Aiutaci. Grazie.

Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Scorrete lacrime, disse il poliziotto di Philip Kindred Dick

"Scorrete lacrime, disse il poliziotto" di Philip Kindred Dick
Titolo:Scorrete lacrime, disse il poliziotto
Titolo originale:Flow my Tears, the Policeman Said
Autore:Philip Kindred Dick
Editore:Arnoldo Mondadori Editore
Collana editoriale:Piccola Biblioteca Oscar
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1976
Pagine:265
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Inglese
Genere:Romanzo
Argomento:Fantascienza
Traduttore:Vittorio Curtoni
Prezzo :13000
Codice ISBN:8804464690
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
Recensione vocale: Scorrete_lacrime__disse_il_poliziotto_rece_Roberta.opus, 97751 bytes
:

1833 visualizzazioni

L'autore
Philip Kindred Dick nacque negli Stati Uniti d'America, a Chicago, nel 1928. Morì a Santa Ana, nel 1982.

Nella sua carriera, Philip Kindred Dick ha usato anche i seguenti soprannomi: Philip K. Dick.

Ecco le principali aree in cui Philip Kindred Dick si è impegnato: fantascienza.

Per sapere qualcosa di più su Philip Kindred Dick, potete consultare il sito web ufficiale dell'autore, disponibile alla seguente pagina:
http://www.philipkdick.com/.

La realtà di un personaggio televisivo può cambiare radicalmente.

Questo libro è fra quelli meno famosi scritti da Philip Kindred Dick, ma è qui stato riproposto in una nuova edizione con un titolo più aderente all'originale inglese. Per quanto riguarda le tematiche trattate, sono quelle che da sempre contraddistinguono l'autore americano: droga, schizofrenia, paranoia, alienazione e allucinazioni variegate, indotte o autoindotte. La lettura è molto scorrevole, e sono nel finale si capisce il motivo che ha trasportato il protagonista, da un mondo nel quale era un affermato presentatore televisivo, a una controparte in cui lui si trova ad essere sconosciuto e anonimo. Spassosi alcuni momenti in cui, sotto effetto della droga, il presentatore decaduto si abbandona ad allucinazioni a occhi aperti, in una dimensione onirica che coinvolge a pieno il lettore.

PAGELLA
Scorrevolezza:9
Valore artistico:7
Contenuti:7
Globale:7

Consigliato a:

Se siete appassionati di Philip Kindred Dick non potete non leggerlo. Per tutti gli altri, è sicuramente una lettura piacevole, a patto di apprezzare la fantascienza, soprattutto astratta ed onirica, che è quella poi che predilige Dick. Se vi è piaciuto questo romanzo, dovreste assolutamente leggere gli altri grandi libri di Philip Kindred Dick, come "Ubik", "Blade Runner", "Un oscuro scrutare".

TRAMA

Le vicende si situano nel 1988, quattordici anni dopo la pubblicazione del volume. Si intuisce, da riferimenti mai espliciti, l'esistenza di uno stato di polizia che controlla tutto il pianeta in seguito a una sorta di grande guerra: la popolazione è suddivisa in caste genetiche; gli studenti, percepiti come pericolo sociale, sono rinchiusi nelle loro università a morir di fame; i sovversivi vengono mandati in campi di concentramento, sottoposti ai lavori forzati.

Il protagonista, Jason Taverner, in possesso di un codice genetico potenziato, è il cantante e il conduttore di uno show televisivo di risonanza mondiale. In seguito a uno scontro con una sua ex amante, si ritrova in ospedale e, quindi, privo di coscienza, in un albergo di infima categoria. Nonostante sia in possesso della sua memoria, la sua esistenza sembra essere stata cancellata dal mondo: nessuno si ricorda di lui, è privo di documenti, e non esiste su tutto il pianeta una sola traccia del suo passato sino al giorno prima. In particolare, mancano i suoi dati negli archivi statali e di polizia: rischia così di essere arrestato e imprigionato in qualunque istante.

