Ti diamo tanti contenuti. Senza pubblicità. Senza spiarti. Dai una mano. Grazie.

Home > Indice Recensioni > Recensione: Così parlò Zarathustra di Friedrich Wilhelm Nietzsche

"Così parlò Zarathustra" di Friedrich Wilhelm Nietzsche
Titolo: Così parlò Zarathustra
Titolo originale: Also sprach Zarathustra
Autore: Friedrich Wilhelm Nietzsche
Editore: Arnoldo Mondadori Editore
Tipologia del supporto: Cartaceo
Anno di pubblicazione: 1885
Pagine: 310
Lingua: Italiano
Lingua originale dell'opera: Tedesco
Genere: Saggio
Argomento: Filosofia e morale
DRM:
Recensione di: Christian Michelini
eBook: Leggi l'eBook
Formati disponibili:
Recensione vocale: Così parlò Zarathustra.opus, 205259 bytes
Audiolibro: Ascolta l'audiolibro

(Anteprima, 24 kbit)

:

3931 visualizzazioni

Aggiungi ebook alla tua biblioteca
L'autore
Friedrich Wilhelm Nietzsche nacque in Germania, a Röcken, nel 1844. Morì a Weimar, nel 1900.

Ecco le principali aree in cui Friedrich Wilhelm Nietzsche si è impegnato: filosofia.

Questa è una delle opere fondamentali di Nietzsche. Ma non è solo profonda filosofia, e anche la storia di un uomo diverso che non si accontenta di ciò che è.

Nietzsche ha avuto un'alterna fortuna nella filosofia moderna. Anticonformista per natura, si è sempre schierato contro tutte le morali precostituite, contro i pregiudizi e lo status quo dei valori. Un atteggiamento così anticonvenzionale non riesce mai ad essere ben digerito dalla critica, né dalla bigotta etica prevalente. Così, Nietzsche, complice la pazzia che l'ha colpito nell'ultima parte della sua vita, non ha potuto porre freno all'abuso che delle sue opere ha fatto una certa borghesia dominante in Germania, a partire dalla sorella, che ne ha stravolto il messaggio e ne ha manipolato i testi, in un rigurgito di odio antisemita e reazionario.
La sua opera è stata considerata spesso l'apologia del nazismo, ma chi conosce veramente i suoi scritti e la sua vita sa che non è stato mai responsabile della proditoria manipolazione di cui sono stati oggetto i suoi libri.
In "Così parlò Zarathustra" tutto l'anticonformismo e la lotta con il perbenismo ante litteram viene a galla con una fragorosa potenza, un arte provocatoria quanto avvincente nell'incedere.
Un libro bello, ma di difficile fruizione per il suo carattere fortemente simbolico e allegorico, ricco di metafore sostanziali, e di riferimenti sottesi che perdurano durante tutta la narrazione. Quasi un romanzo dell'eroe filosofico Zarathustra, quest'opera; nel suo forte vigore dissacratorio e di denuncia riesce a smuovere gli animi. Uno stile provocatorio che può a volte non piacere, così come può risultare anomala la stesura stilistica in cui è stata scritta l'opera, a volte frammentaria, con un uso dell'interpunzione decisamente innovativo.
Ma chi non si ferma al velo che avvolge la narrazione, potrà scoprire, oltre all'aspetto denigratorio e demistificatore dei costrutti morali convenzionali, anche un Nietzsche fortemente moderno, precursore di molte filosofie attuali e di molte acquisizioni della scienza di oggi.

