Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Omaggio alla Catalogna di George Orwell

"Omaggio alla Catalogna" di George Orwell
Titolo:Omaggio alla Catalogna
Titolo originale:Homage to Catalonia
Autore:George Orwell
Editore:Arnoldo Mondadori Editore
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1938
Pagine:277
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Inglese
Genere:Autobiografia
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
:

10897 visualizzazioni

L'autore
George Orwell è nato nel Regno Unito, a Motihari, nel 1903. Morì a Londra, nel 1950.

Il suo nome originale è Eric Arthur Blair.

Chi ha apprezzato "1984" e "La fattoria degli animali" non può perdersi questo strepitoso libro.

Tutti conoscono i due capolavori di George Orwell, “La fattoria degli animali” e “1984”, ma pochi sanno che “Omaggio alla Catalogna”, in quanto a espressione linguistica e scorrevolezza nella lettura, ha poco da invidiare a questi grandi romanzi. Orwell ha saputo creare un reportage delle sue avventure durante la guerra di Spagna dotato di grande profondità stilistica e ricchezza di contenuti. Alcuni capitoli sono di mirabile fattura, e riescono a farci partecipi delle vicende di guerra vissuta.
A mio avviso, di grande spessore sono proprio le narrazioni dei fatti minimalisti di quella guerra: la vita nella trincea, l'esposizione al freddo, ai pidocchi, al fuoco nemico, la mancanza di sonno che ottenebra la mente, la fame imperante, la sporcizia e il fetore delle latrine a cielo aperto. Questi passi sono memorabili e non fanno rimpiangere il miglior Hemingway di “Per chi suona la campana”.
È vero che ci sono almeno un paio di capitoli che parlano solo di politica, di giochi di potere, di connivenze e prevaricazioni, e che si adattano male alla struttura a metà tra il poetico e il referenziale dell'opera, ma lo stesso autore consiglia di saltarli a piè pari se non si è interessati alle vicende che si svolgono in alto loco. E comunque questi, pur di minor caratura a mio giudizio, non riescono a inficiare la bontà e la freschezza di questo libro.

PAGELLA
Scorrevolezza:9
Valore artistico:8
Contenuti:9
Globale:8

Consigliato a:

È una lettura che mi sento di consigliare a tutti, in particolare a chi vuole conoscere maggiormente lo spirito di Orwell, le sue idee, i sui pregi e difetti. Consigliato anche a chi vuole capire perché Orwell ha scritto i due capolavori “1984” e “La fattoria degli animali”, che tutti ricordano.
Fra i romanzi meno conosciuti di George Orwell, potreste leggere “Fiorirà l'aspidistra”.

TRAMA

Si deve tenere conto che il seguente riassunto è quello della seconda edizione del libro che ha subito alcune modifiche: due capitoli (precedentemente il quinto e l'undicesimo), che descrivevano i partiti spagnoli del Fronte Popolare e i loro contrasti, sono stati spostati in due appendici. Orwell riteneva che in questo modo il lettore avrebbe potuto ignorarli nel caso non fosse interessato alla scena politica spagnola; lo scrittore pensava che essi fossero fuori luogo tra capitoli narrativi.


Capitolo uno

Nel primo capitolo Orwell descrive l'atmosfera rivoluzionaria di Barcellona affermando che la città appariva completamente nelle mani dei lavoratori. Un gran numero di attività commerciali erano state collettivizzate e gli Anarchici (rappresentati dal Confederación Nacional del Trabajo o CNT e dalla Federación Anarquista Ibérica o FAI) avevano preso il controllo, l'uso di dare la mancia era stato proibito dai lavoratori stessi e forme servili come "Señor" o "Don" non erano più usate. Continua parlando del tempo trascorso nella “Caserma Lenin”, dove i miliziani ricevevano “quello che era comicamente addestramento”.

Nel resto del capitolo descrive i difetti delle milizie operaie del POUM, lamentandosi della tendenza degli spagnoli a rimandare qualsiasi cosa a "mañana" (cioè domani, letteralmente la mattina); poi apprezza la benevolenza e generosità di quest'ultimi.


Capitolo due

Orwell arriva ad Alcubierre (nel gennaio del 1937), dove è testimone delle squallide condizioni aggravate dalla vicinanza del villaggio al fronte. Poi menziona l'arrivo di vari disertori fascisti e descrive con precisione le insufficienti, vecchie e difettose armi che ricevono al fronte. Il capitolo termina con l'arrivo della sua centuria alle trincee presso Saragozza.