Il libro segue i due giorni lungo i quali Jason si muove in bilico tra ricerca e fuga, per recuperare la propria identità e scoprire, in un mondo diventato ormai alieno e ostile, il mistero legato alla propria scomparsa sociale. Mentre le vicende determinano i personaggi più che il contrario, l'autore ne approfitta per mostrare con pessimismo un futuro prossimo dove dietro l'ordine e la legalità di uno stato ferreo e la patina dorata dello spettacolo, si nascondono miseria, corruzione, decadenza e follia.

Incipit del libro Scorrete lacrime, disse il poliziotto di Philip Kindred Dick:

Parte prima

Scorrete mie lacrime, dalla vostra fonte sgorgate!
Per sempre esiliato, lasciatemi gemere;
dove il nero uccello della notte
la triste infamia di lei canta,
lì lasciatemi vivere sconsolato.


1

Martedì, 11 ottobre 1988. Il Jason Taverner Show durò trenta secondi meno del
solito. Un tecnico che stava osservando dalla cabina di regia bloccò i titoli di coda sul
video, poi puntò l’indice su Jason Taverner, che stava per lasciare la scena. Il tecnico
si batté un dito sul polso e indicò la propria bocca.
In tono suadente, Jason disse nella giraffa: — Continuate a spedirci cartoline e
lettere, amici. E restate sintonizzati per seguire Le avventure di Scotty, cane
straordinario
.
Il tecnico sorrise. Jason fece altrettanto, e audio e video vennero spenti. Il
programma di musica e varietà, che durava un’ora ed era al secondo posto negli
indici di gradimento dei migliori show televisivi dell’anno, era finito. Era tutto okay.
— Dove abbiamo perso mezzo minuto? — chiese Jason alla sua ospite d’onore
della serata, Heather Hart. Era perplesso. Teneva molto ai tempi dei suoi show.
Heather Hart rispose: — Passerotto, è tutto a posto. — Passò le mani fresche sulla
fronte un po’ sudata di Jason, gli accarezzò affettuosamente i capelli color sabbia.
— Ma ti rendi conto del potere che hai? — disse Al Bliss, il loro agente,
avvicinandosi a Jason. Avvicinandosi troppo, come sempre. — Stasera, trenta milioni
di persone ti hanno visto chiudere la lampo dei calzoni. In un certo senso, è un record.
— Io mi chiudo la lampo tutte le settimane — rispose Jason. — È il mio marchio.
O tu non guardi lo show?