PAGELLA
Scorrevolezza: 7
Valore artistico: 8
Contenuti: 10
Globale: 8

Consigliato a:

Consiglio questo libro a chi non conosce affatto Nietzsche e vuole sapere qualcosa di più di un filosofo così disprezzato quanto esaltato. Se vi è piaciuta quest'opera, vi consiglio di leggere anche "Al di là del bene e del male", una vera è propria spiegazione approfondita e divulgativa di alcune tematiche insite nello Zarathustra. Chi vuole conoscere il concetto di uomo superiore secondo una filosofia molto diversa, può leggere le "Massime" di Al di là del bene e del male. Chi cerca altri aspetti filosofici, a volte più abbordabili stilisticamente, può leggere "Il profeta" di Khalil Gibran. Altri libri consigliati: "Massime" di François de la Rochefoucauld, "Massime e aforismi dalla "Recherche"" di Marcel Proust. Per chi vuole approfondire il tema della caduta degli dei, consiglio un testo che fa parte della storia della scienza: "De Revolutionibus Orbium Caelestium", di Copernico.

Incipit del libro Così parlò Zarathustra di Friedrich Wilhelm Nietzsche:

====Originale====Als Zarathustra dreissig Jahr alt war, verliess er seine Heimat und den See seiner Heimat und ging in das Gebirge. Hier genoss er seines Geistes und seiner Einsamkeit und wurde dessen zehn Jahr nicht müde. Endlich aber verwandelte sich sein Herz, – und eines Morgens stand er mit der Morgenröthe auf, trat vor die Sonne hin und sprach zu ihr also:
"Du grosses Gestirn! Was wäre dein Glück, wenn du nicht Die hättest, welchen du leuchtest!
Zehn Jahre kamst du hier herauf zu meiner Höhle: du würdest deines Lichtes und dieses Weges satt geworden sein, ohne mich, meinen Adler und meine Schlange.
Aber wir warteten deiner an jedem Morgen, nahmen dir deinen Überfluss ab und segneten dich dafür."
{{NDR|Friedrich Nietzsche, ''Also sprach Zarathustra'', Deutscher Taschenbuch Verlag, Monaco, 1967–77}}