Capitolo tre

Il terzo capitolo inizia con la descrizione della banalità della guerra di trincea (“c'era soltanto quel misto di noia e scomodità”) e delle esplorazioni del territorio tra le linee nemiche, compiute strisciando nascosti dalla nebbia o dall'oscurità notturna. Successivamente apprezza le milizie del POUM per la loro rivoluzionaria organizzazione: erano composte da volontari e quindi combattevano per loro stessi e per i loro comuni fini, la retribuzione, le condizioni di vita in guerra e le uniformi erano le stesse sia per i soldati semplici che per gli ufficiali, gli appartenenti a diversi gradi potevano interagire e discutere apertamente tra loro. Questo tipo di organizzazione, nonostante portasse a problemi di efficienza e perdite di tempo, garantiva comunque un notevole numero di volontari, una bassa percentuale di diserzioni e una sufficiente disciplina. Questo tipo di organizzazione rimase fino alla fine del 1937, quando venne sistematicamente eliminata dal governo controllato dai comunisti. Nel resto del capitolo vengono descritti i vari problemi al fronte, quali la mancanza di legna, tabacco e munizioni decenti, così come i pericoli derivanti da incidenti dovuti alla insufficiente esercitazione e dalla pessima qualità delle armi.


Capitolo quattro

Nel quarto capitolo Orwell si unisce a un contingente di inglesi appartenenti all'Independent Labour Party (partito inglese corrispondente allo spagnolo POUM; Orwell era un simpatizzante dell'ILP) a Monte Trazo presso Saragozza. In questa posizione Orwell nota le urla di propaganda tra le trincee fasciste e socialiste e viene a conoscenza della caduta di Malaga. A febbraio è inviato con altri miliziani a Huesca; egli cita il motto “Domani prenderemo un caffè a Huesca”, detto all'inizio da un generale del governo che tenterà di compiere uno degli attacchi falliti alla città.


Capitolo cinque

Orwell si lamenta che nella parte a est di Huesca, dove si trova, non sembra succedere mai niente, tranne l'inizio della primavera e, con questa, la conseguente infestazione di pidocchi e piattole. Viene ricoverato in un (“cosiddetto”) ospedale a Monflorite per dieci giorni alla fine di marzo per un ascesso alla mano. In seguito descrive dei ratti “che erano davvero grossi come gatti, o poco ci mancava” (nel suo famoso “1984”, il protagonista ha la fobia dei ratti che anche lo stesso Orwell condivideva). Lo scrittore fa anche riferimento alla mancanza di un vero sentimento religioso, dicendo che “per gli spagnoli, almeno quelli in Catalogna e Aragona, la Chiesa era una vera e propria associazione a delinquere”. Quindi pensa che il Cristianesimo sia stato sostituito dall'anarchismo. Nel resto del capitolo si racconta di diverse operazioni a cui prese parte Orwell: per esempio, avanzando silenziosamente verso le linee dei nazionalisti di notte.


Capitolo sei

Una di queste operazioni, che nel capitolo cinque era stato posposta, è l'attacco a Huesca, finalizzato ad allontanare le truppe fasciste dalla strada di Jaca dove avverrà l'attacco degli anarchici. Orwell descrive l'attacco di quella notte in cui il suo gruppo di quindici uomini cattura una posizione fascista, ma poi ritorna alle proprie linee dopo essersi impossessato di fucili e munizioni e dopo essere riuscito a mobilitare le truppe fasciste.


Capitolo sette

In questo capitolo Orwell ci lascia alcuni ricordi dei 115 giorni trascorsi al fronte e riconosce che i suoi pensieri politici stanno lentamente cambiando: sta diventando un “convinto socialista democratico”.


Capitolo otto

Nell'ottavo capitolo si descrive il cambiamento nell'atmosfera sociale e politica che Orwell avverte al ritorno a Barcellona dopo tre mesi al fronte. Egli descrive l'assenza della precedente atmosfera rivoluzionaria, la riaffermazione delle differenze tra classi ricche e povere e il ritorno del linguaggio servile. Orwell è determinato a lasciare il POUM e afferma che gli piacerebbe unirsi agli anarchici, tuttavia cerca una raccomandazione per potere partecipare alla Colonna Internazionale comunista, per potere andare sul fronte di Madrid. La seconda metà del capitolo è spesa a descrivere i conflitti tra l'organizzazione sindacale anarchica CNT e la socialista Unión General de Trabajadores (UGT), la conseguente cancellazione della manifestazione del primo maggio e le premesse degli scontri cittadini di Barcellona.


Capitolo nove

Nel nono capitolo, Orwell ci racconta del suo coinvolgimento negli scontri di Barcellona che iniziano il 3 maggio, quando le Guardie d'Assalto (formazioni militari comuniste bolsceviche) del governo, governato da socialisti legati a Mosca, tentano di impossessarsi della centrale telefonica controllata dai lavoratori del CNT. Orwell si comporta da membro del POUM, controllando armato un'abitazione del partito. Sebbene si renda conto di stare combattendo per i lavoratori, ci descrive il suo sbigottimento per la situazione in città. Nella seconda appendice spiega le questioni politiche relative ai combattimenti di Barcellona, sia per come li vedeva allora, sia per come li considerò in seguito.