[...]
Personaggi e concetti creati da Philip Kindred Dick:
Hoppy Harrington (Personaggio, dal libro Cronache del dopobomba)
Chuck Rittersdorf (Personaggio, dal libro Follia per sette clan)
Gabriel Baines (Personaggio, dal libro Follia per sette clan)
Mary Rittersdorf (Personaggio, dal libro Follia per sette clan)
Howard Straw (Personaggio, dal libro Follia per sette clan)
Omar Diamond (Personaggio, dal libro Follia per sette clan)
Annette Golding (Personaggio, dal libro Follia per sette clan)
Jacob Simion (Personaggio, dal libro Follia per sette clan)
Dino Watters (Personaggio, dal libro Follia per sette clan)
Ignazio Ledebur (Personaggio, dal libro Follia per sette clan)
Sarah Apostoles (Personaggio, dal libro Follia per sette clan)
Ingred Hibbler (Personaggio, dal libro Follia per sette clan)
Bunny Hentman (Personaggio, dal libro Follia per sette clan)
Sostanza M (Personaggio, dal libro Un oscuro scrutare)
Bob Arctor (Personaggio, dal libro Un oscuro scrutare)
I libri catalogati di Philip Kindred Dick:
Blade Runner (Do Androids Dream of Electric Sheep?) (1968)
Blade runner (Do Androids Dream of Electric Sheep?)
Cronache del dopobomba (Dr. Bloodmoney, or How We Got Along After the Bomb) (1965)
Cronache del dopobomba (Dr. Bloodmoney, or How We Got Along After the Bomb)
Deus irae (1976)
Follia per sette clan (Clans of the Alphane Moon) (1967)
Guaritore galattico (Galactic pot-healer) (1969)
I giocatori di Titano (The Game-Players of Titan) (1963)
I racconti inediti - volume secondo
Il dottor Futuro (Dr. Futurity) (1960)
Il sognatore d'armi (The Zap Gun) (1967)
In senso inverso (Counter-Clock World) (1967)
L'ora dei grandi vermi (The Ganymede Takeover) (1967)
L'Uomo dai denti tutti uguali (The Man Whose Teeth Were All Exactly Alike) (1984)
La città sostituita (The Cosmic Puppets) (1957)
La svastica sul Sole (The man in the high castle) (1962)
Labirinto di morte (A Maze od Death) (1970)
Le presenze invisibili - Tutti i racconti - Volume 1 (1987)
Le presenze invisibili - Tutti i racconti - Volume 2 (1987)
Le presenze invisibili - Tutti i racconti - Volume 3 (1987)
Le tre stimmate di Palmer Eldritch (The Three Stigmata of Palmer Eldritch) (1965)
Mary e il gigante (Mary and the Giant) (1955)
Noi Marziani (Martian Time-Slip) (1964)
Nostri amici da Frolix 8 (Our Friends from Frolix 8) (1970)
Occhio nel cielo (Eye in the Sky) (1957)
Scorrete lacrime, disse il poliziotto (Flow my Tears, the Policeman Said) (1976)
Se vi pare che questo mondo sia brutto (brani da "The shifting reality of Philip K. Dick") (1995)
Ubik (1969)
Un oscuro scrutare (A Scanner Darkly) (1977)
Utopia, andata e ritorno (The Unteleported Man) (1966)
Vita breve e felice di uno scrittore di fantascienza (brani tratti da "The Shifting Realities of Philip K. Dick) (1995)
Vulcano 3 (Vulcan's Hammer) (1960)
Citazioni di Philip Kindred Dick:
"Dio promette la vita eterna" disse Eldr...
La realtà è quella cosa che, anche se sm...
Il falso dio, ripeté felice, perc...
[Riferendosi al pianeta Marte] Dio mio,...
Io sono vivo, voi siete morti....
L'esistenza di una maggioranza, implica...
Mi dispiace dirlo ma gli scrittori di ...
Lo strumento fondamentale per la manipol...
Dei Sette Vizi Capitali, l'Orgoglio è il...
La verità diverte sempre gli ignoranti....
Quando si giace nella bara, il fatto che...
Sono solamente onesta. Dico semplicement...
Volevo solo dirti una cosa. Due, al mass...
L'universo non avrà mai fine, perché pro...
Uno Stato non è migliore di chi lo guida...
La vera posta in gioco nella guerra era:...
Kipple, sono tutti gli oggetti inutili,...
[Riferendosi ad un androide] Cont...
Anche senza l'aiuto dell'organo Penfield...
– Non è vero. Anche gli animali... perfi...
Dovunque tu vada, ti sarà richiesto di f...
Cosa si prova ad avere un bambino? Cosa...
Sembrava adesso più calma, ma si percepi...
Per qualche motivo, questa notizia non l...
Sì, pensò, tutto deriva dal fatto che no...
Ma a un androide non si può far niente,...
Si sentiva oppressa da un peso che la ta...
In questa vita ci mostrano soltanto i tr...
Io sono un occhio....
Quando si vive dentro, al sicuro, e si g...
L'inverno dello spirito. Mors ontolog...
"Che bei fiorellini azzurri". "Stai gua...
I vivi, pensò, non dovrebbero mai essere...
L'abuso della droga non è una malattia,...
Quando un certo errore comincia a essere...
Io stesso non sono un personaggio di que...
«E se fosse-non sesso-ma amore?» «Amore...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione
Aiutaci! Clicca qui

Donazioni BitCoin:

Aiuta ALK Libri donando Bitcoin
Sì | No