[...]
Audiolibri di: Friedrich Wilhelm Nietzsche
Così parlò Zarathustra
Saggio
Audiolibro del celebre saggio "Così parlò Zarathustra" del filosofo Friedrich Wilhelm Nietzsche.
Il crepuscolo degli idoli
Audiolibro de "Il crepuscolo degli idoli" di Friedrich Nietzsche.
L'anticristo
Saggio
Audiolibro de "L'Anticristo" di Friedrich Nietzsche.
I libri catalogati di Friedrich Wilhelm Nietzsche:
Al di là del bene e del male (Jenseits von Gut und Böse) (1886)
Così parlò Zarathustra (Also sprach Zarathustra) (1885)
Genealogia della morale. Uno scritto polemico (Zur Genealogie der Moral. Eine Streitschrift) (1887)
Il crepuscolo degli idoli (Götzen-Dämmerung) (1889)
L'anticristo (Der Antichrist) (1895)
La Nascita della Tragedia (Die Geburt der Tragödie aus dem Geiste der Musik) (1872)
Citazioni di Friedrich Wilhelm Nietzsche:
Il tempo è un fanciullo che gioca a dadi... [leggi]
Bisogna avere il caos in sé per partorir... [leggi]
Nessuno mente tanto quanto colui che si... [leggi]
Io sono il primo immoralista; perché io... [leggi]
Nella solitudine cresce la bestia interi... [leggi]
Oh! Buona notte! Oh! Libro! Calamaio! Or... [leggi]
Tra voi io sono come olio sull’acqua: se... [leggi]
Il mare digrigna i denti contro di te.... [leggi]
La solitudine non pianta il germe: essa... [leggi]
Tutto lo spirito che gli uomini applican... [leggi]
Vuoi essere soltanto la scimmia del tuo... [leggi]
Ma piantarsi in mezzo all’intera meravig... [leggi]
Dopo che mi hai scoperto, trovarmi non e... [leggi]
Per il momento la commedia dell’esistenz... [leggi]
Temo che non ci sbarazzeremo di Dio perc... [leggi]
Una sola cosa è necessaria. “Dare uno st... [leggi]
La forma estrema del nichilismo sarebbe... [leggi]
Il mio scopo è mettere il lettore in uno... [leggi]
E se tu scruterai a lungo in un abisso,... [leggi]
Che cosa è più deleterio del lavorare, d... [leggi]
Incipit de "L'anticristo" Premessa... [leggi]
La “verità”, come la intende ogni profet... [leggi]
Non lasciamoci ingannare: i grandi spiri... [leggi]
La forza, la libertà, dovute al vigore e... [leggi]
Le convinzioni sono prigioni.... [leggi]
La storia del metodo scientifico fu inte... [leggi]
«Sbagliando s'impara», dice il popolo, e... [leggi]
Che cosa offende più profondamente, che... [leggi]
Nel fatto che proprio l'ideale ascetico... [leggi]
E anche questo imparai fra di loro: che... [leggi]
Essi sono modesti anche nella loro virtù... [leggi]
[...] anche quelli che comandano simulan... [leggi]
Franchi, onesti e benevoli essi sono gli... [leggi]
E anche questo imparai fra di loro: che... [leggi]
Non con la collera ma con il riso si ucc... [leggi]
Esiste una vecchia follia che si chiama... [leggi]
«Non devi rubare! Non devi uccidere!» –... [leggi]
Ma laggiù – tutto parla e nulla s'intend... [leggi]
Ma quando si vive tra gli uomini si disi... [leggi]
La pietà insegna a mentire a chi vive tr... [leggi]
Ma essa [l'ambizione] odia fino a... [leggi]
Colui che non può comandare a sè stesso... [leggi]
Giacchè la gioia, quando già è profondo... [leggi]
«Tutto ciò che divenne perfetto, tutto c... [leggi]
Così tutto il passato è abbandonato: gia... [leggi]
Può regnare il mercante, là ove ciò che... [leggi]
Se questi – avessero il pane gratuito, g... [leggi]
Colui che divenne sapiente circa le orig... [leggi]
Quale dolcezza v'è nelle parole e nei su... [leggi]
Giacchè l'uomo è il più crudele di tutti... [leggi]
L'uomo è contro sè stesso il più crudele... [leggi]
[...] il rumore uccide i pensieri [...]... [leggi]
Tutti coloro che soffrono, infatti, cerc... [leggi]
[...] tu assomigli a coloro che esaltano... [leggi]
Molto più frequentemente di un tale, tot... [leggi]
Col fatto che qualcuno si "sente" «colpe... [leggi]
Si ricordino i famosi processi delle str... [leggi]
Non si ignori, infatti, che i forti tend... [leggi]
[...] ciò che costituisce il segno disti... [leggi]
[...] tutti coloro che oggi si sentono «... [leggi]
Siamo ignoti a noi medesimi, noi uomini... [leggi]
Meglio non sapere che saper molte cose a... [leggi]
Chi lo esalta quale un Dio d'amore non p... [leggi]
L'avida cupidigia, l'invidia biliosa, l'... [leggi]
Non appartiene l'oggi alla plebe? Ma la... [leggi]
Sul mercato si persuade coi gesti; ma de... [leggi]
Disimparate a suonar la tromba della mel... [leggi]
Colui che odia i cani tisici della plebe... [leggi]
Ogni gioia vuol l'eternità di tutte le c... [leggi]
Giacchè ogni gioia vuole sè stessa, e pe... [leggi]
«L'uomo è qualcosa che deve venir supera... [leggi]
Insegnamento capitale: giungere a ogni g... [leggi]
Non parlo a voi come parlerei al popolo.... [leggi]
Indifferenza assoluta di fronte all'opin... [leggi]
Una società che proclama l&rsq... [leggi]
Quella che viene chiamata "libertà di vo... [leggi]

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione
Aiutaci! Clicca qui

Donazioni BitCoin:

Aiuta ALK Libri donando Bitcoin
Sì | No