Capitolo dieci

Il capitolo inizia con delle riflessioni su come potrebbe finire la guerra: Orwell pensa che, anche se vincesse il Fronte Popolare, la tendenza del futuro governo dovrà comunque essere pseudo-fascista. Egli ritorna al fronte, ma dopo pochi giorni viene colpito da una pallottola che gli attraversa la gola. Per questo deve abbandonare la guerra e dopo essere stato temporaneamente ricoverato all'ospedale di Lleida, viene trasferito a Tarragona dove la sua ferita viene finalmente esaminata più di una settimana dopo aver lasciato il fronte.


Capitolo undici

Nel capitolo undicesimo, Orwell ci parla dei vari spostamenti tra gli ospedali di Siétamo, Barbastro e Monzón per ottenere i documenti per il congedo, dopo essere stato dichiarato non idoneo a combattere. Così ritorna a Barcellona, ma scopre che il POUM è stato soppresso ed egli è ricercato dai comunisti. Quindi passa la notte tra le rovine di una chiesa, dato che non può ritornare in albergo per il pericolo di essere arrestato.


Capitolo dodici

Nel dodicesimo capitolo descrive le persecuzioni politiche e la paura di queste; Orwell e sua moglie visitano George Kopp, che si trova in una prigione improvvisata. Dopo aver fatto tutto ciò che può per liberare Kopp, molto poco ma a grande rischio personale, lascia la Spagna anche “grazie all'inefficienza della polizia”.


Appendice uno

Questa sezione descrive i punti di vista dei partiti spagnoli più influenti a Barcellona: il PSUC (partito socialista unificato catalano, che col proseguire della guerra diventa sempre più legato al PCE, il Partito Comunista Spagnolo), gli Anarchici del CNT-FAI, e il POUM. La fondamentale differenza tra il PSUC e gli Anarchici insieme al POUM è che il primo era controrivoluzionario (sosteneva che prima di dar luogo a una rivoluzione sociale bisognava vincere la guerra contro il fascismo e quindi ci si doveva accontentare “temporaneamente” di mantenere la repubblica democratica) mentre i secondi erano rivoluzionari (sostenevano che la guerra era inseparabile dalla rivoluzione e che per i lavoratori la repubblica democratica sarebbe equivalsa al fascismo).


Appendice due

Questo capitolo si può considerare come un tentativo di sfatare i miti della stampa straniera (specialmente quella filosovietica) a proposito degli scontri di Barcellona del maggio 1937. Questi avvennero tra i membri del POUM e degli anarchici contro le forze comuniste/governative che li causarono quando la polizia locale occupò la centrale telefonica, che dall'inizio della guerra civile era gestita dagli operai della CNT. Al contrario, secondo il governo spagnolo, influenzato dai comunisti, e quindi secondo la stampa estera, fu il POUM, accusato di complottare con i fascisti, a causare deliberatamente gli scontri di Barcellona.

Incipit del libro Omaggio alla Catalogna di George Orwell:

Nella caserma Lenin di [[Barcellona]], il giorno prima del mio arruolamento fra i miliziani, ne vidi uno, italiano, ritto davanti al tavolo degli ufficiali.
Era un giovanotto dall'aspetto rude, sui venticinque o ventisei anni, capelli biondo-rossicci e spalle possenti. Il berretto di cuoio a punta gli calava fieramente su un occhio. Lo vedevo di profilo, il mento sul petto, mentre osservava con un cipiglio di perplessità una carta geografica che uno degli ufficiali aveva dispiegata sulla tavola. Qualcosa, sul suo volto, mi commosse profondamente. Era il volto di un uomo che avrebbe commesso un omicidio, gettato via la propria vita per un amico: il tipo di faccia che aspettereste in un [[Anarchia|anarchico]], anche se con ogni probabilità egli era un [[Comunismo|comunista]].


[...]
I libri catalogati di George Orwell:
1984 (1949)
1984
Charles Dickens
Cronache di guerra
Fiorirà l'aspidistra (Keep the aspidistra flying) (1936)
Giorni in Birmania
La fattoria degli animali (Animal Farm) (1944)
La Fattoria Degli Animali
La figlia del reverendo
La strada di Wigan Pier
Nel ventre della balena e altri saggi
Omaggio alla Catalogna (Homage to Catalonia) (1938)
Tra sdegno e passione
Citazioni di George Orwell:
Tutti gli animali sono uguali, ma alcuni...
War is peace. Freedom is slavery. Igno...
L'uomo è il solo, vero nemico che abbiam...
La guerra è la guerra. L'unico uomo buon...
Una donna nutre sempre una specie di sen...
[Parlando di ...
Chiunque comprenda il ruolo centrale che...
Dickens at...
È importante capire che l'attuale russom...
E poi l'Inghilterra – l'Inghilterra meri...

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!