Aiutaci. Grazie.

Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Amrita di Banana Yoshimoto

"Amrita" di Banana Yoshimoto
Titolo:Amrita
Titolo originale:Amrita
Autore:Banana Yoshimoto
Editore:Giangiacomo Feltrinelli Editore
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1994
Pagine:308
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Giapponese
Genere:Romanzo
Traduttore:Giorgio Amitrano
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
Recensione vocale: Amrita.opus, 128980 bytes
:

2355 visualizzazioni

L'autrice
Banana Yoshimoto è nata in Giappone, a Tokyo, nel 1964.

In origine, il suo nome era Nome originale Mahoko Yoshimoto, 吉本真秀子. Nella sua carriera, Banana Yoshimoto ha usato anche questi soprannomi: 吉本ばなな.

Per sapere qualcosa di più su Banana Yoshimoto, potete consultare il sito web ufficiale dell'autrice, disponibile alla seguente pagina:
http://www.yoshimotobanana.com/.

Banana Yoshimoto è una scrittrice che affascina per la capacità di evocare luoghi e sensazioni. Questo è forse il suo migliore romanzo fino ad oggi.

Questo romanzo è decisamente bello. È poetico, suadente, malinconico, nostalgico, triste, gaio, trepidante, sconsolato, fatuo, impalpabile, etereo. È tutte queste cose messe assieme. È vivo, e le vicende trattate sono così cariche di emozioni, significati, contenuti.
È un romanzo in cui la trama passa in secondo piano rispetto alle sensazioni suscitate, alle atmosfere che si vengono a creare lungo la narrazione, agli ambienti fulgidi o scorati che si presentano nel testo.
Il maggior pregio di quest'opera è la sua carica vitale, il suo patrimonio vivifico e vivente che permea solidamente la scrittura.
Ma è anche un romanzo che può essere interpretato in un'altra chiave di lettura, come l'opera che sembra essere della rassegnazione e della passività. L'autrice sembra a tratti condizionata dal suo ambiente sociale. La protagonista, sapientemente affrescata, è libera, indipendente, ma alla fine sembra quasi dominata dagli eventi, esageratamente passiva, indolente, languida. Sembra quasi che si venga a delineare una filosofia della rassegnazione, come se la donna dovesse sempre soggiacere agli eventi. A volte sarebbe magari stato utile qualche presa di posizione, qualche tipo di irruenza, rabbia, o ira. Ma queste emozioni non sono mai presenti.
In definitiva, un romanzo estremamente sensibile, femminile nella sua accezione più tenera e dolce.

PAGELLA
Scorrevolezza:9
Valore artistico:7
Contenuti:8
Globale:7

Consigliato a:

Consiglio questo libro a tutti. È scritto con maestria, è coinvolgente, è appassionante. Merita senz'altro di essere letto.
Se vi è piaciuto questo romanzo, vi consiglio di leggere altre opere della stessa autrice: "Tsugumi", "Kitchen", "L'ultima amante di Hachiko".

TRAMA

La protagonista, la ventottenne Sakumi, narra la sua storia personale che si snoda tra l'apparente banalità della vita quotidiana di Tokyo e le facoltà paranormali che il fratellino undicenne Yoshio (figlio di un altro padre) possiede, facendo la conoscenza di misteriosi personaggi fino a un viaggio purificatore a Kōchi e a Saipan.

Incipit del libro Amrita di Banana Yoshimoto:

Essendo un animale notturno, in genere vado a letto dopo lo spuntare dell'alba. E di regola non mi sveglio mai prima dell'una.
Perciò quel giorno fu un caso eccezionale. Intendo il giorno in cui mi arrivò il primo pacco da Ryuichiro.
Sì, quella mattina all'improvviso il mio fratellino entrò nella mia stanza sbattendo la porta e si mise a scuotermi con tutte le sue forze.
"Svegliati, Sakumi, svegliati! È arrivato un pacco!"
Sollevandomi a fatica, mormorai:
"Cosa?".
"C'è un pacco grandissimo per te!"


[...]
I libri catalogati di Banana Yoshimoto:
Amrita (1994)
Amrita
Arcobaleno
Chie-chan e io
Delfini
H/H (ハードボイルド/ハードラック | Hadoboirudu/Hadorakku) (1999)
H/H (ハードボイルド/ハードラック | Hadoboirudu/Hadorakku) (1999)
H/H
High and dry. Primo amore
Honeymoon
Il coperchio del mare
Il Corpo Sa Tutto
Kitchen (Kitchin) (1988)
Kitchen
L'abito Di Piume
L'ultima amante di Hachiko (Hachiko no saigo no koibito) (1996)
L'ultima amante di Hachiko
La Piccola Ombra
Lucertola (Tokage) (1993)
Lucertola
Citazioni di Banana Yoshimoto:
A tutti coloro che sono convinti che le...
Anche chi ama prima o poi dovrà morire....
La strada è sempre decisa, non però in s...
La separazione e la morte sono atroci. P...
Volevo dormire alla luce delle stelle. V...
Finii di leggere e ripiegai con cura la...
Quando mi innamoravo, io partivo sempre...
Era un pomeriggio sereno, senza vento, s...
"Mai più." Il sentimentalismo che queste...
Voglio assolutamente continuare a sentir...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!

Sì | No