Inizio > Indice Recensioni > Recensione: Se vi pare che questo mondo sia brutto di Philip Kindred Dick

"Se vi pare che questo mondo sia brutto" di Philip Kindred Dick
Titolo:Se vi pare che questo mondo sia brutto
Titolo originale:brani da "The shifting reality of Philip K. Dick"
Autore:Philip Kindred Dick
Editore:Giangiacomo Feltrinelli Editore
Tipologia del supporto:Cartaceo
Anno di pubblicazione:1995
Pagine:157
Lingua:Italiano
Lingua originale dell'opera:Inglese
Genere:Raccolta di articoli e saggi
Prezzo :14000
Licenza:Copyright (Diritti riservati)
DRM:
Recensione di:Christian Michelini
Recensione vocale:Se_vi_pare_che_questo_mondo_sia_brutto.opus, 117795 bytes
:

2155 visualizzazioni

L'autore
Philip Kindred Dick nacque negli Stati Uniti d'America, a Chicago, nel 1928. Morì a Santa Ana, nel 1982.

Durante la sua carriera, Philip Kindred Dick ha usato anche questi soprannomi: Philip K. Dick.

Nella sua vita si è dedicato a queste aree: fantascienza.

Consultate il sito ufficiale di Philip Kindred Dick, per avere maggiori informazioni su questo autore. Il link è a questa pagina:
http://www.philipkdick.com/.

Philip Kindred Dick e la sua immaginazione all'ennesima potenza.

Pur apprezzando in particolar modo la narrativa di Philip Kindred Dick, ho sempre pensato, come del resto quasi tutti, che i suoi romanzi fossero estremamente allucinati e ipnagogici, almeno intellettualmente. D'altronde la sua vita, tra paranoia, schizofrenia, alcool, droghe e intemperanze di ogni tipo, lo ha portato a questo tipo di tematiche affrontate. E, in particolar modo, è proprio la caratteristica ossessiva, inquietante e onirica che rende i libri di Dick così carichi di suggestione.
Ciò che mi ha colpito però maggiormente, è stato conoscere, tramite questa raccolta di suoi saggi, un autore che nella realtà è assai più paranoico, ossessivo e allucinato che nei suoi migliori romanzi. Molte delle idee espresse in questo libro sono difficilmente condivisibili, ai limiti dell'assurdo, e spesso oltre, ma la carica emotiva dell'autore e la sua esperienza come narratore portano noi che lo leggiamo a immergerci nei suoi sogni, nelle sue allusioni ed evocazioni mistiche e religiose, nei suoi mondi allucinati e nella sua teologia primordiale e panteistica.
Un Dick che risulta affascinante, pauroso, rabbrividente, allusivo, inconscio, sensato e insensato, nella sua rincorsa per dare un significato al nostro universo e all'esistenza.

PAGELLA
Scorrevolezza:7
Valore artistico:4
Contenuti:9
Globale:7

Consigliato a:

Consiglio questo libro agli appassionati dell'autore: avrete pane per i vostri denti. Tutti gli altri si dovrebbero orientare invece alla sua produzione di romanzi, primi fra tutti "Ubik", "Un oscuro scrutare" e "Blade Runner".

Personaggi e concetti creati da Philip Kindred Dick:
Hoppy Harrington (Personaggio, dal libro Cronache del dopobomba)
Chuck Rittersdorf (Personaggio, dal libro Follia per sette clan)
Gabriel Baines (Personaggio, dal libro Follia per sette clan)
Mary Rittersdorf (Personaggio, dal libro Follia per sette clan)
Howard Straw (Personaggio, dal libro Follia per sette clan)
Omar Diamond (Personaggio, dal libro Follia per sette clan)
Annette Golding (Personaggio, dal libro Follia per sette clan)
Jacob Simion (Personaggio, dal libro Follia per sette clan)
Dino Watters (Personaggio, dal libro Follia per sette clan)
Ignazio Ledebur (Personaggio, dal libro Follia per sette clan)
Sarah Apostoles (Personaggio, dal libro Follia per sette clan)
Ingred Hibbler (Personaggio, dal libro Follia per sette clan)
Bunny Hentman (Personaggio, dal libro Follia per sette clan)
Sostanza M (Personaggio, dal libro Un oscuro scrutare)
Bob Arctor (Personaggio, dal libro Un oscuro scrutare)
I libri catalogati di Philip Kindred Dick:
Blade Runner (Do Androids Dream of Electric Sheep?) (1968)
Blade runner (Do Androids Dream of Electric Sheep?)
Cronache del dopobomba (Dr. Bloodmoney, or How We Got Along After the Bomb) (1965)
Cronache del dopobomba (Dr. Bloodmoney, or How We Got Along After the Bomb)
Deus irae (1976)
Follia per sette clan (Clans of the Alphane Moon) (1967)
Guaritore galattico (Galactic pot-healer) (1969)
I giocatori di Titano (The Game-Players of Titan) (1963)
I racconti inediti - volume secondo
Il dottor Futuro (Dr. Futurity) (1960)
Il sognatore d'armi (The Zap Gun) (1967)
In senso inverso (Counter-Clock World) (1967)
L'ora dei grandi vermi (The Ganymede Takeover) (1967)
L'Uomo dai denti tutti uguali (The Man Whose Teeth Were All Exactly Alike) (1984)
La città sostituita (The Cosmic Puppets) (1957)
La svastica sul Sole (The man in the high castle) (1962)
Labirinto di morte (A Maze od Death) (1970)
Le presenze invisibili - Tutti i racconti - Volume 1 (1987)
Le presenze invisibili - Tutti i racconti - Volume 2 (1987)
Le presenze invisibili - Tutti i racconti - Volume 3 (1987)
Citazioni di Philip Kindred Dick:
"Dio promette la vita eterna" disse Eldr...
La realtà è quella cosa che, anche se sm...
Il falso dio, ripeté felice, perc...
[Riferendosi al pianeta Marte] Dio mio,...
Io sono vivo, voi siete morti....
L'esistenza di una maggioranza, implica...
Mi dispiace dirlo ma gli scrittori di ...
Lo strumento fondamentale per la manipol...
Dei Sette Vizi Capitali, l'Orgoglio è il...
La verità diverte sempre gli ignoranti....

Scrivi un commento







Libro | Scrittore | Citazione

Aiutaci!