Inizio > Indice Recensioni > Scheda: Lo Spleen di Parigi di Charles Baudelaire

"Lo Spleen di Parigi" di Charles Baudelaire
Titolo:Lo Spleen di Parigi
Autore:Charles Baudelaire
Tipologia del supporto:Digitale
Lingua:Italiano
Genere:Non definito
DRM:Non definito
Pubblicato il:2013-03-23
:

830 visualizzazioni

L'autore
Charles Baudelaire è nato in Francia, a Parigi, nel 1821. Morì a Parigi, nel 1867.

Originariamente, il suo nome era Charles Pierre Baudelaire.

Si è dedicato principalmente a queste aree: simbolismo, decadentismo.

"Lo Spleen di Parigi" è un libro scritto da Charles Baudelaire.

Questa edizione in italiano è stata pubblicata da un editore non definito.

Incipit del libro Lo Spleen di Parigi di Charles Baudelaire:




Lo Spleen di Parigi




A ARSÈNE HOUSSAYE

Mio caro amico, vi mando un’operetta di cui solo ingiustamente si potrebbe dire che non ha né capo né coda, poiché, al contrario, tutto in essa è, nello stesso tempo, e testa e coda, alternativamente e reciprocamente. Considerate, vi prego, quali mirabili comodità questa combinazione offre a noi tutti, a voi, a me e al lettore. Possiamo tagliare dove vogliamo: io la mia fantasticheria, voi il manoscritto, il lettore la sua lettura; infatti, la riluttante volontà di quest’ultimo non la sospendo all’interminabile filo di un intreccio superfluo. Staccate pure una vertebra, e i due pezzi di questa tortuosa fantasia si ricongiungeranno senza sforzo. Spezzatela in numerosi frammenti, e vedrete che ognuno di essi può esistere separatamente. Nella speranza che alcuni di questi tronconi resteranno vivi abbastanza da piacervi e divertirvi, oso dedicarvi l’intero serpente.

Devo farvi una piccola confessione. È sfogliando almeno per la ventesima volta il famoso Gaspard de la Nuit di Aloysius Bertrand (un libro conosciuto da voi, da me e da qualcuno dei nostri amici, non ha tutto il diritto di essere definito famoso?), che mi è venuta l’idea di tentare qualcosa di analogo, e di applicare alla descrizione della vita moderna - o piuttosto di una vita moderna e più astratta - lo stesso procedimento che egli aveva applicato alla rappresentazione della vita di un tempo, così stranamente pittoresca.

Chi di noi non ha sognato, in quest’epoca di ambizioni, una prosa poetica, musicale ma senza rima e senza ritmo costante, abbastanza flessibile e spezzata da adattarsi ai movimenti lirici dell’anima, alle oscillazioni del fantasticare, ai soprassalti della coscienza?

È soprattutto dalla frequentazione delle città enormi e dall’incrociarsi dei loro rapporti innumerevoli, che nasce questo ideale ossessivo. Voi stesso, mio caro amico, non avete forse tentato di tradurre in una canzone il grido stridulo del vetraio e di esprimere in una prosa lirica tutte le desolanti suggestioni che questo grido spedisce in alto, fino alle mansarde, attraverso le più spesse brume della strada?

A dire il vero, però, temo che la gelosia non mi abbia portato fortuna. Appena cominciato il lavoro, mi resi conto che non solo restavo assai lontano dal mio misterioso e brillante modello, ma che stavo facendo qualcosa (se posso chiamarlo qualcosa) di stranamente diverso: risultato del quale chiunque altro si sarebbe senza dubbio inorgoglito, ma che può solo umiliare profondamente uno spirito che considera come il più grande onore del poeta il fatto di compiere esattamente ciò che ha progettato di fare.

Vostro affezionatissimo,

C.B.

I • LO STRANIERO

«Dimmi, enigmatico


[...]
Audiolibri di:Charles Baudelaire
I Fiori del Male
Raccolta di poesie
Audiolibro della celebre raccolta lirica "I Fiori del Male" di Charles Baudelaire.
I libri catalogati di Charles Baudelaire:
Amenità del Belgio
Buffonerie
Diari intimi (1851-1862)
Diari intimi
Epigrafi
I Fiori del Male (Les Fleurs du Mal) (1857)
I fiori del male
Il giovane incantatore
Lettere alla madre
Lo spleen di Parigi (“Le Spleen de Paris” o “Petits poèmes en prose”) (1869)
Lo Spleen di Parigi
Pagine sull'arte
Paradisi Artificiali (Les paradis artificiels) (1860)
Paradisi Artificiali
Citazioni di Charles Baudelaire:
Quando tutto mi rapisce, ignoro se a sed...
L’amore somiglia molto a una tortura o a...
Non concepisco affatto (il mio cervello...
Gli aspetti seducenti e che fanno la bel...
Più l’uomo coltiva le arti, meno va in f...
La donna che non si gode è quella che si...
Mia bellezza, dillo ai vermi voraci, che...
Sono un cimitero aborrito dalla luna......
Valanga, vuoi trascinarmi nel tuo rovino...
L’artista non è tale se non a condizione...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!