Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Knulp - Klein e Wagner - L'ultima estate di Klingsor di Hermann Hesse

"Knulp - Klein e Wagner - L'ultima estate di Klingsor" di Hermann Hesse
Titolo:Knulp - Klein e Wagner - L'ultima estate di Klingsor
Autore:Hermann Hesse
Editore:Arnoldo Mondadori Editore
Tipologia del supporto:Cartaceo
Pagine:218
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Tedesco
Genere:Raccolta di racconti
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
:

1933 visualizzazioni

L'autore
Hermann Hesse nacque in Germania, a Calw, nel 1877. È morto a Montagnola, nel 1962.

Il suo nome originario è Hermann Karl Hesse. Nella sua carriera, Hermann Hesse ha usato anche questi soprannomi: Emil Sinclair.

Si è dedicato principalmente a queste aree: romanticismo.

Abbandono della famiglia e abbandono di sé stessi sono i due temi fondamentali di questi tre racconti.

Questo volume accoglie tre romanzi brevi di Hermann Hesse. Vengono qui affrontati temi che l'autore amplia e diversifica anche nella sua produzione posteriore. In particolare, in "Knulp" e "Klein e Wagner" viene affrontata la tematica del distacco dall'ambito familiare e sociale, che assume il ruolo, simbolicamente, anche di abbandono del proprio io precedente per risorgere a nuova linfa, ad una nuova e più feconda visione della realtà e della propria coscienza. Ma se questa rinascita dell'anima e dell'Ego viene portata a compimento in opere quali "Siddharta", e se in "Narciso e Boccadoro" viene proposto il contrasto tra attaccamento ai valori precostituiti e ricerca di libertà, in "Knulp" il distacco non riesce ad essere assoluto, e le radici della propria natura richiamano il protagonista alla sua casa e al suo legame indissolubile.
"L'ultima estate di Klingsor" narra invece la storia di un pittore che sente prossima la fine e, pertanto, vive in maniera dissoluta e nella totale pienezza dell'esperienza quotidiana il suo ultimo anno di vita, in una continua ricerca di una propria conoscenza ed identità artistica ed umana.
Sono opere di grande intensità, queste proposte da Hermann Hesse, in cui la forza dei legami della persona non paiono ancora superabili, e in cui l'analisi e l'autoanalisi non sono ancora pervenute a generare un rinascita umana e vitale.

PAGELLA
Scorrevolezza:8
Valore artistico:8
Contenuti:8
Globale:7

Consigliato a:

Gli estimatori di Hermann Hesse apprezzeranno queste opere, che sono scritte con perizia e sicuramente gradevoli per il lettore. Chi invece non conosce Hermann Hesse, potrebbe avvicinarsi alla sua lettura con altri volumi, quali "Siddharta", "Narciso e Boccadoro" o "Il lupo della steppa", per poi approdare a quella manifestazione di necessità dello spirito che è "Il giuoco delle perle di vetro".
Se vi è piaciuto il senso di libertà e discioglimento dalle imposizioni perpetrato nei romanzi di Hermann Hesse, provate anche a leggere "I vagabondi del Dharma" di Jack Kerouac.

Incipit del libro Knulp - Klein e Wagner - L'ultima estate di Klingsor di Hermann Hesse:

All'inizio degli anno '90 il nostro amico Knulp dovette passare diverse settimane in ospedale, e quando venne dimesso si era già a metà febbraio, con un tempaccio spaventoso, così che dopo pochi giorni di vagabondaggio sentì che gli era di nuovo tornata la febbre e dovette pensare a procurarsi un ricovero. Amici non gli erano mai mancati, ed avrebbe trovato accoglienza cordiale in quasi tutti i villaggi dei dintorni. Ma su questo punto era particolarmente orgoglioso, tanto che se accettava qualcosa da un amico, quest'ultimo poteva considerarsi onorato.


[...]
I libri catalogati di Hermann Hesse:
Animo infantile
Dall'India - Annotazioni, diari, poesie, considerazioni e racconti (Aus Indien) (1980)
Demian (1919)
Demian
Fantasma di mezzogiorno e altri racconti (1900-1909)
Farfalle
Gertrud (1910)
Giorni di Luglio (Heumond) (1905)
Il Coraggio Di Ogni Giorno
Il giuoco delle perle di vetro (Das Glasperlenspiel) (1943)
Il Giuoco Delle Perle Di Vetro
Il lupo della steppa (Der Steppenwolf) (1927)
Il lupo della steppa (Der Steppenwolf) (1927)
Il lupo della steppa
Il miglioratore del mondo e Emil Kolb (1928)
Il pellegrinaggio in oriente
Il piacere dell'ozio
Il vagabondo
Klein e Wagner (Klein und Wagner) (1919)
Knulp - Klein e Wagner - L'ultima estate di Klingsor
Citazioni di Hermann Hesse:
Perciò mi sembra che si debba coltivare...
"Si sopravvaluta il sensibile, se si pen...
Il buon umore è sempre allegria da impic...
Come la pazzia, in un certo senso elevat...
Anche un orologio fermo segna l'ora gius...
Arte significa: dentro a ogni cosa mostr...
Chi ha un forte senso individualistico d...
Della sua vita non c'è altro da racconta...
Destino e carattere sono due nomi del me...
[Riguardo a "...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!