella vigna, dimentichi del padrone e uccidendo chi rammentava loro il padrone e gli obblighi verso di lui.
«La stessa cosa facciamo noi, – pensava Nechljudov, – vivendo nell'insensata convinzione di essere padroni della nostra vita, e che essa ci sia data per il nostro piacere. Mentre è evidentemente un'assurdità. Perché se siamo stati mandati qui è per volontà di qualcuno e per qualcosa. Noi invece abbiamo deciso che viviamo solo per la nostra gioia, ed è chiaro che stiamo male, come starà male il lavoratore che non compie la volontà del padrone. E la volontà del padrone è espressa in questi comandamenti. Basterà che gli uomini mettano in pratica questi comandamenti, e sulla terra si stabilirà il regno di Dio, e gli uomini riceveranno il bene supremo che è loro accessibile».
«''Cercate il regno di Dio e la sua verità, e il resto vi sarà dato in aggiunta.'' Noi invece cerchiamo ''il resto'' ed è evidente che non lo troviamo».
«Eccolo dunque, il compito della mia vita. Appena portata a termine un'opera, ne è cominciata un'altra».
Da quella notte iniziò per Nechljudov un'esistenza completamente nuova, non solo perché mutarono le sue condizioni di vita, ma perché tutto ciò che gli accadde da quel momento assunse per lui un significato completamente diverso da prima. Come finirà questo nuovo periodo della sua vita, lo mostrerà il futuro.


[...]
Personaggi e concetti creati da Lev Nikolaevič Tolstoj:
Beleckij (Personaggio, dal libro I cosacchi e altri racconti)
Eroška (Personaggio, dal libro I cosacchi e altri racconti)
Lukaška (Personaggio, dal libro I cosacchi e altri racconti)
Marj'anka (o Mar'jana) (Personaggio, dal libro I cosacchi e altri racconti)
Usten'ka (Personaggio, dal libro I cosacchi e altri racconti)
Olenin (Personaggio, dal libro I cosacchi e altri racconti)
Il'ja Vasil'eviè (Personaggio, dal libro I cosacchi e altri racconti)
Audiolibri di:Lev Nikolaevič Tolstoj
Amore e dovere
Raccolta di aforismi
Audiolibro della raccolta di aforismi "Amore e dovere" di Lev Nikolaevič Tolstoj.
Denaro falso
Audiolibro del racconto "Denaro falso" di Lev Nikolaevič Tolstoj.
I piaceri viziosi
Audiolibro della raccolta "I piaceri viziosi" di Lev Nikolaevič Tolstoj.
I libri catalogati di Lev Nikolaevič Tolstoj:
Amore e dovere (1921)
Anna Karenina (Анна Каренина) (1877)
Confessione (Исповедь) (1882)
Denaro falso (Фальшивый купон) (1911)
Guerra e pace (Война и миръ) (1865-69)
I cosacchi e altri racconti (Казаки) (1863)
I diari
I piaceri viziosi
I racconti di Sebastopoli (Севастопольские рассказы) (1856)
In morte di Ivan Il’ic (Смерть Ивана Ильича) (1886)
Resurrezione (Воскресение) (1899)
Citazioni di Lev Nikolaevič Tolstoj:
Dicono che la musica abbia per effetto d...
Chi non s’è mai trovato in mezzo al mare...
Il talento è la capacità di prestare un’...
Le famiglie felici si rassomigliano tutt...
Everyone thinks of changing the world, b...
Tutte le famiglie felici sono simili tra...
Tutta la varietà, tutto il fascino, tutt...
Himmlisch ist's, wenn ich bezwungen Mei...
La ragione all'uomo è data perché si lib...
Nel tempo infinito, nell'infinità della...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!