Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Software - I nuovi robot di Rudy Rucker

"Software - I nuovi robot" di Rudy Rucker
Titolo:Software - I nuovi robot
Titolo originale:Software
Autore:Rudy Rucker
Editore:Phoenix
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1982
Pagine:156
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Inglese
Genere:Romanzo
Argomento:Fantascienza - cyberpunk
Prezzo :18000
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
Recensione vocale:Software_-_I_nuovi_robot.opus, 171150 bytes
:

1215 visualizzazioni

L'autore
Rudy Rucker è nato negli Stati Uniti d'America, a Louisville, nel 1946.

Il suo nome originale è Rudolf "Rudy" Von Bitter Rucker.

Ecco i principali ambiti in cui Rudy Rucker si è impegnato: fantascienza.

Potete visitare il sito ufficiale di Rudy Rucker a questa pagina:
http://www.mathcs.sjsu.edu/faculty/rucker/.

I protagonisti di questo libro di Rudy Rucker si muovono alla perpetua ricerca dell'immortalità, in un futuro fatto di intelligenza artificiale e potenti sistemi cibernetici.

Interessante, questo romanzo di Rudy Rucker. Sebbene, all'inizio, la lettura non mi intrigasse - non ho mai amato molto il genere cyberpunk/postmoderno - alla fine sono comunque riuscito ad apprezzare abbastanza quest'opera.
I protagonisti si muovono alla perpetua ricerca dell'immortalità: abbiamo figure come quella di un drogato che vuole riuscire nella vita, oppure quella del creatore dei robot autocoscienti, chiamati bopper. L'economia della storia ruota attorno ad una informatizzazione spinta, a un ideale tecnologico che si tramuta in distopia sociale e di nuovo, poi, riprende la forma di un'utopia nella quale le entità viventi della Terra possono confluire in un unico essere pensante.
La storia procede uniforme e senza particolari colpi di scena; nel procedere dell'opera spesso si confonde l'idea tradizionale di vita biologica a favore di un più esteso "cogito, ergo sum, sive existo" di cartesiana memoria.
Spesso si pensa che le idee sull'intelligenza artificiale proposto dal moderno cyberpunk siano assurdamente strampalate. E tuttavia molte delle acquisizioni della moderna era digitale, unitamente ai principi teorici elaborati all'interno della teoria della IA forte, sembrano suggerire un futuro, dove la distinzione fra algoritmo biologico e algoritmo artificiale divenga essenzialmente indistinguibile, dove cioè la mente umana sarà analizzata come un complesso programma che elabora dati, e il computer come un preciso strumento che elabora e propone soluzioni al pari della mente biologica. O almeno è questo quanto sembra dirci il romanzo qui presente.
Ancora una volta: utopia realizzabile o distopia da evitare?

PAGELLA
Scorrevolezza:7
Valore artistico:5
Contenuti:7
Globale:6

Consigliato a:

Consiglio questo romanzo di Rudy Rucker agli appassionati di fantascienza cyberpunk e di letteratura post-moderna. Certo, per chi non prova interesse per argomenti tecnologici, probabilmente non piacerà affatto questo libro.
Se invece vi è piaciuto, vi consiglio di leggere anche uno dei più celebri autori del genere, quel William Gibson che con "Neuromante" spopolò nelle fantasie dei cultori della tecnologia estrema. Altra lettura eccellente sono i romanzi di un grandissimo della fantascienza, precursore del cyberpunk, e cioè quel Philip Kindred Dick, che in "Blade Runner" espresse la sua idea oscura e tetra di un mondo dominato dalle macchine.

TRAMA

Lo scienziato Cobb Anderson cerca di risolvere un problema fondamentale della robotica: come può un essere umano programmare un robot in grado di superare in complessità l'essere umano stesso? Finalmente la risposta arriva: basta programmare un robot affinché sia in grado di accrescere da solo la propria programmazione, mutare, evolvere fino a superare in complessità il proprio creatore, cioè l'essere umano. Grazie a questa innovazione, Cobb Anderson trasforma dei semplici robot in bopper, unità robotiche incredibilmente avanzate.

Fra i primi dodici bopper costruiti, spicca Ralph Numbers, il quale riesce a cancellare dalla propria programmazione le leggi di Asimov (le famose Tre Leggi della Robotica ideate dallo scienziato e scrittore Isaac Asimov) imposte dagli uomini per ragioni di sicurezza. Nel 2001 Ralph Numbers guida una rivolta dei bopper, a cui insegna come cancellare queste leggi di protezione, la quale finisce con la fondazione di Disky, una città costruita sulla Luna ed abitata quasi esclusivamente da bopper.

Gli uomini sono infuriati per l'accaduto, e danno la colpa di tutto a Cobb Anderson: ed a ragione. Malgrado infatti non esistano prove, Anderson ha volutamente implementato la programmazione del bopper Ralph Numbers perché questi si ribellasse, perché costituisse il primo gradino dell'evoluzione di una nuova specie.

Il romanzo si svolge nel 2020, quando ormai Cobb Anderson è un vecchio alcolizzato che passa le sue vuote giornate in Florida. Ma la sua vita è destinata a cambiare quando viene avvicinato da un bopper in tutto simile a lui: questi è stato mandato da Ralph Numbers, che vuole omaggiare il proprio creatore regalandogli l'immortalità nel corpo di un bopper. Anderson quindi parte per la Luna, accompagnato da Sta-Hi, un tassista tossicomane e sbandato.

Ma a Disky, sulla Luna, è in atto una vera e propria guerra civile. I grandi bopper, infatti, vogliono annettere tutte le menti, sia robotiche che umane, in un grande Uno che contenga tutto il pensiero possibile; i bopper normali, invece, vogliono mantenere la propria indipendenza.

Quando Anderson e Sta-Hi arrivano a Disky, sono ignari della violenza con cui sta per scatenarsi la guerra civile, e soprattutto Sta-Hi non sa che ne farà attivamente parte. Mentre infatti Anderson si affida alle mani di Ralph Numbers per ricevere l'immortalità promessa, il tossicomane si aggira per Disky trovandosi in mezzo alla sommossa dei bopperso contro il grande bopper BAX. Stai-Hi, quasi senza volerlo, lo distrugge, regalando ai piccoli bopper una vittoria importantissima, perché dà loro maggiore fiducia per ribellarsi ai propositi dei grandi bopper.

Intanto Cobb Anderson capisce che l'immortalità promessagli da Ralph Numbers avrà un prezzo molto alto. Il bopper, infatti, dovrà smantellare il corpo dello scienziato, sminuzzarne il cervello per immagazzinare tutti i dati relativi alla sua personalità, e trasferire in seguito il "software Anderson" nel corpo robotico che è rimasto sulla Terra. Malgrado lo scienziato sia terrorizzato dalla morte fisica, capisce che l'estrazione del suo "software" è il gradino successivo dell'evoluzione: mente umana in corpo robotico.

L'azione si sposta quindi sulla Terra, dove la versione robotica di Cobb Anderson inizia una nuova vita, rinvigorito nel fisico e nella mente. Ma non tutto è andato come previsto: Sta-Hi, infatti, ha rifiutato l'immortalità offertagli dai bopper, ed è tornato sul pianeta madre perché capisce che in realtà i grandi bopper, fallita la guerra sulla Luna, vogliono invadere la Terra, annettendo cervelli umani.

La battaglia fra Sta-Hi ed il bopper Cobb Anderson sarà cruenta.

I libri catalogati di Rudy Rucker:
Il Segreto di Conrad
Le formiche nel computer (The Hacker and the Ants) (1994)
Monumento alla Terza Internazionale
Signore dello spazio e del tempo (Master of Space and Time) (1984)
Signore dello spazio e del tempo
Software - I nuovi robot (Software) (1982)
Citazioni di Rudy Rucker:
Mi piace la cosmologia: c'è qualcosa di...
Incipit di "Monumento alla Terza Interna...
Incipit di "Signore dello spazio e del t...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!